“Selvatica”, torna la grande bellezza della natura magica e fragile

“Selvatica”, torna la grande bellezza della natura magica e fragile

25/09/2020 10.21.00

“Selvatica”, torna la grande bellezza della natura magica e fragile

Via all’ottava edizione della kermesse, con un percorso di mostre nei palazzi storici del Piazzo. Scultura, fotografia e pittura celebrano gli animali, la flora e gli ambienti più suggestivi del mondo

Pubblicato il25 Settembre 2020I palazzi storici del rione Piazzo di Biella si preparano ad accogliere i visitatori dell’VIII edizione di «Selvatica, arte e natura in festival», l’evento in cui la creatività umana celebra il mondo naturale e le creature che lo popolano, esaltandone la bellezza e la fragilità, ma favorendo anche una riflessione che indirizzi verso il rispetto e la tutela.

G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano 'Saman? Le politiche di integrazione hanno fallito. E le donne restano invisibili' Variante Delta, la mutazione del coronavirus preoccupa l'Europa. Ecco cosa succede

Il percorso, articolato in diverse esposizioni, alcune delle quali ospitate in suggestivi contesti anche al di fuori della città, sarà inaugurato oggi alle 18 a Palazzo Gromo Losa. Le visite proseguiranno poi fino al 10 gennaio, il sabato e la domenica dalle 10 alle 19. Ideato da E20Progetti e sostenuto dalla Fondazione Crb, il festival offre, accanto alle mostre, laboratori didattici ed eventi collaterali, sempre ispirati al tema principale. A collegare i tre palazzi (Gromo Losa, Ferrero e La Marmora) è una mostra diffusa, che presenta le sculture lignee di Jürgen Lingl che, realizzate con un’originale tecnica d’intaglio, giungono a Biella grazie a una collaborazione con il Muse di Trento. Si tratta di oltre 30 lavori, di diversa grandezza, che raffigurano la fauna degli ambienti artici e di quelli temperati, i grandi carnivori e i cavalli.

Palazzo Gromo Losa ospita il suggestivo progetto fotografico «Habitat» di Marco Gaiotti, che raccoglie immagini provenienti da ogni parte del mondo, accomunate dal fatto che in esse l’ambiente è protagonista e domina sull’animale ritratto. Nella stessa sede è possibile ammirare il lavoro sulla flora tropicale di Margherita Leoni, pittrice botanica che coniuga talento estetico a rigore scientifico, e le sculture di Luciano Mello Witkowski Pinto, artista brasiliano entrato in contatto con etnie autoctone dell’Amazzonia delle quali ha colto e studiato le abitudini, restituendole attraverso sculture di rara bellezza. Entrambi gli artisti sono in prima linea nella salvaguardia del patrimonio floreale e faunistico dell’Amazzonia, sempre più minacciato dall’opera dell’uomo e ora anche dall’emergenza sanitaria Covid-19 che sta colpendo duramente i popoli indigeni. headtopics.com

Palazzo Ferrero fa invece da cornice agli incredibili scatti del più grande concorso di fotografia naturalistica della Germania, il «Glanzlichter», al quale ogni anno partecipano migliaia di fotografi. La visita offre un viaggio in tutto il mondo, grazie una selezione di spettacolari immagini che ritraggono il paesaggio e gli animali nel loro habitat.

Palazzo La Marmora accoglie gli «Alberi monumentali italiani», rappresentati nelle incisioni all’acquaforte dall’artista lombarda Federica Galli, che porterà in mostra una selezione di quelli piemontesi. Le sale ospitano anche un suggestivo confronto tra gli acquerelli e i disegni di soggetto botanico realizzati nell’Ottocento dalle sorelle Emilia e Filippina La Marmora e altre opere che riprendono la tecnica tradizionale in chiave attuale, realizzate da Angela Petrini e Maria Lombardi, entrambe legate all’Associazione Italiana Pittori Botanici «Floraviva».

Completano le mostre artistiche gli scatti dei soci del Fotoclub Biella, ancora a Palazzo Gromo Losa, e quelli dei partecipanti ai concorsi «Be Natural / Be Wild» e «Nord-Ovest Nature», che si possono invece vedere allo Spazio Cultura della Fondazione Crb in via Garibaldi.

Le sale di Palazzo Gromo Losa ospitano infine «Predatori del microcosmo», un allestimento di natura scientifica, con animali osservabili dal vero, curato dai naturalisti Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli. Un approfondimento sulle tecniche, spesso ingegnose e sorprendenti, che ragni, insetti, anfibi e rettili adottano per sopravvivere, procurarsi il cibo e riprodursi. headtopics.com

La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Calhanoglu, c'è l'offerta dell'Atletico Madrid Djokovic regala la racchetta al piccolo tifoso: «Mi incitava e mi dava consigli tattici»

©RIPRODUZIONE RISERVATA Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Adamello Ultra Trail tra natura e storia: 700 runner al via nell’edizione del CovidDa venerdì 25 a domenica 27 torna il prestigioso evento di trail-running a Pontedilegno-Tonale. I tre percorsi di gara si snodano nel Parco dello Stelvio e dell’Adamello lungo i sentieri e le mulattiere della Grande Guerra

Immobili e mutui, al via la partnership commerciale tra Tiscali e VivoquiUn unico form per trovare casa e rata compatibile con il reddito, passando per un solo portale e con un solo click occhio

Sfilate di Milano al via: la moda vuole essere ottimista - VanityFair.itTagliato il nastro di partenza della prima Fashion Week di Milano post Covid-19. Tra eventi digitali e sfilate fisiche (poche), tra giornalisti e buyer (anche loro, non molti) la moda riparte. All'insegna della positività

Il Comune di Milano dice sì a una via dedicata alle «Giovinette»L’ordine del giorno, presentato da Anita Pirovano di Milano progressista, è stato approvato all’unanimità dall’aula di Palazzo Marino e chiede che il luogo scelto per l’intitolazione sia vicino all’Arena

Alan Kurdi, Viminale autorizza sbarco dei migranti ad Arbatax. Al via procedura ricollocamentoDopo un lungo braccio di ferro con la Francia, la nave della ong tedesca ha ricevuto l'ok dal ministero dell'interno italiano: 'in considerazione del previsto peggioramento delle condizioni meteo' ma l'80% dei migranti soccorsi verrà trasferito in altri Paesi europei' Ci crediamo tutti! E vai! Non basta la Sicilia! Ora pure ad Arbatax! Io li farei sbarcare ad Olbia, Porto Rotondo e' piu' vicino! E come no? Rimarranno tutti in Italia, come al solito. E tutti sulle spalle dei contribuenti italiani. Come sempre. Perché NESSUNO, in Europa, vuole farsi carico dei migranti. Questo governo di cialtroni ci ha trasformato, di nuovo, nella latrina d'Europa. Maledetti.

Atlantia, via alla scissione di Aspi. Possibile anche la venditaIl cda della holding ha deliberato l’avvio della procedura di uscita dal capitale della controllata Autostrade. Cdp pronta ad abbandonare il tavolo della trattativa