Scioglimento dei ghiacciai in Italia: lo stato dei ghiacciai Careser e La Mare | Il Sole 24 ORE

12/08/2022 11.13.00

Gli studi sul ritiro del ghiacciaio Careser nelle Alpi italiane ci dice qualcosa sullo stato del clima e sul nostro futuro. I dati, i confronti e le immagini

Terra, Lab 24

🔸 Studiare come i ghiacciai rispondono ai cambiamenti climatici ci racconta qualcosa sul nostro futuro e sul futuro della Terra . ➡️ Scopri tutti i dati, i confronti con il passato e le immagini raccolti nello speciale a cura di Lab24:

Gli studi sul ritiro del ghiacciaio Careser nelle Alpi italiane ci dice qualcosa sullo stato del clima e sul nostro futuro. I dati, i confronti e le immagini

«Negli ultimi tre decenni la linea di equilibrio, cioè il limite inferiore della neve residua invernale, si è collocata prevalentemente oltre la quota massima del ghiacciaio - commenta Carturan -. In particolare, oltre ad avere estati più lunghe e calde, sono diminuite molto le nevicate estive, che sono importanti per rallentare la fusione estiva sul ghiacciaio»

Il ghiacciaio del Cavaion si trova in val de La Mare nei pressi del ghiacciaio del Careser. Questo confronto fotografico mostra l’aspetto del ghiacciaio nel 1925, quando aveva un’area di circa 15 ettari, e la stessa zona nell’estate del 2007. Il ghiacciaio è completamente estinto e la sua estinzione è avvenuta già negli anni ’80 del secolo scorso.

Leggi di più:
IlSole24ORE »

AstroSamantha C'è voluto tempo. Io non sono astronauta, ma mi sembra che sono anni che i climatologi e gli specialisti della criosfera ne erano sicuri. AstroSamantha Ma basta!

Premier Padel, oggi gli ottavi: fuori gli italo argentini Dominguez/SuescunIl torneo P1 del nuovo circuito entra nel vivo. Gil/Moyano-Gutierrez/Tapia e Belasteguin/Coello-Alonso/Esbri le sfide più interessanti

Parigi, uomo armato di coltello all'aeroporto: ucciso dalla poliziaGli agenti gli avrebbero intimato diverse volte di mettere a terra l'arma, senza risultato 👍

I delfini possono essere amichevoli anche con gli estranei - Il PostNormalmente, quando due gruppi di mammiferi di una stessa specie si incontrano, si scontrano. Alle Bahamas, però, ci sono due gruppi di cetacei che condividono pacificamente lo stesso territorio da anni:

Gli interessi dietro l’aiuto militare dell’occidente all’UcrainaI paesi della Nato e dell’Unione europea stanno inviando aiuti militari all’Ucraina, spinti dalla pressione degli Stati Uniti. Ma in realtà i capi di governo europei temono le possibili reazioni di Putin, spiega Wolfgang Streeck. Ma siete impazziti? Ma come fate a pubblicare un articolo del genere?! I Russi che invadono in posizione di inferiorità? La guerra solo per vendere più armi? Guardate che a fare la fine di amnesty è un attimo. Sono allibito La nato ha ottenuto quel che s'era prefissa da tempo nei suoi uffici strategici di Washington. 1)con le sanzioni ridurre il PIL russo; 2)essendo scarsa di risorse naturali, mettere la piccola Ue in sovraproduzione con i beni di massa invenduti. 3)costringere l'ue ai suoi ordini..

Perché i tumori colpiscono più gli uomini delle donne?Secondo un nuovo studio il motivo per cui il tasso di insorgenza di neoplasie risulta più elevato tra i maschi potrebbe non essere legato alle differenze comportamentali quanto piuttosto alle peculiarità biologiche dei due sessi Meno prevenzione, abitudini di vita peggiori ( fumo, sovrappeso,alcool ecc.) Il divario si sta comunque assottigliando. Perché l uomo medio è stupid. rispetto alla donna. Semplice Darwin rules✌️✌️

