Redzepi apre il wine bar del Noma: cheesburger e prezzi pop - VanityFair.it

Lo chef più famoso passa da piatti di pura avanguardia a un wine bar con cheeseburger e snack. È un servizio alla nostra comunità, dicono dal Noma, che nel frattempo si prepara a riaprire

22/05/2020 20.30.00

Lo chef più famoso passa da piatti di pura avanguardia a un wine bar con cheeseburger e snack. È un servizio alla nostra comunità, dicono dal Noma, che nel frattempo si prepara a riaprire

Lo chef più famoso passa da piatti di pura avanguardia a un wine bar con cheeseburger e snack. È un servizio alla nostra comunità, dicono dal Noma, che nel frattempo si prepara a riaprire

Wine Barcon una proposta decisamente inaspettata:hamburger e snack. «È un hamburger abbastanza classico», commenta lo chef René Redzepi «Usiamo i migliori ingredienti e tutto è cucinato e tagliato in modo espresso. Poi abbiamo il garum di manzo che aggiungiamo all’hamburger e alla salsa. Più intenso e umami».

Anche il ministro Speranza si è vaccinato: «Una grande gioia» Gli auguri dal carcere di Zaki per la partita Italia - Svizzera Vaccini Covid, De Magistris a La7: 'In questo momento siamo tutti cavie, sapremo tra qualche anno cosa ci siamo messi nel braccio'

Renè Redzepi, chef iconico e geniale, con il suo Noma che per anni ha cavalcato la classifica della World’s 50 Best Restaurants, si ritorva quindi, dopo il lockdow, ad organizzare una brigata che «sforna panini».Da esclusivissimo passa al popolare.

Ma perché uno dei ristoranti più iconici del globo sostituisce innovazione e avanguardia con lo street food (di qualità)?Era da poco iniziato il lockdown quando il famoso chef danese si domandava cosa fare del suo Noma e di quanto avrebbe influito tutto questo sui prezzi e sull’asset generale delle persone. Ma perché uno chef diventato famoso con un germano o una formica passa al cheeseburger? headtopics.com

Solidarietà, marketing o semplice resilienza?«Il wine bar non si sostituisce assolutamente al Noma», commentaRiccardo Canella stacanovista head chef del Noma. «È una cosa che abbiamo organizzato per permettere alle persone di Copenaghen di venire a bere un bicchiere di vino, mangiando qualcosa, godendo dei bellissimi spazi aperti che abbiamo. I prezzi del Noma non sono accessibili a tutti,

mentre questo è un modo di dare la possibilità a chiunque di venirci a trovare in questo periodo particolare. Un’idea per far ricircolare le energie in città e far ripartire i motori. Insomma è un modo per stare vicino al popolo danese e dirgli noi ci siamo».

Così mentre il Noma – che ha il 95% della clientela straniera – resta chiuso aspettando la riapertura del turismo, lo staff si dedica ai concittadini con un propotto facile e popolare ma in «stile Noma». «Il nostro cheeseburger è con il garum di manzo

– uno dei nostri cavalli di battaglia, tra le prime fermentazioni su cui il Noma ha lavorato – per condire sia la carne che la salsa. Poi ci sono i sottaceti che prepariamo noi, i capperi di aglio orsino, i fiori di porro sotto sale e del buon formaggio biologico. È un hamburger del Noma, ha un tocco speciale, ma non l’abbiamo pensato per sentirci dire che sia il panino più buono del mondo, in questo momento è irrilevante», commenta headtopics.com

Mottarone: video dell'incidente, cabina si impenna e torna indietro - Cronaca Prato, operai della Texprint picchiati dai vertici dell'azienda: un lavoratore colpito con un mattone. Sindacato: 'Tre finiti in ospedale' - Il Fatto Quotidiano Ci sono Riccardo Puglisi (università di Pavia) e Stagnaro dell'Istituto Bruno Leoni

Riccardo Canella.Un modo anche per tenere impegnato parte dello staff. La brigata di cucina del Noma contava 60 persone in totale prima del lockdown tra assunti e stagisti. Nessuno è stato licenziato e10 di loro si dedicano al wine bar,mentre il resto continua a ricevere il sostegno dallo Stato.

E nel frattemposi pianifica la riorganizzazione del Noma dopo il lockdown, che riaprirà con tavoli ancora più distanziati, con un solo servizio a cena e un nuovo menù. «Non puoi pensare di aprire ed avere tutto pieno. Devi fare delle scelte accurate e queste hanno bisogno di tempo, infatti abbiamo continuato a lavorare ininterrottamente anche durante la chiusura», dice Canella.

«Noi non vogliamo modificare il nostro modo di cucinare, il nostro approccio alla creatività e il nostro essere “avanguardia”. Continueremo a fare tutto quello che abbiamo sempre fatto. Dobbiamo solo capire, però, che nei prossimi mesi, la nostra clientela, cambierà un po’. È possibile che per il prossimo anno la gente si sposti molto meno. Avere una clientela straniera è stato un processo naturale per il Noma, non certo dettato dal fatto che abbiamo deciso di snobbare tutto il resto. Però, in questo momento, dobbiamo tornare indietro partendo da quello che è accanto a noi e dalla nostra comunità».

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

ClioMakeUp, il video del parto e del primo abbraccio con la figlia Joy - VanityFair.itLa youtuber e imprenditrice beauty ha postato su Instagram una tenera clip che «racchiude i momenti più belli» del 22 aprile, giorno in cui ha messo al mondo la sua seconda bambina

Aumento prezzi parrucchieri: non in tutti i saloni i servizi sono più cari - VanityFair.itSecondo le segnalazioni raccolte dall'Agenzia dei Consumatori i listini dei saloni in Fase 2 sembrano essere aumentati in tutta Italia. È davvero così? Parola ai parrucchieri

Bradley Cooper con il cerchietto della figlia tra i capelli ai tempi del covid - VanityFair.itIn giro per la città con la figlia di tre anni, la star si è affidata a un accessorio capelli della piccola per gestire la sua chioma lunga da quarantena. Promosso o bocciato? Come si può bocciare Bradley?

Cristina Parodi, il sogno della moda diventa realtà - VanityFair.itIl popolare volto tv ci racconta Crida, la nuova griffe creata con l'amica Daniela Palazzi. Abiti (per lo più) comodi e femminili, chic e mai audaci. E completamente made in Italy. Dettaglio - in questo momento - non di poco conto

Milano durante il lockdown, le foto da condividere per solidarietà - VanityFair.itIl fotografo e filmmaker Alessio Consorte, in collaborazione con i City Angels, ha lanciato il progetto Milanoama. Ecco come partecipare

Meghan Markle, il principe Harry e i «regali in cotone» per l'anniversario - VanityFair.itI coniugi Sussex, che il 19 maggio scorso hanno festeggiato i primi due anni di matrimonio, si sarebbero regalati l'un l'altro dei doni in cotone: «Adorano farsi regali personalizzati». Lo scorso anno, invece, l'ex attrice aveva fatto incorniciare il suo discorso nuziale