Torino, Beinasco, Gtt

Torino, Beinasco

Senza biglietto sul pullman, aggredisce il controllore e scappa: fermato dopo un inseguimento per le vie di Beinasco - La Stampa

L’uomo, di origini egiziane, è stato poi fermato dalla polizia locale

06/02/2020 21.32.00

L’uomo, di origini egiziane, è stato poi fermato dalla polizia locale.

L’uomo, di origini egiziane, è stato poi fermato dalla polizia locale

19:02BEINASCO (TORINO). Un uomo di 35 anni di origine Egiziana, residente a Rivalta di Torino, intorno alle 16 di oggi, giovedì 6 febbraio, ha aggredito un controllore della Gtt sulla linea del 5. Il motivo è questo: l’uomo viaggiava senza biglietto e quando il controllore si è avvicinato per chiedergli il documento di viaggio, il 35enne egiziano si è rifiutato. Di fronte alla nuova richiesta il 35enne ha aggredito spintonando e insultando l’operatore Gtt ed è sceso a Beinasco, scappando. Dopo un breve inseguimento per il centro della città è  stato fermato e identificato dalla Polizia locale.

Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano 'Fedez dice fesserie, ecco i dati sugli immobili del Vaticano' | Stanze Vaticane Sara Napolitano, un’ingegnera contro le malattie rare

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Ma ghi avevano detto che in Italia si mangia, beve e alloggia gratis e che si può delinquere che non succede niente !

Svolta nei trapianti: a Torino i minori potranno chiederli anche senza il sì dei genitori - La StampaTORINO. Una nuova procedura, la prima avanzata in Italia, su un tema delicatissimo: il consenso informato al trapianto nei pazienti minorenni. L’iniziativa, presentata questa mattina presso l’Università di Torino , punta a dare maggiore voce al paziente minore coinvolto in un intervento di trapianto. Tre anni di lavoro Il risultato è frutto del lavoro di tre anni del Gruppo multidisciplinare “Autodeterminazione e minori d’età”, formato da 13 esperti tra docenti e ricercatori dell’Università di Torino , dirigenti medici, psicologi e bioeticisti della Città della Salute di Torino , in particolare dell’ospedale Regina Margherita, e magistrati del Tribunale di Torino . Una novità, si premetteva. Non a caso, la procedura è stata pubblicata su Bioetica - Rivista interdisciplinare. Autodeterminazione Problema: sul piano giuridico il minore d’età non possiede un vero e proprio diritto di autodeterminarsi nelle scelte di cura perché sottoposto alle decisioni dei genitori, che possono chiedere o rifiutare i trattamenti a prescindere dalla sua volontà. Anche così, i giovani pazienti, che sin da piccoli hanno avuto esperienze di malattia e degenze prolungate in ospedali, maturano capacità di consenso di livello elevato, certamente superiore a quella dei coetanei e anche di molti maggiorenni. In quest’ottica la procedura, attraverso alcuni test specifici, valuta la capacità decisionale dei minori: nella speranza che non resti un caso isolato ma possa diventare un modello standard per tutti gli ospedali italiani. L’obiettivo è superare la presunzione che un individuo minore non sia in grado di decidere. La squadra Il metodo confluito nella procedura è innovativo e vi ha lavorato una équipe multidisciplinare: Elisabetta Bignamini, direttrice di Pneumologia Pediatrica all’ospedale Regina Margherita, Maurizio Mori, professore ordinario di Bioetica e Filosofia morale all’Università degli Studi di Torino , Elena Nave, bioeticista al Regina, Antonio Amoroso, docente di genetica medica all

Livorno, lasciano il (finto) figlio al tavolo del ristorante e scappano senza pagare il conto - La StampaLivorno, lasciano il (finto) figlio al tavolo del ristorante e scappano senza pagare il conto La variante 2.0 del 💨 🧐 Si inventano di tutto..cose da pazzi.🙈🙈

Frecciarossa deragliato, il messaggio delle 4.45: scambio senza alimentazioneIl messaggio dice che il deviatore 5 degli scambi all’altezza del posto manutenzione di Livraga veniva lasciato «disalimentato» (quindi senza corrente elettrica)

Buoni pasto, gli esercenti: senza una vera riforma non li accettiamo piùPesano i troppi balzelli e costi «facoltativi ma obbligatori» che agli esercenti erodono il 30% del valore dei ticket Come al solito a noi lavoratori ci fanno un 'bel' servizio.

Il ministro Boccia: «L’Ex Ilva non potrà vivere senza ciclo integrato»I sindacati ribadiscono: no ad accordi con esuberi Il termine tecnico corretto è : ciclo integrale

Boom della pillola del giorno dopo tra le giovanissime senza pensare ai rischi | Milena GabanelliDeve restare contraccezione d’emergenza perché non protegge dalle malattie sessuali. Il 22% ha rapporti non protetti