Roma, movida: slitta la stretta. Ma arrivano gli steward: li pagheranno i locali

Roma, movida: slitta la stretta. Ma arrivano gli steward: li pagheranno i locali

Alcol, Movida

28/01/2022 02.06.00

Roma , movida: slitta la stretta. Ma arrivano gli steward: li pagheranno i locali

Slitta di almeno una settimana l’ordinanza del Campidoglio per disarticolare - o comunque frenare - la movida violenta, ma le basi per arrivare ad inasprire le regole correnti ci sono. Ieri...

, ma le basi per arrivare ad inasprire le regole correnti ci sono. Ieri l’assessore allo Sviluppo economico Monica Lucarelli ha incontrato le associazioni di categoria dei pubblici esercizi insieme alle presidenti di I e II Municipio (Lorenza Bonaccorsi e Francesca Del Bello) che hanno posto il problema dei rigurgiti, in molte zone della Capitale nelle notti del weekend, di quella che potrebbe definirsi una gioventù “bruciata”. La richiesta è chiara: anticipare la chiusura dei locali, almeno in alcune zone come San Lorenzo e Trastevere, all’una di notte, portare dalle 22 alle 20 lo stop alla vendita dell’alcol da asporto e frenare soprattutto i minimarket.

Leggi di più: Il Messaggero »

Da Gucci Cosmogonie, tra modelle con il seno scoperto e di ogni età, emerge la libertà di essere se stessi e normalizzare ogni tipo di corpo

Sul runway Gucci Cosmogonie sfilano anche dei beauty trend da tenere d'occhio: dalla nudità al diversity, al Body Positivity, ai gioielli su viso e testa, fino al blush sulle tempie Leggi di più >>

Intanto la criminalità fa baldoria. Siamo governati da DEMENTI

Benedetta Rossi, dopo l'operazione torna a casa: «Vado piano ma riesco a fare le scale»Dopo l'intervento alla schiena, Benedetta Rossi torna a casa. La food blogger più nota d'Italia comunica ai follower il suo rientro nella casa in campagna in cui vive, con delle...

Immunità di gregge, un'idea affascinante ma smentita dai fattiNuove varianti non trovano ostacolo nella loro propagazione nel fatto che la popolazione si sia precedentemente infettata, semplicemente perché varianti immunoevasive sono facilmente selezionate Green pass, la più grande cazzata del secolo solo in Italia possono succedere cose del genere! . Bisogna incominciare a distinguere tra 'contagiati' e 'malati', due termini con significati diversi. Ad oggi neanche i vaccini hanno dimostrato di impedire il 'contagio', quindi sono affascinanti ma smentiti dai fatti?

'Perché Meloni non vuole Casini', 4 vaccini ma 0 green pass e Mastella: quindi, oggi...Quindi, oggi...: la fumata nera nella partita del Quirinale, i bambini che non ricordano la vita prima del virus e Briatore

Roma, choc alla Caritas: donna «picchiata a sangue e violentata» da un ospite della struttura«Quell'uomo prima mi ha picchiata a sangue e poi mi ha stuprata». La denuncia arriva da una cinquantunenne di nazionalità polacca, ospite di un centro Caritas che dà... Sto messaggero fa schifo nn te fa leggere le notizie dello stupro di una donna alla Caritas di Roma da parte di un porco bastardo se nn ti abboni ma le notizie di merda si che giornale del cazzo 😠 Triste evento ... se finir per strada è devastante per chiunque, per una donna è comunque peggio

Edicola Quirinale: i leader trattano ma i partiti restano divisiIl rebus del Colle rimane irrisolto e la trattativa proseguirà oggi su tre nomi, che sono, in ordine alfabetico, quelli di Elisabetta Belloni, capo del Dis, i servizi segreti, Pierferdinando Casini, ex presidente della Camera e centrista di lunghissimo corso, e Mario Draghi

