Scottature: come intervenire sulle dita che hanno toccato il piano del gas bollente - La Stampa

I consigli dei chirurghi. No all’olio, usate soltanto acqua fredda, ma a lungo

22/01/2020 08.05.00

Scottature: come intervenire sulle dita che hanno toccato il piano del gas bollente

I consigli dei chirurghi. No all’olio, usate soltanto acqua fredda, ma a lungo

I consigli dei chirurghi. No all’olio, usate soltanto acqua fredda, ma a lungoflora di darioPubblicato il22 Gennaio 2020Mini incidenti domestici, oppure qualche spiacevole distrazione nel corso della nostra giornata. In casa o all’aperto, può capitare che ci si scotti con il fuoco o con qualche materiale reso incandescente dall’induzione di calore. I fornelli del piano gas nella nostra cucina sono un esempio. Sono spesso all’origine di piccoli ma dolorosi infortuni. Si va per pulire i cerchietti cosiddetti «spartifiamma» e non ci si ricorda che la pentola della pasta è stata spostata da poco ed era lì a bollire sul piano in acciaio (o ghisa), fino a pochi secondi prima. Ed ecco che ci bruciamo le dita.

Diletta Leotta vola in Turchia per conoscere la famiglia di Can Yaman: nozze in vista? - VanityFair.it Per SuperMario l’Immenso si citano Gesù, Sánchez, Kissinger e Gadda - Il Fatto Quotidiano Nicola torna a casa, il piccolo ha lasciato l'ospedale. Anche il fratellino si allontanò - Cronaca

Che fare? Spalmare olio di oliva sulla parte offesa come predicavano i nostri vecchi? Oppure altro? Ebbene, i chirurghi specialisti in ustioni, raccomandano di ricorrere subito alla soluzione più semplice: l’acqua. Bisogna fare scorrere acqua fresca sull'area interessata per 20 minuti consecutivi. Questo perché è necessario «raffreddare» l'ustione per ridurre le possibilità che tutta o anche solo una parte della pelle, venga danneggiata o ferita in strati più profondi.

Ci sono alcuni avvertimenti, però. Ad esempio, se la scottatura ha interessato un bambino piccolo e l’ustione è di dimensioni importanti, ecco che servirà esporre al getto di acqua fredda buona parte del corpo del piccolo e questo farà sì che egli od ella, si raffreddi completamente. Questo è pericoloso ed è quindi necessario in questo caso mantenere caldo il resto del «paziente», avvolgendolo in una coperta o qualcosa di simile, per poi procedere al raffreddamento con acqua, della sola parte interessata dall’ustione.  headtopics.com

Nel caso si vedessero comparire delle vesciche, oppure il colore della pelle fosse decisamente cambiato dopo averlo raffreddato, bisognerà coprire l'area lesa con un involucro di plastica, ad esempio una pellicola trasparente. Quindi, poco dopo, non appena possibile,  recarsi ad un pronto soccorso o presso qualsiasi presidio sanitario che avrà a disposizione strumenti ed eventualmente farmaci per medicare correttamente la bruciatura.  

L’area dell’ustione va tenuta comunque sempre coperta e pulita, anche nei giorni successivi. Occorre cambiare la medicazione regolarmente e con molta delicatezza.Con un'ustione minore, ovvero limitata agli strati superiori della pelle, potremmo aspettarci una guarigione praticamente completa, nell’arco di 7-10 giorni.

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Libia, si allarga la guerra del petrolio e sale il prezzo del greggio - La StampaDALL’INVIATO A BEIRUT. I terminal petroliferi della Libia sono ancora chiusi e il prezzo del Brent ha guadagnato quasi un dollaro, a 66 al barile. Il Wti texano è salito a 59,73. Sono gli effetti del taglio di circa 800 barili di petrolio al giorno, oltre due terzi dell’export libico, dopo la chiusura sabato dei terminal petroliferi nella cosiddetta “mezzaluna del petrolio”, da Zueitina a Sidra. Oggi anche campi di Shahara e El-Feel, nel Fezzan, hanno dovuto ridurre la produzione, dopo che milizie tribali fedeli ad Haftar hanno preso possesso e chiuso l’oleodotto che porta al terminal di Zawiya, vicino a Tripoli. In questo modo l’intero export libico, che aveva toccato di recente 1,2 milioni di barili al giorno, rischia di essere bloccato nei prossimi giorni. Anche il giacimento offshore di Al-Wafa, fuori dalla portata del maresciallo, dovrà infatti ridurre la produzione per mancanza di sbocchi. Oggi si vedrà se Haftar è disposto a cedere alle richieste della Conferenza di Berlino. La chiusura ha effetto anche sull’Eni, che nel giro di una settimana sarà costretta a fermare gran parte della sua produzione nel Fezzan e in Tripolitania. In particolare l’assalto ai campi di Shahara e di El-Feel sembra un messaggio diretto del maresciallo all’Italia.

Si dà fuoco con la benzina, muore per le ustioni - La StampaLa vittima di 39 anni, Salvatore Blanco, si è trasformata in una torcia umana domenica mattina nel cortile della sua abitazione nel Siracusano Rip Rip

Tragedia a Carcare, figlio uccide l’anziana madre e poi si toglie la vita - La StampaMauro Torterolo, 72 anni, ha ucciso Elsa Giribone, 95 anni..

Perché la Lazio può diventare l’anti Juve - La StampaDifesa solida e nervi distesi, più un super Immobile: in 19 partite ha segnato 23 gol, una media straordinaria che va oltre quella di Gonzalo Higuain nell’anno del record di gol in campionato. Un super Immobile. Con 19 rigori ci riuscivo pure io.

Il rallo di Guam è risorto dall’estinzione e torna a sfidare la sorte - La StampaDa 'estinto in natura' a 'in pericolo'. Dopo quattro decenni, un uccello tropicale è tornato a vagare liberamente su due isole dell'oceano Pacifico. La storia del rallo di Guam è davvero sorprendente, proprio come la sua rara 'promozione' che lo ha fatto tornare indietro dall'oblio. Solo un altro uccello, il ...

La pastiglia non basta, conta chi sei tu - La StampaUna quotidianità di malattie multiple, scarsa attenzione alle dosi ed effetti collaterali imprevisti. Cambiano le cure con la logica “real world” “Adeguiamole alla vita di ogni paziente”.