Italia, Scuola

Quattro misure urgenti per la scuola e il resto del paese

Non ci possiamo concedere il lusso di ricommettere gli stessi errori di giugno. Serve, soprattutto, uno scatto politico importante che in questo momento è così difficile da riconoscere. L’articolo di @mante.

08/01/2021 16.30.00
Italia, Scuola, Massimo Mantellini, Tecnologia, Scuole, Coronavirus, Pandemia, Dad, Didattica A Distanza, İn Presenza, Foverno, Sussidi, Aiuti, Cablare

Non ci possiamo concedere il lusso di ricommettere gli stessi errori di giugno. Serve, soprattutto, uno scatto politico importante che in questo momento è così difficile da riconoscere. L’articolo di mante.

Non ci possiamo concedere il lusso di ricommettere gli stessi errori di giugno. Bisogna cablare le scuole, dare incentivi economici per le linee fisse casalinghe e l’acquisto di computer, e immaginare un luogo di formazione nazionale. Leggi

Cablare le scuole prima dell’inizio del successivo anno scolastico.Fornire strumenti per affrontare il divario digitale nelle sue due componenti note a tutti, quella culturale e quella infrastrutturale.Sul lavoro sarebbero servite persone più esperte di me, ma credo che il ragionamento da immaginare fosse sostanzialmente lo stesso: programmare una strategia d’emergenza per spostare temporaneamente il lavoro dai luoghi fino ad allora deputati alle case delle persone. Tutte le volte che fosse stato possibile.

Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare

I provvedimenti d’emergenza sulla scuola e sul lavoro erano accomunati da una caratteristica importante: erano temporanei, ma in parte anche strutturali. Avrebbero aperto piccoli spiragli di cambiamento e questo è stato considerato da molti come un rischio inaccettabile.

Alcuni dei provvedimenti necessari per il lavoro e la scuola riguardavano ancora una volta l’infrastruttura digitale e gli incentivi per migliorarla, altri più complicati erano normativi e di strategia aziendale. Serviva in ogni caso un piano accurato, affinché tutti quelli che potevano lavorare e studiare da casa fossero messi in condizione di farlo. Andava fatto in fretta, durante l’estate, per essere pronti se e quando il disastro fosse ritornato. headtopics.com

Il sentimento conservatoreCome poi sono andate le cose lo abbiamo visto. Ha prevalso il sentimento conservatore che caratterizza da sempre questo paese: una disperata, assoluta e continua voglia di guardare indietro, di essere rassicurati, di frequentare le stanze conosciute. Di rioccupare, se per caso gli eventi ce le avessero improvvisamente strappate, le piccole abitudini acquisite, continuando a utilizzarle come misura per osservare il mondo.

In fondo la nostra paralisi operativa dopo la prima ondata della pandemia si spiega all’interno di due elementi principali: il desiderio conservatore degli italiani e la mediocrità nota della sua macchina amministrativa. Entrambi gli elementi sono importanti e concorrono al fallimento: l’eventuale assenza occasionale di uno dei due non modificherà il risultato finale.

pubblicitàLe discussioni pubbliche sull’imprescindibile riapertura delle scuole, quelle che ironizzavano o demonizzavano il lavoro a distanza, gli opinionisti in tv, le linee editoriali dei quotidiani, i filosofi da talk show, certi virologi, il populismo spicciolo dei politici e dei ministri, erano tutti, per una volta, uniti da due elementi ampiamente esposti: un desiderio fortissimo di rimozione (state tranquilli, tutto tornerà esattamente come prima) e un rifiuto categorico di ogni innovazione. Come sempre in questo paese, anziano anche fra i suoi pochi giovani, quello che non è ben conosciuto sarà oscuro e portatore di sventure. E l’atteggiamento non si modificherà nemmeno di fronte a improvvise e drammatiche emergenze.

Dentro un simile assolutismo di maniera non ci si è nemmeno accorti che la discussione pubblica, se mai fosse stato il caso di farne una, non doveva essere la solita dissertazione sul futuro e i suoi guasti ma, molto più concretamente, su come fare per minimizzare i danni durante un’emergenza planetaria. headtopics.com

Speranza: 'Se i numeri sono calati è grazie ai vaccini' Tra giugno e agosto possibili 1,3 milioni di nuovi posti di lavoro. Cosa serve per crearli Morte di Adil, il camionista al gip: «Sono fuggito per paura di essere linciato». E ottiene i domiciliari

La discussione sulla scuola che tanto ci ha appassionato non era confrontare l’insegnamento a distanza con quello in presenza, ma semmai, come i fatti ci hanno poi indicato chiaramente, la didattica a distanza con il niente. Su questo sarebbe stato utile il punto di vista degli esperti e i provvedimenti del governo. Ma a un’ipotesi di lavoro del genere non si mai arrivati, né a giugno né dopo. Quella – il cosiddetto

worst case scenario– sarebbe dovuta essere la prima preoccupazione del buon amministratore che non sa cosa accadrà nei prossimi mesi e che, proprio perché non lo sa, deve attrezzarsi per il peggio. Cosa facciamo se tutto va molto male e la discussione sui banchi a rotelle o sui trasporti verso le classi liceali verrà travolta dagli eventi?

