Scolaro, Genitore, Scuola Primaria, İnsegnante, Giuseppe Reho, Bambino, Genitori

Scolaro, Genitore

«Quel bambino è violento», i genitori dei compagni non mandano i figli a scuola

«Quel bambino è violento», i genitori dei compagni non mandano i figli a scuola

05/11/2019 21.35.00

«Quel bambino è violento», i genitori dei compagni non mandano i figli a scuola

Il caso è esploso in una scuola del Varesotto. la denuncia è contenuta in una lettera inviata alle autorità scolastiche provinciali. Il dirigente dell’istituto (in carica da settembre): «Una situazione che si trascina da anni, ho inserito un insegnante in più»

EmailUn gesto eclatante per attirare l’attenzione delle autorità: i genitori di 13 alunni di una scuola primaria di Cardano al Campo, nel Varesotto, hanno tenuto a casa gli studenti per un giorno, lunedì scorso, il 4 novembre. Il motivo è scritto in una lettera inviata alle autorità scolastiche provinciali e riguarda l’atteggiamento incontenibile di un bambino che in classe disturba gli altri scolari con gesti violenti e pericolosi: «La situazione disciplinare che si registra in classe risulta per i nostri bambini e per noi genitori insostenibile sul piano educativo, ma soprattutto per ciò che concerne la sicurezza dei nostri figli».

Vaccini Covid, De Magistris a La7: 'In questo momento siamo tutti cavie, sapremo tra qualche anno cosa ci siamo messi nel braccio' Prato, operai della Texprint picchiati dai vertici dell'azienda: un lavoratore colpito con un mattone. Sindacato: 'Tre finiti in ospedale' - Il Fatto Quotidiano Ci sono Riccardo Puglisi (università di Pavia) e Stagnaro dell'Istituto Bruno Leoni

Il gesto dei genitori, continua la lettera, «ha lo scopo di attirare l’attenzione di chi deve attivarsi per ripristinare una situazione di normalità. Non è il prodotto di una decisione impulsiva, ma la conseguenza del mancato intervento incisivo atto a tutelare i bambini. Infatti, come ripetutamente fatto osservare alle insegnanti di classe, ai dirigenti scolastici degli anni passati e a quello attualmente in carica (al quale va riconosciuto un impegno mai riscontrato in precedenza) il clima che si respira in classe non è certo quello idoneo a favorire un sereno percorso di crescita umana e culturale di un bambino».

L’iniziativa non è passata inosservata, l’Ufficio scolastico provinciale (l’ex provveditorato) è stato investito della questione e sta intervenendo per trovare soluzioni anche a fronte dell’interessamento personale del dirigente scolastico, Giuseppe Reho, in forza all’istituto dai primi di settembre e che si è trovato a dover gestire la patata bollente, una questione «che si trascina da anni». «Il punto non riguarda tanto la presenza di un insegnante di sostegno poiché all’interno della classe, non appena venuto a conoscenza della situazione, ho inserito un insegnante in più. La questione su cui intervenire riguarda piuttosto i provvedimenti dell’autorità competente, in particolare l’Ats, che deve prendere iniziative specifiche. Stabilire se un bambino necessita di particolari cure o strutture compete all’autorità sanitaria, non posso deciderlo io come dirigente scolastico». Reho spiega che questa iniziativa spontanea dei genitori è volta proprio a sensibilizzare le istituzioni per dare una rapida soluzione a questo problema: «I genitori hanno voluto dare sfogo a una protesta ma continuano a riporre grande fiducia nella scuola». Questa mattina tutti gli scolari sono tornati sui banchi e le lezioni si sono svolte regolarmente. headtopics.com

Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Si attende dichiarazione di salvini: 'un bambino violento vale più di 1000 bambini tranquilli'

Ha una relazione con una dipendente, licenziato il Ceo di McDonald’s - La StampaSteve Easterbrook era amministratore delegato dal 2015. Aveva ottenuto grandi risultati Solo il fondamentalismo usa può partorire queste cazzate, peraltro illegali almeno in Italia!

Nel disastro del Sud perfino il Reddito disincentiva il lavoro - Il Fatto Quotidiano“Invece di richiamare le persone in cerca di occupazione, il Reddito di cittadinanza le sta allontanando dal mercato del lavoro”. Dal rapporto Svimez 2019, presentato ieri dall’associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, emerge un Sud Italia messo in ginocchio dai pochi investimenti pubblici, dalle scarse prospettive di crescita e dai bassi salari. L’osservazione che … marcotravaglio hastatosalveeny ... Fase due E io che ne avevo già abbastanza cosi.. soprattutto per il fatto che la fase DUE sui famosi navigators non è ancora partito anzi in CAMPANIA viene boicottato scandalosamente dalla giunta regionale di sinistra. Ciao

La Sicilia s’inventa il micro-taglio: via solo il 9% - Il Fatto QuotidianoIl taglio dei vitalizi in Sicilia? Sì, ma “a modo nostro”. Dove per “nostro” si intende alla maniera della maggioranza di centrodestra, supportata per l’occasione dal Partito democratico, che insieme proprio a Forza Italia ha presentato un ddl per ricalcolare i vitalizi per gli ex deputati dell’Assemblea regionale con percentuali di taglio ben lontane da … Minibottanata style marcotravaglio CHE PAGLIACCIATA ! Infami

Cefalonia, il sopravvissuto Carlo Santoro compie 100 anni: «Quel referendum per dire no ai nazisti»La testimonianza dell’ex tenente della Acqui che compie gli anni il 4 novembre: «Scampai alla morte tre volte davanti al protone di esecuzione. Mi allacciai una scarpa, consegnai un portafogli al prete, scesi dal camion. Poi i tedeschi smisero di sparare» Onore a questo grande eroe

Il collant compie 60 anni ed è protagonista di una sfilata molto speciale - Glamour.itI collant spengono 60 candeline (tanti auguri, eh!). I festeggiamenti più belli? Quelli di Calzedonia con la seconda edizione del LegShow 👯👯

Ecco l'automobile 'trasparente', così una ragazza di 14 anni risolve il problema dei punti ciechiAlaina Gassler è una studentessa di 14 anni di West Grove, in Pennsylvania e grazie a questa sua invenzione ha vinto 25 mila dollari. Alaina è riuscita a risolvere il problema dei punti ciechi di un'automobile, montando una webcam all'esterno del montante del parabrezza. La ragazza ha poi proiettato il tutto all'interno dell'abitacolo annullando del tutto il punto cieco dell'automobile.