Sara Napolitano, un’ingegnera contro le malattie rare

Sara Napolitano, un’ingegnera contro le malattie rare

23/06/2021 21.03.00

Sara Napolitano, un’ingegnera contro le malattie rare

A 29 anni lavora nel team dell’istituto Telethon di Pozzuoli: «Trattiamo le cellule come circuiti elettronici»

«biologia sintetica» e «cibergenetica». Parliamo di fantascienza? No: ci riferiamo alla ricerca scientifica più avanzata per combatteremalattie rare, soprattutto genetiche, legate a difetti del Dna. Ognuna di queste (se ne conoscono almeno 7-8.000) può colpire poche persone, in particolare bambini, ma, sommate, costituiscono un problema sanitario importante: spesso sono gravi e letali, perché le terapie a disposizione sono ancora poche o non esistono.

Luca Mercalli: abbiamo 10 anni o si cambia o saranno scenari di fuoco - Cronaca Salvini a Sky TG24: 'Green pass a scuola? Non roviniamoci l'estate' Semestre bianco, gli ultimi sei mesi del presidente - Politica

Ecco perché c’è bisogno di tanta ricerca innovativa.I «nuovi» termini ce li spiega la protagonista della storia, un’ingegnera,Sara NapolitanoTigem, l’Istituto Telethon di genetica e medicina di Pozzuoli (Napoli)conduce ricerche di avanguardia, con la supervisione di

Diego Di BernardoIngegneri che si occupano di malattie?«Sì. Oggi la ricerca è multidisciplinare e richiede l’apporto di competenze diverse».Lei studia, per esempio, la possibilità di modificare il comportamento delle cellule rendendole simili a circuiti elettronici. Ma ritorniamo alle definizioni scientifiche. headtopics.com

«La biologia sintetica è l’evoluzione dell’ingegneria genetica — spiega Sara Napolitano — . Se quest’ultima ha l’obiettivo di sostituire i geni malati (manipolando le cellule del paziente in laboratorio: alcune terapie sono già disponibili ndr), la biologia sintetica studia, al computer, le interazione fra geni per trovare nuove possibilità di cura».

E la cibergenetica?«Ecco: mette insieme la biologia sintetica e la cibernetica (che ha a che fare con i circuiti elettronici ndr) per capire come si comportano le cellule viventi».La cibergenetica è il focus dei lavori scientifici di Napolitano: l’ultimo, a sua firma, è stato appena pubblicato sulla rivista

Nature Communicatione riguarda lo studio dei lieviti, microrganismi che vengono sfruttati anche come incubatori per la produzione di farmaci.«L’obiettivo è quello di “mettere in riga le cellule” — spiega la giovane ricercatrice laureata all’Università Federico II di Napoli, la sua città —. In altre parole: quando le cellule si moltiplicano (comprese quelle dei lieviti) non lo fanno simultaneamente, ma in fasi diverse, così cerco di “sincronizzarle” utilizzando il modello dei circuiti elettronici, quelli, per dire, che permettono di controllare la temperatura dell’acqua nello scaldabagno di casa. Che sono standardizzati».

Le cellule, a differenza delle macchine, sono «creative», ma se vengono «sincronizzate» possono offrire dei vantaggi. «Per esempio — spiega la ricercatrice — quello di poterle usare per produrre farmaci in maniera più efficace». Napolitano ha tutte le carte in regola per portare avanti queste ricerche: ha scelto la carriera Stem (acronimo per Science, Technology, Engineering and Mathematics), dove le donne sono ancora poche e non a caso ricorda la «Giornata Internazionale delle donne ingegnere» che si è celebrata proprio ieri. «Sono sempre stata appassionata di materie scientifiche — racconta —. Da piccola smontavo le penne per vedere come funzionavano, poi ho pensato di fare la pediatra, ma ho rinunciato: troppo coinvolgente sul piano emotivo. E allora ho scelto ingegneria, in campo biomedico, però!». headtopics.com

Attacco hacker alla Regione Lazio, in pericolo i dati di Matterella e Draghi Tokyo: Ginnastica; Usa, Simone Biles in gara nella trave - Tokyo 2020 Vanessa Ferrari ha vinto la medaglia d’argento nel corpo libero femminile

23 giugno 2021 (modifica il 23 giugno 2021 | 19:51) Leggi di più: Corriere della Sera »

G8 di Genova, i tre giorni di caos che sconvolsero il mondo. VIDEO

Leggi su Sky TG24 l'articolo G8 di Genova, i tre giorni di caos che sconvolsero il mondo. VIDEO

Peggio di 'ingegnera' c'è solo 'architetta' Ingegnere, cazzo, ingegnerE. Con la E. Ma che lo dico a fare, a un foglio di carta igienica pieno di propaganda di stato e stro**ate politicamente corrette. Il cognome fa incazzare ma se è brava... E Novak Djoković nel vostro cervello fluido cos'è, un tennisto?

Minchia Ingegnere !!!!!!! E basta !!!!!! Ingegneraaaa!?!?! ANDATE A FARE IN CULO

Depilazione in estate: tutti i consigli per una pelle liscia come Sara Sampaio - VanityFair.itUna mini-guida con i consigli, le tecniche e i rimedi per una rimozione dei peli sicura, facile ed efficace. Se siete del team «io li tolgo»

Per vincere la sfida contro le varianti (e contro la pandemia di Covid) dovremo essere generosiPossiamo con buona ragione immaginare che il nostro sforzo per vaccinare il maggior numero di persone possibile nel più breve tempo possibile possa essere decisivo per risolvere questa emergenza sanitaria Stregoni, Virologi o Faccendieri ?

Blog | Violenza contro le donne, aumentano i maltrattamenti in famiglia - Alley OopIl Codice rosso, introdotto 2 anni fa, è una legge fondamentale con molte criticità. Servono formazione e risorse. Ancora troppe differenze sul territorio

Omofobia e legge Zan, l’affondo del Vaticano adesso divide la CuriaLa nota contro la legge sull’omofobia consegnata dalla Segreteria di Stato all’Italia ha irritato l’ala bergogliana. Dietro la mossa le press…

Netflix: accordo con Spielberg per diversi film all'annoIl regista aveva difeso le sale cinematografiche contro lo streaming, ma ora ha siglato una intesa con il gigante delle piattaforme Che figata, ci sputtaniamo pure lui Addesso Netflix fa bene a Hollywood

Lady Diana, le ultime parole (e la lotta contro quella «ferita nascosta») - VanityFair.itTra pochi giorni la compianta principessa avrebbe compiuto 60 anni: il Daily Mail - per spazzare via le teorie cospirative - ha ricostruito i suoi ultimi istanti di vita attraverso le parole dei primi soccorritori: «Tutti abbiamo fatto il massimo»