Rep

La selezione del meglio del giornalismo di Repubblica. Saperne di più è una tua scelta.

05/01/2020 12.37.00

Oggi su Rep: 👇🗞 Sulla legge elettorale nasce il nuovo asse Di Maio-Zingaretti [di ANNALISA CUZZOCREA]

La selezione del meglio del giornalismo di Repubblica. Saperne di più è una tua scelta.

Leggi di più: la Repubblica »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Mi piacerebbe sapere cosa scriveranno tra cento anni sui libri di storia a proposito di questi due statisti la proporzionale potrebbe essere una mannaia per i due nemici alleati come lo fu per F.S Nitti che credeva di fare una furbata e invece andò a casa Non sanno più cosa inventarsi per mantenere la poltrona, gli Italiani hanno capito e vi manderanno a casa.

🙄 Se adesso si inventano altre soluzioni demenziali per evitare che chi ottiene più voti possa governare, sarebbe ora di inscenare delle pacifiche ma forti proteste contro questa classe di inqualificabili politici Bhe nasce un nuovo partito o si aspetta lo scarto? Fidarsi è bene ma con il pd nn fidarsi è meglio😂😂😂 visto la liason continua con la destra e gli interessi comuni

e come sempre ne nascerà una contro qualcuno e non per l'Italia e pure con decine e decine di motivazioni + o - idiote...

La scrittura come terapia per affrontare la malattia o un lutto - La StampaSu Rai3 l’esperienza di Matilde D’Errico, sceneggiatrice e autrice tv, che ha coinvolto donne operate di tumore in un laboratorio narrativo

RepLa selezione del meglio del giornalismo di Repubblica. Saperne di più è una tua scelta. Chissà come mai questo ripensamento della Francia? Non è che sono diventati scomodi? Strano che voi usiate il termine terrorista. Non sono compagni che hanno sbagliato? Ma chi lo vuole?

RepLa mamma: 'Mio figlio è salvo. Così ho vinto la battaglia contro l'alienazione parentale' I figli sono di entrambi i genitori e quando questi si separano in genere la mamma parla sempre male del padre! Una vittoria sbagliata...

RepLa selezione del meglio del giornalismo di Repubblica. Saperne di più è una tua scelta.

RepLa selezione del meglio del giornalismo di Repubblica. Saperne di più è una tua scelta. Ogni giorno. Ogni giorno. ogni giorno. Io sto con Israele sempre con i pregi e difetti. Ma il mio tempo è adesso. Il mio cervello non si è fermato a 70 anni fa. Come il vostro. Perché non una fiction sulla 'Shoah' dei palestinesi ad opera di Israele?

Siamo impazienti di vincere, la Lotteria della Befana non attrae più - La StampaIl fatto è che uno arriva alla sera della Befana che di Lotterie ne ha già avute abbastanza: è dovuto sopravvivere alla ricerca estenuante di un parcheggio (perché mai proprio l’auto davanti ha tirato su il numero vincente del posto libero?), alla coda in Posta (com’è che il mio numero allo sportello non lo chiamano mai?), ha appena avuto la notizia che in pensione non ci potrà andare perché la finestra per lui non si apre (e invece si apre per il vicino, nato solo l’anno prima) e inizia pure a questionare il Padreterno per non averlo fatto nascere con gli occhi blu come suo fratello. Nell’immensa lotteria che è la nostra vita - e ci è andata bene, se siamo qui a scherzarci su - sono tanti i motivi per cui gli italiani non giocano più volentieri alla Lotteria della Befana, vetusta istituzione nata sul finire dei 50 quasi insieme alla tv, prosperata negli anni del boom e mai come oggi scesa tanto in basso per numero di biglietti venduti: appena 6,7 milioni, 300 mila in meno dello scorso anno, ma soprattutto 200 mila in meno del 2012, l’annus horribilis del record negativo. Il calo inesorabile era iniziato nel 2002 - la Befana subito dopo le Torri Gemelle, sarà un caso? - quando quasi 10 milioni di biglietti restarono invenduti ai Monopoli. E dire che nel 1988 si viaggiava su oltre 37 milioni di tagliandi... Ma erano gli Anni 80, la Milano da bere, l’edonismo reaganiano, si ballava spensierati con Fantastico, Pippo Baudo, Raffaella Carrà e forse era più facile credere che il sogno fosse a portata di mano e bastasse un talloncino di carta per afferrarlo. Beninteso, non è che gli italiani non giochino più, anzi. Ma è una droga più che un sogno, una dipendenza dal brivido dell’azzardo, una pulsione ad annullarsi nel picco momentaneo dell’adrenalina. Si gioca di continuo, troppo, è pieno di anime variamente perse tra slot machine e Gratta e Vinci. C’è chi confida nella sua abilità e rischia on line tra poker e videogiochi. E c’è chi spera nei sogni o nel destino, puntando Beh...se son proprio cosi stanchi, i 5 milioni di euro possono darli a me che son vedova e non ho manco da campa'. 😟