Gli 'ismi' del centrosinistra (di G. Cazzola)Per come si sono messe le cose e per le previsioni che si fanno a proposito dei risultati delle urne, è il centrosinistra a evocare le miserie del passato e de… Ister ismi

2006 2012 Tecnicamente il bilancio di massa è la differenza tra i guadagni (accumulo di neve) e le perdite (ablazione di neve e ghiaccio).Francesco Pietrella 11 agosto - Milano Poco più di mezz’ora per archiviare il secondo turno, il tutto con più di ottomila persone sugli spalti.(Afp) Un uomo armato di coltello e dal comportamento aggressivo è stato ucciso dal fuoco degli agenti di polizia francese all'aeroporto Charles De Gaulle a Roissy.Un'interazione tra due delfini maschi appartenenti a due gruppi diversi, alle Bahamas ( Dolphin Communication Project ) Normalmente, quando due gruppi di mammiferi di una stessa specie si incontrano, si scontrano.

Alla fine dell’estate per avere un bilancio in pareggio l’area di accumulo, dove permane parte della neve invernale, dovrebbe essere estesa su almeno il 60% del ghiacciaio. Se prevale l’accumulo, allora il ghiacciaio cresce in volume e si espande avanzando verso valle. A Mendoza, in Argentina, vicino alle Ande, la risposta del pubblico è stata come al solito da 10 e lode, anche se da quelle parti questo sport è un’altra cosa. Se prevale l’ablazione, allora il volume del ghiacciaio si riduce e la fronte si ritira verso monte. L'individuo si sarebbe quindi diretto verso i poliziotti per aggredirli e gli agenti hanno aperto il fuoco, ferendo l'uomo all'addome. Come funziona un ghiacciaio «Negli ultimi tre decenni la linea di equilibrio, cioè il limite inferiore della neve residua invernale, si è collocata prevalentemente oltre la quota massima del ghiacciaio - commenta Carturan -. i risultati —   L'ultima coppia italiana rimasta in gara ha salutato il torneo a testa alta, sconfitta in due set dal tandem Lamperti/Zalba (7-5 6-3). In particolare, oltre ad avere estati più lunghe e calde, sono diminuite molto le nevicate estive, che sono importanti per rallentare la fusione estiva sul ghiacciaio» Ghiacciaio Cavaion ▲ Foto 1925 A. I delfini sono animali sociali e vivono in gruppi.

Desio (fonte: Comitato Glaciologico Italiano). Avanti tutti gli altri big: Lebron e Galan, numeri uno del circuito, vincitori al Roland Garros, a Madrid e a Roma, si sbarazzano di Perino/Ayats e passano il turno senza problemi. Foto 2007 L. Carturan 1925 / 2007 Il ghiacciaio del Cavaion si trova in val de La Mare nei pressi del ghiacciaio del Careser. Belasteguin e Coello, invece, eliminano De Astoreca/Maldonado in poco più di mezz’ora. Questo confronto fotografico mostra l’aspetto del ghiacciaio nel 1925, quando aveva un’area di circa 15 ettari, e la stessa zona nell’estate del 2007. Il ghiacciaio è completamente estinto e la sua estinzione è avvenuta già negli anni ’80 del secolo scorso. LEGGI ANCHE. Nel 2013 riguardavano solo pochi delfini, ma già l’anno successivo femmine e maschi di tutte le età di entrambi i gruppi si erano mescolati «senza segni di aggressività», Nicole Danaher-Garcia, una biologa del Dolphin Communication Project a Science .

Ghiacciaio Marmotte ▲ Foto 1923 A. Desio (fonte: Comitato Glaciologico Italiano). Foto 2018 L. Carturan 1923 / 2018 Si tratta di un ex ghiacciaio collocato in val de La Mare, tra i ghiacciai del Careser e de La Mare. Si trova traccia dei suoi ultimi giorni nel Bollettino del Comitato Glaciologico Italiano del 1973, dove si legge che il controllo del 20 agosto 1973 “la neve residua era praticamente assente da tutto il bacino, II ghiacciaio si presentava ulteriormente suddiviso in placche isolate, generalmente di modesta estensione e di ridottissimo spessore”. In alcuni casi i delfini manifestavano i comportamenti che solitamente si vedono nel corteggiamento.

