Roma fuori a testa alta, la finale di Europa League è Manchester United-Villareal

Roma fuori a testa alta, la finale di Europa League è Manchester United-Villareal

07/05/2021 00.37.00

Roma fuori a testa alta, la finale di Europa League è Manchester United-Villareal

I giallorossi vincono 3-2 all’Olimpico ma non basta. Niente derby inglese per la conquista della coppa: Arsenal eliminato dagli spagnoli

23:05ROMA. Niente derby inglese per la conquista della Europa League: ad andare in finale è chi aveva vinto la partita di andata, il Manchester United sconfitto 3-2 (ma forte di un 6-2) dalla Roma e il Villareal a cui è bastato uno 0-0 contro l’Arsenal. Gli spagnoli hanno difeso il risultato con le unghie e con i denti per 95 minuti, raggiungendo così la loro prima finale europea della storia. Appuntamento a Danzica, in Polonia, il 26 maggio.

Letta a Sky TG24: 'Collettività non può pagare tamponi per i no vax' È partita una raccolta di firme per il referendum 'No green pass' L'Italvolley maschile è campione d'Europa: Slovenia battuta 3-2. È bis dopo il trionfo delle donne - Il Fatto Quotidiano

Il match dell’OlimpicoContro il Manchester United, dopo il tennistico 6-2 dell'andata a Old Trafford, alla Roma si chiedeva una prova dignitosa, di carattere, un partita giocata con determinazione e orgoglio, ma nessuno avrebbe potuto immaginare che i giallorossi riuscissero a mettere paura gli avversari e a sprecare una dozzina di palle-gol. La rimonta era impensabile, ma nel calcio non si sa mai. Infatti, come all'andata, i giallorossi si mordono le mani e, vittoria (3-2) a parte, mettono alle corde fin dal via gli avversari che, seppure con la qualificazione in tasca, passano un brutto quarto d'ora nella parte centrale del secondo tempo, dopo il momentaneo 2-1 di Cristante. La Roma spreca anche questa sera, il Manchester no: è cinico e spietato come all'andata; esce battuto di misura all'Olimpico, dopo essere passato in vantaggio.

I Red Devils, in campo con una insolita maglia bianconera, erano andati avanti con Edinson Cavani, ma sono stati raggiunti da Dzeko. Nella ripresa, dopo il 2-1 di Cristante, ancora Cavani ristabilisce la parità, risultando una vera e propria spina nel cuore della difesa giallorossa: doppietta all'andata, replica al ritorno. Decide tutto un giovanissimo: Zalewski, da poco entrato. Ci sono analogie con il match dell'andata: gli infortuni, innanzi tutto. Fonseca perde Diawara e Villar alla vigilia, Smalling nel primo tempo e Bruno Peres nella ripresa. È uno stillicidio di defezioni muscolari in casa giallorossa. Una vera maledizione. E poi, non ultime, le occasioni sprecate: impensabile, in partite così importanti, e al cospetto di un avversario così quotato, sprecare tanto. headtopics.com

Ci ha messo del suo David De Gea, artefice di alcuni interventi che hanno del miracoloso, ma anche gli avanti della Roma sono apparsi ancora una volta troppo imprecisi. Già nei primi 3' la Roma costruisce due palle-gol: prima De Gea salva d'istinto su Mancini, sull'angolo successivo Mkhitaryan salta di testa su Pogba e manda a lato. La Roma è viva, però. A seguire ci provano anche Pellegrini e Pedro: pallone alto. Al 20' Cavani - lasciato colpevolmente solo in area - divora l'occasione più ghiotta, con un pallonetto che manda il pallone a scheggiare la traversa. Bravo Mirante a salvare sul solito Cavani al 26'. Poi, si ferma Smalling: è l'ennesimo stop di una stagione da dimenticare. Poco dopo la mezz'ora, invece, Mkhitaryan fallisce di testa l'1-0. Al 34' Dzeko si fa bloccare in area, riprende Pellegrini che impegna De Gea.

La Roma spreca, il Manchester United no: al 39' Bruno Fernandes serve Fred, che lancia Cavani: il Matador questa volta non sbaglia e infila l'1-0. Mkhitaryan potrebbe subito pareggiare, ma De Gea ci mette ancora la mano. Nella ripresa la Roma impegna ancora De Gea, che si salva con le mani, le braccia, il corpo, negando almeno quattro volte il gol. Un fenomeno baciato dalla Dea bendata, lo spagnolo; Dzeko pareggia e Cristante porta in vantaggio i giallorossi con un gran tiro angolato. Cavani segna ancora, ma l'ultimo acuto è del nuovo entrato Nicola Zalewski, classe 2002. Per lui e per la Roma un salto nel futuro che vale il 3-2 finale. In finale, però, vanno gli inglesi. 

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Mio padre e mia madre leggevano La Stampa, quando mi sono sposato io e mia moglie abbiamo sempre letto La Stampa, da quando son rimasto solo sono passato alla versione digitale. È un quotidiano liberale e moderato come lo sono io.

Leggi di più: La Stampa »

Salvini a Sky TG24: 'Non sono no vax, prudenza su vaccino ai bimbi'

Leggi su Sky TG24 l'articolo Salvini a Sky TG24: “Non sono no vax ma serve prudenza su vaccino ai bimbi'

Peccato, purtroppo la Roma è stata sfortunata a Manchester, tre infortuni nell'arco di trenta minuti hanno fatto la differenza. Quest'anno l'Inghilterra farà man bassa... 🤣🤣🤣 Ci si aspettava diversamente?