Cosa fare oraCosì ora, in attesa della terza ondata che ci raggiungerà fra poco (ormai non c’è nemmeno più il punto interrogativo da lasciar cadere per fini scaramantici in fondo alla frase) e dei prossimi dodici mesi che saranno di certo mesi di ulteriore emergenza, non ci possiamo concedere il lusso di ricommettere gli stessi errori di giugno, proprio nel momento in cui il governo italiano annuncia che l’innovazione sarà uno dei pilastri della prossima ricostruzione del paese finanziata dai duecento miliardi dell’Unione europea.

Serve un provvedimento urgente per cablare tutte le scuole italiane nel giro di qualche mese. I progetti di reteultrabroadband“per tutti gli italiani”, che sono in ballo da un decennio con le solite deprimenti battaglie di potere, non possono essere usati come alibi. Serve un accordo con le aziende di telecomunicazioni, i soldi dello stato e una strategia rapida. Nemmeno il headtopics.com

piano di Lepidaper le scuole in Emilia-Romagna, che è il fiore all’occhiello nazionale, ha la velocità necessaria. Fibra nelle scuole subito, costi quel che costi.Servono incentivi economici alle linee fisse casalinghe. Lo stato si faccia carico del cinquanta per cento almeno del canone mensile di chiunque intenda collegare le proprie case alla rete. Dimentichiamo il ridicolo e confusionario incentivo che il governo ha partorito per le categorie di cittadini a basso reddito in questi mesi. Solo linee fisse, con contratti

always on, niente fronzoli.Servono incentivi per l’acquisto di personal computer e notebook, per tutti, con ulteriori incentivi per gli studenti. Niente tablet o tantomeno smartphone, niente furbizie da sottoscala come quella di includere abbonamenti pagati dallo stato per gli editori in crisi.

Primarie Pd a Roma e Bologna: la vittoria di Lepore e Gualtieri Per Germania-Ungheria l'Allianz potrebbe tingersi di arcobaleno Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: 'Frasi offensive nei miei confronti affermate con veemenza inopportuna, senza contegno' - Il Fatto Quotidiano

Serve un luogo nazionale di formazione digitale: è tutto quello che possiamo fare in tempi così brevi per ildigital divideculturale. Una via di mezzo fra un portale di aiuto e un call center, unrepositorydi video e tutorial e un canale televisivo, un social network di aiuto e condivisione dei problemi. Servono intelligenze e risorse umane per organizzare un servizio pubblico del genere a supporto dei cittadini con le minori competenze informatiche di tutta Europa.

Serve, soprattutto, uno scatto politico importante che in questo momento è così difficile da riconoscere. Affinché l’essenza della politica italiana non sia più quella che i genitori di Giulio Regeni hanno magistralmente descritto qualche giorno fa in una frase lapidaria che mi sono segnato: “Le parole senza le azioni conseguenti”.

scuolaSostieni Internazionale Leggi di più: Internazionale »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

mante Ottimo articolo, letto con le lacrime agli occhi (metaforicamente e non solo) pensando allo stato in cui versa la scuola, e di conseguenza gli studenti e le persone che ci lavorano. mante Servono soldi (e quelli arrivano dalle tasse...) e serve la volontà politica di rendere questi interventi strutturali e non solo a fini emergenziali, altrimenti saranno buttati. Va ripensata la didattica inserita in un sistema generale che renda possibile studio e lavoro da casa

Zuchtriegel nominato direttore di PompeiLa scelta del ministro della Cultura, Dario Franceschini e il «lavoro per la bellezza del Paese»

Michel annuncia l’appoggio dell’Ue al nuovo governo della LibiaPer il presidente del Consiglio europeo è una «precondizione» per il ritorno della pace nel Paese I crimini commessi da natouk, usa e UE La storia sarà onestà

Draghi a Tripoli, il premier in missione in Libia con Di MaioObiettivo il ritorno della leadership italiana per la stabilità politica del Paese nordafricano L'ennesimo fallimento annunciato.

I punti chiave del discorso: «Euro irreversibile, la scuola, i vaccini, ricostruire la sanità sul territorio»Il punti chiave del programma del premier per la fiducia: la «Nuova Ricostruzione», la forte emozione, i vaccini da fare ovunque, la scuola, l’ambiente, il sostegno alle donne il vaccinare in ogni luogo possibile e non solo in strutture fisse e non ancora esistenti noo? Un By/By Arcuri? Premesso che è insostenibile uscire unilateralmente dall'euro, la rovina dell'economia italiana non è stato l'euro, ma l'uso speculativo dell'euro, dimezzando il potere d'acquisto con il costo della vita raddoppiato.

Oggi tornano in classe 300mila studenti delle superiori: ecco la mappa delle RegioniIl ritorno a scuola di 300mila studenti delle superiori. La mappa delle Regioni che hanno riaperto le aule e chi invece aspetta ancora Ma dove sono finiti i banchi con le rotelle? Come mai il Fake Quotidiano non ne parla? Come mai non dice che sono tutti costruiti in plastica alla faccia della propaganda del Green dei pentagrulloni! Se era il cdx al governo il diffamatore stava zitto😂😂😂 La strategia è quella difar saltare il banco.Politici e stampa all'attacco dell'asse Conte/5s invisi dai più per il fatto di rappresentare uno stralcio dilegalità in una nazione che si muove sulla corruzione e che vede blindare i soldi delRecovery che diventano non saccheggiabili La riapertura sarà in sicurezza? Non è cambiato niente! La regione Lombardia, invece di blaterare sui numeri, ha ordinato tamponi per tutti, come proposto dai collettivi studenteschi, per entrare in sicurezza?