Mourinho vuole Xhaka: pronto l'ultimo assalto della Roma per gennaioÈ ancora lo svizzero l'obiettivo primario per il centrocampo, subito o in estate. Ma Tiago Pinto deve prima liberarsi di Diawara mariEscobarSimp Give us tammy then we can talk Please for the love of god make this be true

movida violenta , ma le basi per arrivare ad inasprire le regole correnti ci sono. Ieri l’assessore allo Sviluppo economico Monica Lucarelli ha incontrato le associazioni di categoria dei pubblici esercizi insieme alle presidenti di I e II Municipio (Lorenza Bonaccorsi e Francesca Del Bello) che hanno posto il problema dei rigurgiti, in molte zone della Capitale nelle notti del weekend, di quella che potrebbe definirsi una gioventù “bruciata”. La richiesta è chiara: anticipare la chiusura dei locali, almeno in alcune zone come San Lorenzo e Trastevere, all’una di notte, portare dalle 22 alle 20 lo stop alla vendita dell’alcol da asporto e frenare soprattutto i minimarket. L’assessorato e dunque il Campidoglio si è riservato una settimana di tempo per valutare le zone dove intervenire, ma la strada del provvedimento pare segnata a patto però di una collaborazione che gli esercenti hanno garantito. Inasprire le regole attuali - i locali chiudono alle 3 e il divieto di vendita da asporto scatta alle 22 - sarebbe inutile se non si riuscissero poi a garantire i controlli. Da qui la richiesta di istituire un tavolo permanente in Prefettura con la possibilità di avere più agenti deputati al compito e la disponibilità degli esercenti di mettere in campo anche degli “steward”, che possano collaborare con le forze dell’ordine durante le verifiche. Insomma un combinato tra agenti disponibili - in attesa che arrivino ad esempio in polizia locale più uomini - e la disponibilità dei titolari di locali, bar e ristoranti di mettere in campo una propria “forza” di verifica senza gravare sulle casse comunali. «Sono soddisfatta dell’incontro e della collaborazione concessa dalle associazioni - commenta l’assessore Lucarelli - con il confronto e la mediazione tra le parti si troverà la soluzione migliore per rendere la città più sicura e la movida più vivibile». L’inasprimento delle regole vedrà quasi certamente la riduzione degli attuali orari ma non in maniera drastica. E senza creare ripercussioni agli esercenti. Il Comune poi si focalizza sul consumo in strada di alcolici e in questa chiave studia come anticipare la chiusura dei minimarket.  LE ASSOCIAZIONI «Non siamo disposti a cedere che su Roma vincano 5 mila teppisti che non rappresentano tutta la gioventù - spiega Claudio Pica, a capo della Fiapet Confesercenti - siamo pronti in certe zone a valutare alcune proposte. Da parte nostra partirà una campagna di sensibilizzazione sul bere sano, siamo disponibili a garantire gli “steward” qualche correttivo alle norme in vigore lo aspettiamo, ma Roma non può essere una città chiusa deve essere una città controllata». Della stessa opinione il numero uno della Fipe Confcommercio Sergio Paolantoni: «Il tema è come alleggerire alcune zone da episodi che non sono più di mala movida ma direi microcriminalità e questa si combatte con un maggior controllo del territorio e in alcune situazioni potrebbe essere d’aiuto cercare di ridurre gli orari di alcuni tipologie, vietare la vendita degli alcolici soprattutto ai minimarket alle 20. Da parte nostra c’è l’impegno a collaborare con le forze dell’ordine garantendo una vigilanza privata». Intanto da questo fine settimana la Questura su input della Prefettura è pronta a disporre un maggior controllo di alcune piazze mentre le Asl sono state incaricate di compiere verifiche sanitarie.  IN VISTA DELLA PRIMAVERA Il piano alla fine dovrebbe servire poi a modulare un sistema valido in vista della primavera e dell’estate. Anche qui la riflessione è chiara: se i giovani non hanno alcun diversivo oltre a quello di incontrarsi nelle zone della movida il problema difficilmente sarà estirpato. Motivo per cui sarà istituto quasi certamente un tavolo di confronto che coinvolgerà anche gli assessorati alla Cultura e alle Politiche sociali.