Segreto professionale, sospeso l’avvocato che fa 35 cause contro il cliente rivelando notizie su di lui

Segreto professionale, sospeso l’avvocato che fa 35 cause contro il cliente rivelando notizie su di lui

24/04/2021 23.47.00

Segreto professionale, sospeso l’avvocato che fa 35 cause contro il cliente rivelando notizie su di lui

Decine di cause contro l’ex assistito, i familiari e la società, per recuperare gli onorari. Nelle memorie indicate informazioni non rilevanti anche private

(13683)3' di letturaVia libera alla sospensione dalla professione per l’avvocato che, per recuperare gli onorari, fa ben 35 cause contro l’ex cliente, la sua società, la ex moglie, i familiari e anche i suoi nuovi difensori, inserendo nelle memorie notizie, personali, non utili alla difesa, apprese nell’esecuzione del mandato. La Cassazione (sentenza 10852) respinge il ricorso del legale, contro la sentenza con la quale il Consiglio nazionale forense aveva deciso di sospenderlo per due mesi, per violazione del segreto professionale e per le frasi offensive, contenute negli atti giudiziari, usate verso l’ex cliente, i suoi familiari e i suoi legali. Memorie nelle quali l’ex assistito, amministratore delegato di una società, veniva indicato come un “vero furfante” artefice della rovina della compagine, deciso a danneggiare economicamente i familiari.

La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Djokovic regala la racchetta al piccolo tifoso: «Mi incitava e mi dava consigli tattici» Auto elettrica, la rivoluzione è partita. Presto diremo addio al motore termico

L’uso di termini denigratoriDenigratori anche i passaggi dedicati, in una delle numerose cause, ad una componente della famiglia, indicata come la donna che aveva svuotato il conto in banca della madre il giorno stesso in cui era morta. Il legale non aveva dimenticato neppure i colleghi che erano subentrati nell’assistenza, bollati come «la solita solfa cannibalesca: la categoria forense si sta dividendo, o, almeno specializzando; anzitutto quelli che lavorano, quelli che fanno le cause vere, anche contro gli stessi colleghi alle volte lo meritano, in ultimo in fondo, quelli che fanno le cause ai colleghi (per non far pagare la parcella ai loro nuovi clienti, con i quali normalmente si fanno pagare prima). I giudici insieme al contenuto degli scritti “condannano” anche la grammatica. Ma questo senza conseguenze. Nel merito, l’incolpato si difende sia dall’accusa di aver usato espressioni offensive sia dall’addebito della violazione del segreto professionale. A suo avviso era tutto scriminato dal diritto di difesa e dall’essere le parole “incriminate” - oltre che una reazione ad attacchi insultanti - contenute in atti processuali. Per la Cassazione le cose stanno diversamente.

Loading...Obbligo del segreto professionale e derogheSecondo il Codice deontologico forense negli scritti difensivi e nell’attività professionale è vietato usare espressioni sconvenienti o offensive nei confronti dei colleghi, delle controparti e dei terzi. Un dovere che il ricorrente aveva definito il solito “ritornello” sulla illeceità delle frasi considerate tabù negli scritti per recuperare gli onorari. Ma evidentemente la Suprema Corte crede nel brocardo repetita iuvant. Ad aggravare l’uso delle parole censurate - anche in nome del decoro professionale - si aggiunge il fatto che questi erano del tutto gratuiti perché slegati dall’oggetto dei processi. headtopics.com

La difesa fa acqua anche per quanto riguarda la violazione del segreto professionale. Ad iniziare dalla giustificazione che alcune delle notizie contenute negli atti, non erano state apprese dal cliente ma da una memoria del legale di controparte. La Cassazione ricorda che il codice di autoregolamentazione stabilisce come dovere primario e fondamentale per l’avvocato il riserbo e il segreto professionale. Un obbligo di non rendere note «tutte le informazioni che gli siano fornite dal cliente e dalla parte assistita, nonché quelle delle quali sia venuto a conoscenza in dipendenza del mandato». Pur ammettendo dunque che la fonte non fosse l’assistito ma l’avvocato di controparte, non c’è dubbio che la conoscenza delle informazioni sia avvenuta in conseguenza del mandato.

È poi vero che esiste una deroga all’obbligo di segretezza. L’eccezione riguarda la possibilità di divulgazione quando questa è necessaria per svolgere attività di difesa «per allegare circostanze di fatto in una controversia tra avvocato e cliente e parte assistita». Sbaglia però il ricorrente a leggere la norma come un esonero generale. Non era questo il caso in cui poteva scattare l’esimente. Il genere di notizie utilizzate, relative per lo più a vicende personali o di lavoro, non erano legate all’oggetto del contendere. Per finire, sia la compagna del legale sia una sua assistente di studio, erano state citate come testi in una delle tante cause contro la società debitrice, senza imporgli il rispetto del segreto professionale.

Leggi di più: IlSole24ORE »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

🤣🤣🤣 Dopo 35 cause?

Dove nasce l’ossessione per la fertilità femminile e il numero 35L’età riproduttiva delle donne non si ferma più ai 35 anni, afferma una nuova ricerca. Quindi si può smettere di trattare questa soglia come un precipizio e affidarsi ai dati scientifici per contrastare le vere minacce alla fertilità umana. Leggi

Chernobyl 35 anni dopo: Kiev chiede il riconoscimento dell’Unesco - VanityFair.itL’Ucraina è pronta a chiedere che la zona di Chernobyl entri a far parte del patrimonio mondiale dell'Unesco. Il 26 aprile del 1986 l'incidente alla centrale nucleare, ancora oggi il più grave mai avvenuto

Chernobyl, 35 anni dopo: l’Ucraina vuole trasformare la centrale in patrimonio dell’umanitàIl presidente Zelensky è convinto che la zona di esclusione potrà diventare una grande attrazione turistica, con benefici economici. Alcuni sentieri sono stati trattati, ma il resto del terreno, gli alberi e tutte le piante sono ancora pericolosi si un posto dove ti dai la carica Ah, a quel tempo anche da noi comandavano in modo sotterraneo, quelli dell'ex PCI non è vero e forse sono stati loro ad indurre il governo del tempo a non farlo o no ? Perchè l'ITALIA, a suo tempo , non fece causa internazionale alla ex URSS di GORBACIOV per i danni diretti ed indiretti subiti anche da noi dal disastro di CERNOBYL ?

Weekend del Primo Maggio: ancora pioggia al Nord, nevicate sulle Alpi e 35 gradi in SiciliaVenerdì allerta gialla in Lombardia e Piemonte. Primo Maggio con temporali, grandine e nubifragi in Lombardia. Domenica neve a 1.400 su Alpi centrali e Dolomiti

Chernobyl, reazioni di fissione in un reattore a 35 anni dal disastroLeggi su Sky TG24 l'articolo Chernobyl, reazioni di fissione in un reattore a 35 anni dal disastro Ma ti pare che da quelle parti potevano sentirsi inferiori a un razzetto cinese?! Mancava ...... Eeeee abbiamo dovuto comprare l'Amuchina, poi la mascherina, poi il saturimetro, poi un telescopio per il razzocinese...e ora dovremmo comprarci un contatoreGeiger per misurare le radiazioni che arriveranno da Chernobyl... 🙄😤🥴