Morto, Lecco, Novara

Morto, Lecco

Scivola lungo un sentiero e precipita nel vuoto: morto novarese di 49 anni sulle montagne del Lecchese - La Stampa

Scivola lungo un sentiero e precipita nel vuoto: morto novarese di 49 anni sulle montagne del Lecchese

17/02/2020 00.34.00

Scivola lungo un sentiero e precipita nel vuoto: morto novarese di 49 anni sulle montagne del Lecchese

Scivolato lungo un sentiero, è precipitato durante un’escursione con un amico. Maurizio Bruschi, 49 anni, docente universitario che risiedeva a Novara , è morto sabato mattina mentre scalava il Monte Legnone: è la vetta più alta della provincia di Lecco e di tutte le Alpi Orobie con i suoi 2.609 metri di quota. L'uomo stava affrontando un punto abbastanza esposto della scalata con un compagno di risalita, appena sotto il bivacco Silvestri a 2.146 metri. Una volta superata quella difficoltà, il percorso prosegue lungo l'ultima cresta che porta alla vetta. L'insidia del terreno sdrucciolevole non ha lasciato scampo all'alpinista: Bruschi ha perso l'equilibrio senza riuscire ad aggrapparsi alla catena di sicurezza e non ha avuto scampo. La persona che era con lui e lo precedeva sul tracciato ha subito lanciato l'allarme. Da Sondrio si è alzato in volo l'elicottero del 118, ma i soccorritori arrivati sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Il corpo è stato trasferito all'obitorio di Lecco in attesa del via libera per fissare la data del funerale: il nulla osta verrà concesso una volta completate le pratiche burocratiche necessarie per effettuare il trasferimento della salma dalla Lombardia. Bruschi è la quinta vittima sulle montagne di Lecco negli ultimi due mesi. Originario del Milanese, l'uomo era un appassionato della montagna e spesso partecipava a escursioni. Si era trasferito a Novara dopo il matrimonio con la moglie Laura. Abitavano nel quartiere della Bicocca con un figlio di 12 anni. Il docente si era laureato in Chimica industriale all'Università degli Studi di Milano nel 1996. Aveva poi conseguito un dottorato al Politecnico federale di Zurigo, in Svizzera, e svolto attività di ricerca nel laboratorio di Enzimologia dell'istituto Mario Negri di Milano. Dal 2000 lavorava all'università di Milano Bicocca, prima come ricercatore e dal 2014 come professore associato di Chimica generale e inorganica e Chimica bioinorganica al dipartimento d

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

18/24 giugno 2021 • Numero 1414 E' morto Giampiero Boniperti, una vita per la Juventus - Sport Perché difendo il video della funivia Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Rip

La Stampa proclama due giorni di sciopero: il comunicato del comitato di redazione - La StampaL’assemblea dei redattori de La Stampa esprime la sua ferma contrarietà alla decisione della direzione e dell’azienda di trasferire otto colleghi dalla redazione di Roma a quella di Torino nell’ambito della riorganizzazione del lavoro in vista della partenza del “progetto digitale web first” fissata ai primi di marzo. La mancata comunicazione ai singoli, la mancanza di un confronto sulle problematiche personali e professionali, rappresentano un fatto unico nella storia di un giornale come La Stampa che ha messo sempre al centro della produzione del giornale i suoi giornalisti, le loro doti e capacità professionali e umane. L’azienda nell’incontro col Cdr ha ribadito di essere interessata a perseguire la strada dei prepensionamenti (il che vuol dire niente straordinari), di voler compensare tutte le domeniche pagandole solamente al 55% e più in generale di voler introdurre ulteriori misure per il contenimento dei costi, ipotesi più volte respinte dalla redazione. Per questi motivi l’assemblea, esprimendo solidarietà ai colleghi della redazione romana ed auspicando un cambiamento della linea e della strategia intrapresa da azienda e direzione con la consapevolezza che confronto e dialogo possano essere gli unici strumenti da utilizzare in un momento molto difficile per l’editoria e alla vigilia di un necessario cambiamento dell’organizzazione del lavoro che si annuncia complesso, respinge il piano prospettato dal direttore Maurizio Molinari proclamando con decorrenza immediata due giornate di sciopero nell’ambito di un pacchetto complessivo di cinque. Contestualmente, dalla giornata di domani, annuncia lo sciopero delle firme a tempo indeterminato sia sulla carta sia sul web. Carta risparmiata Il giornale si salva proponendo una versione web diversa per contenuti, forma degli articoli rispetto al cartaceo. Se l'online rimane una replica non si va lontano. riotta Maumol Ma per un progetto che si chiama 'digitale web first' c'è davvero la necessità di spostare fisicamente le persone? Non sembra un po' un paradosso? Mi dispiace per questa situazione.

Vivendi, la campagna d'Italia in Tim e Mediaset è in rosso per 1,5 miliardiSono le minusvalenze potenziali del gruppo francese sulle due partecipazioni a fine 2019 dopo che, nell'anno precedente, aveva svalutato la quota in Telecom di un miliardo se vogliono completare il rosso...ci sarebbe il acmilan disponibile Berlusconi è giunto il momento di tornare in campo... mediaset è in rosso! primagliitaliani

Dreams, la fabbrica dei sogni per giocatori-costruttoriLa forma è del social network, la sostanza è di un tool creativo ma l’orizzonte è la comprensione profonda del funzionamento di un videogioco

In serie C, scivolone del Novara sul campo di Gorgonzola: all’Albinoleffe basta un gol - La StampaPasso falso del Novara nello scontro diretto con l’Albinoleffe in chiave playoff sul campo del Gorgonzola in un match caratterizzato ancora da un black out. Visto l’esito, sarebbe facile l’accostamento: come a Lecco , via la luce e il Novara perde. In realtà non è proprio così. Un mese fa il black out aveva spento anche gli azzurri. Con l’Albinoleffe pesa invece il cedimento improvviso della difesa sul gol partita di Cori, che peraltro potrebbe essere in fuorigioco quando tocca tutto solo alle spalle di Lanni. Una partita, quella di Gorgonzola, spezzata da un lungo e non richiesto intervallo supplementare. Era successo anche un mese fa. Albinoleffe (3-5-2): Abagnale; Canestrelli, Gavazzi, Riva; Gusu, Gelli, Genevier (24'st Nichetti), Giorgione (30'st Bertani), Petrungaro (41'st Galeandro); Cori, Sibilli. All. Zaffaroni. Novara (4-3-2-1): Lanni; Barbieri (29'st Pinzauti), Sbraga, Bove, Cagnano; Bianchi, Buzzegoli, Schiavi; Peralta (22'st Cisco), Gonzalez (11'st Piscitella); Bortolussi. All. Banchieri Arbitro: Cudini di Fermo Reti: st, 26' Cori Note: ammoniti: Cagnano, Schiavi; recupero: pt 0', st 4'

Morto di anoressia a 20 anni, i genitori: 'Mancano strutture adeguate' | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Morto di anoressia a 20 anni, i genitori: 'Mancano strutture adeguate' | Sky TG24 In un diverso articolo ho letto che già da minorenne dichiarava di non voler mangiare per poter morire senza doversi buttare dal terzo piano. Da maggiorenne ha legittimamente rifiutato le cure. Da madre non oso immaginare il dolore di questi due genitori.

Europa e Cina rincorrono gli Usa nello spazio, ma la partita vera è militareLa Ue ha stanziato oltre 14 miliardi di dollari nel settore aerospaziale per i prossimi tre anni Everybody on the moon!...😎🤥🤥🤥