Sganga, capogruppo M5S a Torino: “Fuori Altaforte e Polacchi dal Salone del Libro”

Dopo «l’arrivederci» alla kermesse libraria di Zerocalcare, Wu Ming e Carlo Ginzburg, i 5 Stelle ora chiedono l’esclusione dell’editrice Altaforte, e aggiungono anche di Francesco Polacchi , dal Salon

07/05/2019 14.36.00

Dopo «l’arrivederci» alla kermesse libraria di Zerocalcare, Wu Ming e Carlo Ginzburg, i 5 Stelle ora chiedono l’esclusione dell’editrice Altaforte, e aggiungono anche di Francesco Polacchi , dal Salone del Libro.

Dopo «l’arrivederci» alla kermesse libraria di Zerocalcare, Wu Ming e Carlo Ginzburg, i 5 Stelle ora chiedono l’esclusione dell’editrice Altaforte, e aggiungono anche di Francesco Polacchi , dal Salon

LEGGI ANCHE Raimo: “Andrò al Salone del Libro per parlare, discutere, anche contestare”Una richiesta sulla quale non è d’accordo il Pd. «Dico ai 5Stelle di chiamare il ministro dell’Interno Salvini e di chiedergli di mettere fuori legge CasaPound e simili» spiega Mimmo Carretta, segretario provinciale del Pd. «È giusto indignarsi, ma il vero problema è un altro, è applicare la legge: i partiti e i gruppi che spalleggiano e invocano il fascismo vanno dichiarati fuori legge. Fin quando non avverrà, da parte nostra, riteniamo che sia con la cultura che si combattono certe tesi». Quindi no ai boicottaggi al Salone.

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Primarie a Roma e Bologna, Letta e il Pd: «Grande affluenza, una festa della democrazia» Giustizia, l'attacco di Marta Cartabia: “Crisi di credibilità e fiducia, ci vorrebbero tanti Livatino”

LEGGI ANCHE Chiamparino: “Non si può impedire la presenza di Altaforte al Salone del Libro”«Io andrò al Lingotto e, di fronte allo stand di quella casa editrice, volterò le spalle in segno di disprezzo - dice Carretta -. L’Aventino contro il fascismo non ha mai pagato». Va detto che quello dei 5 Stelle è un cambio di rotta. Domenica c’era stata la fuga in avanti dei consiglieri dissidenti, Damiano Carretto, Maura Paoli e Daniela Albano, che chiedevano di cacciare dal Lingotto Altaforte. Ma la posizione del gruppo era stata più morbida: aveva parlato di “indignazione”, ma non si era spinta a chiedere di escludere la casa editrice dalla kermesse. Oggi, anche dopo le parole di Polacchi che si è dichiarato fascista, i toni di Sganga sono diversi. «Il Salone, come abbiamo detto ieri, deve essere lo spazio dove celebreremo la tolleranza e la resistenza alle derive neofasciste e autoritarie. Deve essere il momento pubblico dove dare battaglia con la forza delle parole e delle argomentazioni – spiega Sganga - Ma può esserlo ad una sola condizione: l’esclusione di Altaforte e di Polacchi. Qualsiasi via intermedia, qualsiasi compromesso, sancirebbe per il Salone, una perdita sul piano culturale che non possiamo accettare».

LEGGI ANCHE Salone, il collettivo Wu Ming se ne va: “Non con i neofascisti”L’assessora alla cultura, Francesca Leon, per ora non prende posizione sulla richiesta arrivata dalla capogruppo della sua stessa maggioranza di togliere gli spazi ad Altaforte. Ma la capogruppo M5S va oltre e chiede l’espulsione non solo dell’editrice Altaforte ma anche di Polacchi : «Chi è ospite può scegliere di boicottare, ma chi ha funzione politica e amministrativa ora ha tutti gli elementi per rimediare e allontanare subito un personaggio così: nuovi e inquietanti elementi emergono sulla figura di Polacchi: basta vedere le immagini che lo ritraggono armato di cinghia darle di santa ragione in un corteo in Piazza Navona a Roma, fino ad altri episodi di tafferugli ampiamente riportati dai giornali di oggi». headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Quando ormai i buoi sono scappati dalla stalla... come al solito Quanto baccano per niente! Bastava fare come una volta o metterli all’indice oppure accendere un falò.... I 5s dovrebbero parlare con il loro sindaco.