Per concludere: “DaIle condizioni in cui si venuta a trovare la vedretta sembra opportuno abbandonare, per ora, il controllo di questa ghiacciaio non essendo più esso in grado di fornire alcun utile e significativo dato” (F. Secchieri). Ghiacciaio del Careser ▲ Foto 1933 A. Desio (fonte: Comitato Glaciologico Italiano). Foto 2010 L. – Leggi anche:.

Carturan 1933 / 2010 È il ghiacciaio con la più lunga serie storica di bilancio di massa sulle Alpi italiane. Nella stagione di accumulo 2021-’22, secondo le rilevazioni dell’Ufficio Previsioni e Pianificazione della Provincia autonoma di Trento, la Commissione Glaciologica della Società degli Alpinisti Tridentini, il Muse e l’Università degli Studi di Padova, è stato stimato un equivalente d’acqua del manto nevoso pari a 495 mm, che corrisponde a metà dell’accumulo che mediamente viene misurato in questo periodo dell’anno. Si tratta di uno degli accumuli più scarsi dell’intera serie storica, secondo solo a quello del 2007 (381 mm). Ghiacciaio de La Mare ▲ Foto 1932 A. Desio (fonte: Comitato Glaciologico Italiano).

Foto 2012 R. Seppi 1933 / 2012 Il ghiacciaio de La Mare si colloca nel gruppo Ortles - Cevedale ed ha origine dal monte Cevedale stesso e dal Col della Mare scendendo poi verso la val Venezia. Fino a pochi anni fa il ghiacciaio era alimentato da due bacini di accumulo che davano origine ad una caratteristica lingua valliva. Attualmente il ghiacciaio è suddiviso in due unità a sé stanti e la lingua valliva è scomparsa quasi completamente, staccandosi dal settore superiore e dando origine ad un lembo di ghiaccio morto. Nella stagione 2021-’22 il dato di accumulo è risultato pari a 607 mm, del 40% inferiore rispetto alla media dall’inizio delle misurazioni nel 2003 (982 mm).

Anche in questo caso si tratta del secondo peggior accumulo, dopo quello del 2007 (461 mm). L’accumulo di neve in inverno invece è piuttosto stabile nel tempo, il che può sembrare sorprendente con temperature in ascesa, ma la spiegazione è che stiamo parlando di nevicate intorno ai 3000 metri di quota dove la temperatura permane tuttora sotto il limite necessario affinché le precipitazioni avvengano in forma solida. A quote inferiori, invece, l’innalzamento delle temperature sta rapidamente comportando una significativa diminuzione delle nevicate. Le serie storiche del Careser e La Mare E' possibile selezionare il ghiacciaio con il comando sotto il grafico E così il Careser oggi è in fase di collassamento. «Il 90% di questo ghiacciaio si estende tra i 2.

900 metri e i 3.100 ed è pressoché piatto. Questo lo rende molto sensibile alle variazioni climatiche e non gli consente di ritirarsi a quote più elevate. Cosa che invece riesce a fare un altro ghiacciaio che stiamo studiando, quello de La Mare, sempre nel gruppo Ortles-Cevedale, che arriva a quasi a 3.800 ed è in una fase di ‘ritiro attivo’.

Significa che, avendo porzioni della sua superficie a quote molto elevate, il ghiacciaio è ancora in grado di adeguare la sua forma al mutamento del clima, perdendo le aree a quota più bassa e mantenendo quelle a quota più alta» dice Carturan. Sul ghiacciaio de La Mare la serie storica di bilancio di massa è iniziata nel 2003 e il bilancio è sempre stato negativo tranne nel 2014, che arrivava dopo un 2013 quasi in pareggio. «Su questo ghiacciaio succede di osservare periodi di 2-3 anni in cui il bilancio diventa meno negativo oppure addirittura in pareggio o positivo. Tuttavia questi brevi periodi si sono rivelati essere passeggeri e sono stati seguiti da anni eccezionalmente negativi, come si sta rivelando il 2022» aggiunge il ricercatore. Vale per tutti i ghiacciai dell’arco alpino che vengono monitorati da anni, come si può osservare nei grafici in fondo all’articolo.

