Ragazzi, no alla movida selvaggia

È difficile pensare a questa nuova libertà, alla possibilità di poter frequentare quei luoghi dove andavamo di solito e ritrovarci con gli amici senza almeno immaginare che la parola “libertà” faccia rima con “voglia di st.

25/05/2020 08.21.00

È difficile pensare a questa nuova libertà, alla possibilità di poter frequentare quei luoghi dove andavamo di solito e ritrovarci con gli amici senza almeno immaginare che la parola “libertà” faccia rima con “voglia di st.

È difficile pensare a questa nuova libertà, alla possibilità di poter frequentare quei luoghi dove andavamo di solito e ritrovarci con gli amici senza almeno immaginare che la parola “libertà” faccia rima con “voglia di stare insieme”. Ecco, è proprio qui il punto. È questa voglia di stare insieme che dovrebbe farci apprezzare ancor di più il concetto stesso di “libertà di movimento'. In questi giorni se ne leggono e se ne sentono di tutti i colori a proposito della movida e di quanti ragazzi passino le serate davanti ai loro luoghi di ritrovo (o di movida) preferiti senza mascherine, senza rispettare le norme di distanziamento. Quello che mi sento di scrivere ai miei coetanei, perché di questo si tratta, e a tutti coloro che sono abbastanza grandi da poter decidere di uscire autonomamente e frequentare altra gente è che questa libertà ce la siamo guadagnata a caro prezzo. Il prezzo pagato dalle vite umane che ci hanno lasciato e dagli sforzi fatti da tutti gli operatori sanitari che hanno lavorato giorno e notte, lottato senza risparmiarsi affinché si potesse curare il maggior numero di persone possibile. Ebbene, è a queste persone e a chi come noi ha rispettato le regole del “lockdown” che dobbiamo il rispetto che ci viene chiesto in questi giorni di riapertura. E’ impossibile che non abbiate visto, come me, le immagini di assembramenti nelle foto che molti siti e giornali stanno pubblicando in queste ore. Ragazzi senza mascherina appoggiata sul collo mentre bevono, scherzano e sorridono insieme a decine di coetanei dimenticando completamente ogni forma di attenzione. Questi comportamenti potrebbero portarci, se non stiamo attenti, a una nuova chiusura. Non siamo tutti in attesa che si riaprano le arene, i palazzetti, i teatri, i cinema, i luoghi dove si possa fare spettacolo? So che la risposta è unanime e positiva ma è proprio perché dobbiamo fare in modo che questo maledetto Covid-19 arretri, si annulli e che lo stare insieme davanti un palco diventi la normali

MahmoodPubblicato il25 Maggio 2020È difficile pensare a questa nuova libertà, alla possibilità di poter frequentare quei luoghi dove andavamo di solito e ritrovarci con gli amici senza almeno immaginare che la parola “libertà” faccia rima con “voglia di stare insieme”.

Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega' Un chilometro contromano sulla A5, multato autista di un Tir - Attualità Scontro Ue-Orban, Bruxelles scrive all'Ungheria: 'La vostra legge viola le norme europee' - Europa

Ecco, è proprio qui il punto. È questa voglia di stare insieme che dovrebbe farci apprezzare ancor di più il concetto stesso di “libertà di movimento". In questi giorni se ne leggono e se ne sentono di tutti i colori a proposito della movida e di quanti ragazzi passino le serate davanti ai loro luoghi di ritrovo (o di movida) preferiti senza mascherine, senza rispettare le norme di distanziamento. Quello che mi sento di scrivere ai miei coetanei, perché di questo si tratta, e a tutti coloro che sono abbastanza grandi da poter decidere di uscire autonomamente e frequentare altra gente è che questa libertà ce la siamo guadagnata a caro prezzo. Il prezzo pagato dalle vite umane che ci hanno lasciato e dagli sforzi fatti da tutti gli operatori sanitari che hanno lavorato giorno e notte, lottato senza risparmiarsi affinché si potesse curare il maggior numero di persone possibile. Ebbene, è a queste persone e a chi come noi ha rispettato le regole del “lockdown” che dobbiamo il rispetto che ci viene chiesto in questi giorni di riapertura. E’ impossibile che non abbiate visto, come me, le immagini di assembramenti nelle foto che molti siti e giornali stanno pubblicando in queste ore. Ragazzi senza mascherina appoggiata sul collo mentre bevono, scherzano e sorridono insieme a decine di coetanei dimenticando completamente ogni forma di attenzione. Questi comportamenti potrebbero portarci, se non stiamo attenti, a una nuova chiusura. Non siamo tutti in attesa che si riaprano le arene, i palazzetti, i teatri, i cinema, i luoghi dove si possa fare spettacolo? So che la risposta è unanime e positiva ma è proprio perché dobbiamo fare in modo che questo maledetto Covid-19 arretri, si annulli e che lo stare insieme davanti un palco diventi la normalità. Non vedo l’ora di cantare e di incontrarvi. Per cui diamoci una mano, stiamo più attenti, ascoltiamo i consigli di chi ci invita a seguire le regole e staremo tutti più vicini, il prima possibile.

Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Perché rompete i coglioni a chi abita lì vicino, se vi contagiate non ce ne frega un cazzo!

Coronavirus, fine lockdown, liberi tutti: cosa accadrà se l’Rt ricomincerà a salire?La movida ricominciata in varie città italiane mette alla prova il sistema di contenimento dell’epidemia. Uno studio calcola cosa accadrà nell’ipotesi peggiore Siamo un popolo di teste di cazzo governate da altrettante teste di cazzo Consapevolmente dovremmo essere noi cittadini a volerci bene è non allargarsi oltre il dovuto a prescindere da quello che dicono gli esperti non esiste ancora un vaccino. Quasi quasi spero che R0 ('erre con zero') risalga, e debbano chiudere di nuovo: ce lo meriteremmo proprio.

Fase 2, si torna a bere nei locali di Torino - ItaliaIn piazza Vittorio, luogo simbolo della movida, i giovani rispettano le misure di sicurezza (ANSA) piazza vittoria angolo murazzi Ecco, vedete? A Torino l'indice di contagio è di 0,5, lei ha la mascherina abbassata ma lui no. Non importa ringraziarmi eh Mi basta l'Ospitata da Fazio Gallera omg

Coronavirus Piemonte, riaprono bar ristoranti: si teme movidaLeggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus Piemonte, riaprono bar ristoranti: si teme movida Agenzia_Ansa corriere lastampa corriere Gli Italiani si sono comportati bene durante il lockdown per paura delle multe dei Carabinieri. Addio sanzioni, addio disciplina. Contro la nuova strage da COVIDー19 è necessario chiudere subito i locali che violano le regole. Movida Dopo i runner i nuovi capri espiatori sono i ragazzi della movida. Quanta pochezza in queste news. Viva la gioventù, viva la vita e la libertà. il colmo è che devono riaprire bar e locali e poi si teme la movida, è un logico controsenso considerando che quei locali esistono solo in quanto parte di una 'movida'

Fermiamo i figli della movida rigorosamente senza mascherinaA chi scrivere il proprio punto di vista sulle cose? A chi affidare l’ indignazione e la speranza? Vi proponiamo di dirlo a Corriere Mi è permesso mandarvi a fanculo? Cavolo, i vostri fogli non sono nemmeno buoni per metterli sul petto e ripararsi dall'aria! (i vecchi ciclisti sanno di cosa parlo) Ma basta con questa parolaaaaa Ma andate a zappare vecchi di merda

Fase 2, primo weekend libero: «Troppa gente nelle strade» Movida, la stretta dei sindaciA Brescia Delbono ordina la chiusura dei locali alle 21.30. A Bergamo, istituito il senso unico pedonale nei fine settimana Bastardi vogliono tenere la gente reclusa anche in estate, despoti di merda Io resto a casa..anzi io torno a casa..il virologo che è in me mi ha convinto.. si può morire dentro.. Queste foto sono fake

Napoli, movida sul lungomare (nonostante il coronavirus): traffico in tilt fino alle 4 del mattinoAssembramenti e bivacchi nonostante i locali chiusi alle 23. Un residente: «È stato un inferno»