Salone del Libro, l'editore AltaForte: «L'antifascismo è il vero male del Paese»Francesco Polacchi: «Io sono fascista. Eravamo pronti alle polemiche ma non a questo livello». La sindaca Appendino: «Torino è antifascista» Anpi annulla la partecipazione: «Intollerabile la presenza di Altaforte» Ossimoro: non può essere un male ciò che combatte un male. Visto cosa succede a non tirare lo sciacquone? Che ci si ritrova uno stronzo come questo in mezzo ai piedi. Magari muori.

Salone del Libro, l’Anpi non andrà: «Intollerabile la presenza di Altaforte»Anche Zerocalcare annulla«Pubblica volumi elogiativi del fascismo oltreché la rivista Primato nazionale, vicina a CasaPound e denigratrice della Resistenza» Anpinazionale Quindi dopo i wuminchia anche i parmigiani non andranno al salone del libro. Ne guadagna la qualità. Staremo più larghi

Salone del Libro di Torino, la fuga degli intellettuali non è la soluzioneL’idea di manifestare la propria militanza democratica prendendo le distanze da un evento culturale rischia di assomigliare a tante tipiche schermaglie italiane Infatti, la soluzione sarebbe mettere i fascisti in galera Ma avendo al governo un fascista è ottima cosa boicottare ogni iniziativa, evento, spettacolo, trasmissioni tv... ospiti criminali (perché quello sono i fascisti) La soluzione sarebbe l'intervento preventivo del min interno per risolvere il problema dell'apologia al fascismo e ai suoi gerarchi. Credo che siano emersi problemi di conflitto d'interesse. Quindi isolare e rendere evidente il conflitto è doveroso. 25apriletuttiigiorni Guardate che ci sarà un sacco di gente al SaloneDelLibro , un po di casino fa solo il gioco degli organizzatori

Salone del Libro, Sandro Veronesi: «Perché è giusto andare a Torino»«Spetta alla giustizia esprimersi, ma ora parli». Lo scrittore interviene sulle polemiche legate alla presenza al Salone del Libro di Altaforte, editore vicino a CasaPound

Salone del libro, museo di Auschwitz avverte Torino: Noi o Casa Pound | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Salone del libro, museo di Auschwitz avverte Torino: Noi o Casa Pound | Sky TG24 Sono stronzi Ottimo, così potrò girare il salone tranquillo senza troppo casino..

Salone del libro di Torino: programma ed eventi più attesi | Sky Tg24 | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Salone del libro di Torino: programma ed eventi più attesi | Sky Tg24 | Sky TG24 Complimenti a chi ha scelto i nomi degli scrittori che saranno presenti. Per quanto riguarda le critiche purtroppo non si può piacere e tutti e quello che non piace basta evitarlo. Ma trovo corretta la scelta di non precludere nessuno. Esiste la libertà di scelta

Torino, Wu Ming rinuncia al Salone del libro: mai dove ci sono i fascistiIl collettivo bolognese cancella l'appuntamento del 12 maggio Idea strana della testimonianza e dell'impegno politico . Forse voleva soldi ? Chisseneffe Ne' comunisti!!!

Salone del Libro di Torino: la dichiarazione controversa di Altaforte, casa editrice vicina a Casapound | Sky TG24 | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Salone del Libro di Torino: la dichiarazione controversa di Altaforte, casa editrice vicina a Casapound | Sky TG24 | Sky TG24

Altaforte, chi è Francesco Polacchi, fascista e imprenditore con una storia di violenzaRitratto del fondatore della casa editrice che sta gettando nello scompiglio il Salone del Libro di Torino. Dalle aggressioni agli studenti all'avventura imprenditoriale dei giubotti Pivert, amati da Salvini Un pregiudicato Quasi quasi comincio a rimpiangere le cene eleganti...🙄 E io dovrei lasciare sta gente a governare il mio paese? WTF NO!!!

Salone del Libro, dopo Ginzburg e Wu Ming i “no” di Anpi e ZerocalcareIl pressing dei consiglieri 5 Stelle contro Altaforte. ANPI? Ma chi cazzo è?

Raimo: “Andrò al Salone del Libro per parlare, discutere, anche contestare”Andrà al Salone «soprattutto per parlare, discutere, anche contestare, e ascoltare. Ogni anno che sono andato al Salone sono tornato un po’ più ricco, quest’anno sono convinto che accadrà ancora di pi Andava anche bene dire solo “Andró al Salone”. Il resto è normale dialettica. E sarà proprio christianraimo a moderare l'incontro 'A casa nostra. I nuovi ragazzi della famiglia Calò' con l'autrice Nicoletta Ferrara. Domenica 12 maggio, ore 13.30, Sala Atlantide.