Non solo: «Normalmente a seguito di una variazione del clima alcuni ghiacciai scompaiono ed altri adeguano la propria forma e dimensione alle nuove condizioni climatiche, tendendo ad un bilancio in pareggio. Il fatto che pur con ghiacciai in forte riduzione il bilancio di massa continui ad essere fortemente negativo, non solo a livello alpino ma anche a scala globale, indica che il clima non si sta stabilizzando, anzi. I ghiacciai sono tra gli indicatori più fedeli. Di questo passo rischiamo di perdere gran parte di quelli dell’arco alpino, inclusi quelli sottoposti a misurazione. Secondo le nostre stime fatte nel 2013, il ghiacciaio del Careser dovrebbe sparire completamente attorno al 2060, ponendo così fine ad una lunga e preziosa serie storica di misurazioni».

Il futuro del ghiacciaio Careser Gli scenari ipotizzati dal gruppo di ricerca nel 2012, che si sono rivelati accurati nel 2020 2012 2040 2060 Non è stato sempre così. Ci sono generazioni che hanno visto i ghiacciai formarsi, con tempistiche che attraversano generazioni. Il massimo storico per l’estensione dei nostri ghiacciai nell’Olocene, il periodo climatico attuale, è stimato intorno al 1850 (per approfondire il clima del passato, vai al box sotto). Per andare così indietro non sono disponibili misure accurate come i bilanci di massa. Ma i dati cosiddetti “proxy”, ovvero degli indicatori.

Tra questi i pollini. Daniela Festi è ricercatrice all’Accademia Austriaca delle Scienze. È palinologa, significa che studia i pollini, nel suo caso quelli del passato per capire il cambiamento climatico e l’impatto dell’uomo sull’ambiente alpino. Va a cercarli in diversi tipi di archivi, tra questi i ghiacciai. Il clima del passato e il nostro futuro Otto domande a Paolo Gabrielli, glaciochimico del Byrd Polar and Climate Research Center della Ohio State University Cosa possiamo dire su quello che è successo ai ghiacciai prima che l’uomo iniziasse a misurarli? Sappiamo che la terra, e anche i ghiacciai, sono stati soggetti a cicli climatici di 100mila anni governati dalla posizione orbitale terrestre (modi differenti del pianeta di ricevere la radiazione solare) e amplificati dai cicli naturali dei gas serra.

Così ere glaciali lunghe (circa 90mila anni) si sono alternate a periodi integlaciali brevi (circa 10mila anni) e i ghiacciai sono avanzati e si sono ritirati in parallelo. Per andare così indietro nel tempo che metodologie vengono utilizzate e quanto sono affidabili? Si utilizzano le carote di ghiaccio estratte dalle calotte polari e dai ghiacciai d’alta quota. Più profondo è il ghiaccio e più questo è antico e indica le condizioni dell’atmosfera del passato, come la temperatura dell’aria e la concentrazione dei gas serra. Una parte di queste informazioni sono confermate mediante confronti con altri tipi di archivi paleoclimatici, come carote di sedimenti, conteggio degli anelli di accrescimento annuale degli alberi, e sono quindi completamente affidabili”. Nella storia abbiamo già vissuto un periodo di ritiro dei ghiacciai veloce come questo? “Il ghiaccio per sua natura si accumula lentamente e si ritira molto velocemente quando la temperature dell’aria supera quella di congelamento.

Le informazioni sulla velocità di avanzamento e ritiro dei ghiacciai sono però molto limitate dal fatto che ogni avanzata dei ghiacciai può eliminare le tracce dei ritiri e avanzamenti precendenti. Per quanto riguarda l’Olocene, ovvero il periodo interglaciale in corso cominciato circa 10mila anni fa, è molto probabile che il ritiro dei ghiacciai in corso sia il più significativo degli ultimi 10mila anni”. Eppure nel medioevo ci fu un periodo di clima temperato, denominato “ottimo climatico”. Quali fasi ha attraversato il periodo interglaciale in corso? “Negli ultimi 10mila anni abbiamo assistito a oscillazioni climatiche meno pronunciate rispetto a quelle di lungo periodo, ovvero 100mila anni, menzionate prima. Dopo la fine dell’ultima glaciazione (20mila anni fa) si è raggiunto l’“Ottimo Climatico” 10mila anni fa.

