Cratere, Australia, Asteroide

Cratere, Australia

Scoperto in Australia il più antico cratere di impatto di asteroide

Scoperto in Australia il più antico cratere di impatto di asteroide

23/01/2020 03.25.00

Scoperto in Australia il più antico cratere di impatto di asteroide

L’impatto avvenne 2,23 miliardi di anni fa e produsse una struttura di almeno 70 chilometri di diametro in un periodo in cui era in corso una glaciazione

EmailÈ stata scoperta a Yarrabubba, in una remota regione desertica dell’Australia occidentale, una struttura che è stata interpretata dai ricercatori guidati da Timmons Erickson del Johnson Center della Nasa come la testimonianza del più antico impatto con un asteroide con la Terra. Con un avanzato sistema di datazione basato sugli isotopi di uranio e piombo contenuti in traccia nei cristalli di zircone e monazite, è stata stabilita l’epoca dell’impatto: 2,229 miliardi di anni fa, con un margine di errore di 5 milioni di anni in più o in meno.

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti

L’impattoL’impatto australiano è di circa 200 milioni di anni precedente al più vecchio finora identificato, quello di Vredefort in Sudafrica, che è anche molto più grande. Ciò non significa che non sono avvenuti impatti con asteroidi in epoche più antiche. Anzi, gli scienziati ritengono che la Terra nei suoi primi 500-600 milioni di anni di vita passò attraverso diverse fasi in cui venne sottoposta a un autentico «bombardamento» da parte di comete e asteroidi di varie dimensioni. L’ultima fase, chiamata Late Heavy Bombardment, durò almeno 100 milioni di anni e terminò 3,9 miliardi di anni fa. Solo che le testimonianze di questi impatti antichi sono stati distrutti dall’erosione e dall’azione geologica.

Il diametroIn Australia in verità non è stata rilevata nessuna struttura assimilabile e un cratere. Come è statoNature Communications, è stata notata un’anomalia in corrispondenza di una bassa collina di granito nel centro intorno alla quale sono stati ritrovati nei minerali che presentano delle particolari microstrutture che si possono formare solo se sottoposte al altissime pressioni e alte temperature tipiche di un grande impatto. Considerando questi e altri fattori, si è stati in grado di determinare il diametro del «buco» prodotto dall’impatto: 70 chilometri. L’asteroide che 66 milioni di anni fa probabilmente provocò l’estinzione dei dinosauri creò un cratere di 200 chilometri di diametro. headtopics.com

Terra palla di ghiaccioL’impatto avvenne durante una fase di un’era (il Paleoproterozoico) in cui la Terra stava attraversando uno dei periodi più importanti della sua storia. A partire da circa 2,5 miliardi di anni fa, infatti, i primi batteri capaci di fotosintesi (cianobatteri) fecero innalzare il contenuto di ossigeno nell’atmosfera, prima praticamente inesistente. Ma questo grande evento ossidativo innescò anche una grande glaciazione in seguito a serie di reazione geochimiche.

Fine della glaciazioneQuando colpì l’asteroide circa 2,23 miliardi di anni fa la Terra era un’intera palla di ghiaccio. Il gruppo di Erickson ha ipotizzato che sul luogo dell’impatto si trovava uno strato di ghiaccio spessa fino a 5 chilometri. Il colpo vaporizzò all’istante una quantità enorme di acqua: 500 miliardi di tonnellate. Nella zona non si rinvengono più tracce di una copertura glaciale per i successivi 400 milioni di anni. L’impatto fece finire un’era glaciale? Gli scienziati non si azzardano a dirlo, ma si limitano a considerarla un’ipotesi da verificare.

22 gennaio 2020 (modifica il 22 gennaio 2020 | 19:57) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Riscatto laurea e fondo pensione al test di convenienzaa meno di non esser certi che il riscatto della laurea presso l’Inps dia la possibilità di anticipare il momento del pensionamento, la scelta del fondo pensione appare generalmente la più conveniente

Ecco come (e perché) il viaggio diventa un'esperienza “onlife”Alla stazione Leopolda il 12 e 13 febbraio, due giorni di incontri di alcuni tra i più importati attori del settore travel

Qui Giappone, Shinzō Abe è il premier dei record e dei paradossiTremila giorni di potere, è il capo di governo più longevo nella storia del Paese. E pensare che nessuno ci avrebbe scommesso uno yen

Portogallo, la folle acrobazia del surfista sul muro d'acqua alto 12 metriIl surfista professionista Kai Lenny ha eseguito una rischiosa acrobazia mentre cavalcava un'onda alta più di 12 metri a Nazaré, in Portogallo. Il...

Scoperta a Castellamonte una sala scommesse abusiva - La StampaCASTELLAMONTE (TORINO). La Guardia di finanza ha scoperto all’interno di un internet point di Castellamonte un'attività di scommesse sportive del tutto abusiva. Le indagini, condotte dai finanzieri dal Gruppo Ivrea, hanno accertato che all'interno dell'agenzia coinvolta, venivano raccolte illegalmente scommesse relative ad eventi sportivi nazionali ed esteri: dagli incontri di calcio al basket sino alle gare ippiche, il tutto tramite un sito internet riconducibile ad una società austriaca. Un sito, tra l’altro, non autorizzato ad operare in Italia. Tutte le apparecchiature (una ventina tra computer, modem, stampanti e switch) sono state sequestrate dai militari. L'amministratore dell'attività, un 70enne di Torino, è stato denunciato alla procura di Ivrea per esercizio abusivo di gioco e scommesse. Ora rischia fino ad un anno di reclusione.

Baby George (e la royal family) diventano una serie animataIl principino di Cambridge è la fonte di ispirazione dell'ultimo cartoon di Gary Janetti, creatore dei Griffin e di un brillante profilo Instagram dedicato alle malefatte del primogenito di William e Kate