Ribbonrosa

Ribbonrosa

Salute, tumori del seno. La prevenzione fa la differenza

Mese della prevenzione @komenitalia #ribbonrosa @USIGRai

31/10/2019 01.18.00

Mese della prevenzione komenitalia ribbonrosa USIGRai

Oltre un terzo dei tumori del seno potrebbero essere evitati con uno stile di vita salutare. Con la diagnosi precoce le percentuali di guarigione superano il 90 per cento

Con una diagnosi precoce della malattia le percentuali di guarigione superano il 90 per cento e con cure meno invasive.È la prevenzione che fa la differenza infatti sono le piccole azioni quotidiane ed i periodici esami di prevenzione che permettono di salvare la vita.

Riccardo Puglisi, chi è 'l'ultras liberista' chiamato a Palazzo Chigi 18/24 giugno 2021 • Numero 1414 E' morto Giampiero Boniperti, una vita per la Juventus - Sport

Rai News 24 tutta, assieme a tutti i giornalisti Rai aderisce alla campagna per la tutela della salute femminile e la lotta ai tumori del seno lanciata dall'Associazione Susan G. Komen Italia. Le conduttrici ed i conduttori Rai in onda durante le trasmissioni indosseranno il 'ribbon-nastro rosa' nella giornata del 31 ottobre per sostenere la campagna di prevenzione dei tumori del seno. Domani le #giornaliste e i #giornalisti in onda con questo #ribbonrosa.

L'@USIGRai ha raccolto l'appello di @komenitalia per il mese della #prevenzione dei tumori del seno.Il #31ottobre è l'ultimo giorno della campagna: per noi l'impegno a sostenere la prevenzione tutto l'anno. pic.twitter.com/4wi1W7H1py headtopics.com

Leggi di più: Rainews »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Obesità: la BBC lancia un nuovo reality per riflettere su body positive e salute - iO DonnaLa BBC affronta il problema obesità con un reality tv. Davvero il movimento per la body positive può aiutare contro l'emarginazione delle persone obese o resta comunque in ombra il vero problema di salute che comporta?

Il “tesoro” Tanzi all’asta, un Picasso battuto per oltre due milioni di euro - La StampaMILANO. Buoni i primi risultati dell'asta della collezione di quadri di Calisto Tanzi, ancora in corso nella sede milanese della casa d'aste Pandolfini di Firenze. I quadri, trovati e sequestrati dopo il crac della Parmalat, sono venduti al maggior offerente e il ricavato servirà a indennizzare, sia pure in piccolissima parte, i risparmiatori rovinati dal clamoroso fallimento della multinazionale parmigiana. Finora il risultato migliore l'ha fatto un Picasso del 1944, “Nature morte au citron, à l'orange et au verre' che, partendo da una base d'asta fra gli 800 mila e il milione e 200 mila euro, è stata aggiudicata per due milioni, 142 mila e 500 euro a un acquirente anonimo che ha partecipato all'incanto per telefono. Bene anche uno dei due Van Gogh, un acquerello su carta del 1881 che raffigura un salice, stimato fra i 2 e i 300 mila euro e che ha chiuso a 800.500. Un po' meno brillante il risultato del lotto 21, la 'Falaise du Petit Ailly à Varengeville': partendo da una base di circa un milione, è stato aggiudicato per un milione e 562.500 euro. Ma l'exploit più clamoroso è italiano. Si tratta di un autoritratto di Antonio Ligabue del 1960 o '61. 'Partiva' da una stima di 12-18 mila euro ma un appassionato se lo è portato a casa per 349.100 euro. TROPPI !

“Museo Olivetti”, il trasloco si paga con la raccolta fondi - La StampaA Ivrea raccolti in poco meno di una settimana 5 mila euro per finanziare lo spostamento di Tecnologicmente nei nuovi locali all’interno della Ico.

La Regione Piemonte è la nuova proprietaria del Forte di Exilles - La StampaStipulato l'atto notarile che lo trasferisce dal Demanio. Cirio: “Ora rilanceremo questa risorsa unica”. Lo stesso Cirio Assessore per quattro anni? Ora i piemontesi lo manterranno ...

Beltrame ferma la Pro: contro la Juve U23 decide il gol dell’ex - La StampaForse la stanchezza, forse il turnover, forse la paura di vincere. La Pro contro la JuveU23 non riesce a fare la stessa grande partita che ha fatto a Siena. O contro l’Arezzo. E finisce sconfitta per 1-0, con Beltrame, ex di turno, che castiga i leoni. Gilardino cambia tanto nell’undici bianco che manda in campo contro la Juve U23. Un turnover spinto. Una necessità con i bianchi, che contro i bianconeri, giocano la quarta sfida in dieci giorni. Una scelta tattica che non premia la Pro, che in campo cerca punti di riferimento ma fatica a imporre il proprio gioco. In difesa le rivoluzioni sono poche rispetto alla mediana, con Bani e Mal al fianco di Schiavon e in attacco, completamente inedito con Cecconi al centro e Romairone e Della Morte sulla fasce. La Juve under 23 ha fisicità, possesso palla, ma sotto porta non sembra così titanica. La prima vera occasione è infatti dei leoni: un tiro a giro di Romairone si stampa sul palo. Chissà se quella palla fosse andata in rete: la gara avrebbe preso una piega diversa? Non ci sono controprove. La Juve, al primo allungo, al primo vero tiro in porta invece trova il vantaggio: ironia della sorte il gol porta la firma di Beltrame, giocatore che in carriera ha vestito la maglia bianca ma che a Vercelli non ha lasciato il segno ai tempi della serie B. Ma è proprio il gol dell’ex che sblocca la sfida, fino a quel momento equilibrata, con la Juve ben messa in campo e la Pro a cercare di coprire gli spazi per non lasciare metri agli avversari. Un gran destro che porta la Juve in vantaggio. E su quella rete la Pro tentenna: la manovra diventa più farraginosa. I bianchi tentennano. E neppure Cecconi, che tra i piedi ha una bella palla, riesce a mettere il suo nome nel tabellino marcatori. Gilardino a Siena aveva detto «abbiamo bisogno di uno schiaffo per reagire». Lo schiaffo bianconero c’è, ma manca la reazione della Pro. Anzi, è la Juve che sfiora il raddoppio: Pecchia inserisce Lanini al posto di Beltrame e proprio il nuovo entrat

“Con l’elmetto cerebrale aiuto chi è paraplegico” - La StampaI test del neuroscienziato Miguel Nicolelis.