Circa 5mila anni fa è cominciato un leggero raffreddamento (periodo neoglaciale) che è culminato con la piccola epoca glaciale (1600-1850) seguita dal pronunciato riscaldamento in corso”. È una conseguenza dell’attività dell’uomo o ci sono altre cause? “Il riscaldamento in corso, a differenza delle oscillazioni climatiche precedenti, è attribuibile all’attività dell’uomo a causa dell’immissione in atmosfera di una quantità di gas serra come l’anidride carbonica e metano che, grazie alle carote di ghiaccio, sappiamo non avere precendenti almeno durante gli ultimi 800mila anni. Questo ha alterato il ciclo biogeochimico del carbonio favorendo la ritenzione in atmosfera di energia (radiazione infrarossa) che avrebbe dovuto disperdersi più velocemente nello spazio (effetto serra). La fisica di questi fenomeni è ben compresa da circa 200 anni”. Il recente riscaldamento globale, con conseguente scioglimento dei ghiacciai, crede che sia ineluttabile? Parte del riscaldamento è ineluttabile perché i tempi di permanenza in atmosfera di un gas serra come l’anidride carbonica sono molto lunghi.

Molto però si può fare per mitigare l’aumento della temperatura media globale: se uno scenario di un ulteriore aumento di un grado centigrado è praticamente inevitabile, 4 gradi sono invece evitabili, con impatti molto diversi tra questi due scenari. Potrebbe condurci a un nuovo periodo interglaciale breve? Il periodo climatico attuale, l’Olocene, è un periodo interglaciale surriscaldato ora dall’azione dei gas serra che abbiamo immesso in atmosfera. La tendenza naturale sarebbe ora di scivolare lentamente in un’era glaciale ma questo non è più possibile a causa della continua emissione dei nostri gas serra in atmosfera. Quando saremo finalmente in grado di controllare queste emissioni, penso che le moduleremo come un termostato per ottenere una condizione climatica ottimale: né un clima glaciale né interglaciale, semplicemente un clima controllato di origine antropogenica. La copertura dei ghiacciai con dei teli in estate possono favorire la tenuta dei nostril ghiacciai? Iniziative come quella di coprire i ghiacciai con teli riflettenti durante l’estate possono avere un interesse scientifico, ma altrimenti sono solo una cura palliativa.

L’unico modo per salvare quello che rimarrà dei nostri ghiacciai è di stabilizzare prima, e ridurre poi, i gas serra in atmosfera. «In inverno nelle alpi i pollini sono praticamente assenti, mentre in primavera ed estate ce ne sono diversi e in abbondanza. Nei ghiacciai profondi troviamo strati privi di pollini - gli inverni, appunto - e quelli dove i pollini dalla stagione di fioritura sono stati conservati – ci spiega Daniela Festi -. Con i carotaggi sull’Ortles siamo scesi fino a 75 metri. Corrispondono a circa 7mila anni.

I primi 53 metri di ghiaccio sono risalenti all’inizio del Novecento, il secolo scorso. I restanti 20 metri agli altri 7mila anni». Il tipo di pollini che viene trovato indica la vegetazione ed il clima del periodo: ad esempio «dagli anni Ottanta in poi arrivano i pollini di Leccio, una pianta mediterranea, il cui polline prima sulle alpi prima non si trovava. Cosí il polline registra gli effetti del riscaldamento globale che stiamo vivendo. Da uno studio sulla carota di ghiaccio dell’Adamello prelevata nel 2016, grazie ai pollini e ad altri proxy cronologici, è emerso che la superficie del ghiacciaio risale a 1995 circa.

Significa che nel 2016 il ghiacciaio – il più esteso e profondo di Italia, circa 270 metri - aveva perso così tanta massa che stavamo camminando sul ghiaccio del 1995». Gli altri ghiacciai I bilanci di massa degli altri ghiacciai italiani per i quali è disponibile una serie storica. Calderone .