Quando la Germania (ovest) si riscoprì popolo

23/11/2022 15:50:00

C’è una partita della Coppa Rimet o della Coppa del mondo che rivela in modo indelebile il momento storico in cui si svolge? La finale del Mondiale 1954

C’è una partita della Coppa Rimet o della Coppa del mondo che rivela in modo indelebile il momento storico in cui si svolge? La finale del Mondiale 1954 che fece riscoprire alla Germania (ovest) di essere un popolo - di Marco Ballestracci

C’è una partita della Coppa Rimet o della Coppa del mondo che rivela in modo indelebile il momento storico in cui si svolge? La finale del Mondiale 1954

Foto archivio Ap, via LaPresse Qatar 2022 Marco Ballestracci 23 nov 2022 C’è una partita della Coppa Rimet o della Coppa del mondo che rivela in modo indelebile il momento storico in cui si svolge? La finale del Mondiale 1954 Presumo possa essere una domanda che sorge spontanea quando si profilano all’orizzonte i mondiali di calcio.Il maxi-pacchetto anti-crisi di Berlino Il piano d’emergenza della Germania La Germania ha quindi risolto i suoi problemi? Neanche per idea, a giudicare dalle ultime indiscrezioni.Con Costa Rica e Spagna, Germania e Giappone giocano probabilmente nel gruppo che si prevede il più combattuto nella fase a gironi del Mondiale in Qatar.22/11/2022.

C’è una partita della Coppa Rimet o della Coppa Fifa che rivela in modo indelebile il momento storico in cui si svolge? In altre parole c ’è un incontro di calcio dei mondiali che sia paragonabile all’elevazione del pugno guantato di Tommy Smith e di John Carlos? Non ci si sta riferendo perciò alla mera conduzione “accomodante” dal punto di vista politico d’un torneo mondiale: per citare i due esempi più eclatanti Italia 1934 e , in cui ci si adoperò per ottenere un certo risultato sportivo, quanto piuttosto a una partita che sia una vera e propria epifania storica dei tempi.A scrutare bene ce n’è una sola, che fu così sorprendente nel risultato da meritarsi il soprannome di “Miracolo di Berna” e che è null’altro che la finale del campionato del mondo 1954 in Svizzera in cui la Germania Ovest batté la Grande Ungheria di Puskas, Hidegkuti e Bozsik – l’Aranycsapat, la Squadra d’Oro – per 3 a 2.Allo stesso tempo, la nazione si starebbe preparando a possibili interruzioni di corrente.Tuttavia è un po’ da poveri di spirito limitare l’epiteto di “Miracolo di Berna” al solo risultato perché, se ci si sofferma un poco, pare proprio che la storia avesse stabilito un preciso appuntamento il 4 luglio 1954 sul prato dello Stadio Wankdorf.Si gioca mercoledi allo stadio Internazionale di Khalifa alle 14.Innanzitutto c’era il paese ospitante, la Svizzera, scelta apposta per la prima edizione europea dopo la seconda guerra mondiale perché la sua neutralità aveva accomodato praticamente tutti: che fossero alleati, ebrei, collaborazionisti, nazisti e persino comunisti in esilio.L’ aumento dei costi energetici sabotaggi rappresenterebbero due variabili impazzite che avrebbero spinto la Germania a prepararsi al peggio.Poi c’era l’Ungheria che era stata alleata dei tedeschi e degli italiani durante l’invasione della Jugoslavia e della Russia nel 1941, ma che poi era stata occupata durante la controffensiva dall’Armata Rossa in marcia verso ovest e che era finita nel coacervo dei paesi che da lì a breve avrebbero sancito l’appartenenza al Patto di Varsavia.

Infine la Germania, riammessa alle competizioni ufficiali nonostante rimbombasse degli echi dell’epilogo del Processo di Norimberga e fosse ancora tormentata dai processi satelliti che riguardavano i crimini di guerra.Un recente studio della Bundesbank ha rilevato che in Germania circa il 60% degli acquisti quotidiani viene pagato in contanti e che i tedeschi, in media, prelevano più di 6.Musiala resta la certezza sulla trequarti, dove Hofmann dovrebbe sostituire l'infortunato Sané.Tutto questo incredibile scenario europeo post bellico era racchiuso il 4 luglio 1954 dentro il rettangolo di gioco dello stadio di Berna.Lo svolgimento dell’incontro ha un’importanza relativa, anche se la partita fu davvero bellissima e vibrante, con Toni Turek – il portiere tedesco, grande protagonista della finale – che, a imperitura memoria, conservava nella scatola cranica (e la conservò fino alla morte) una scheggia di mortaio, conficcatasi là durante la grande battaglia di carri armati di Kursk.Un rapporto parlamentare di dieci anni fa, inoltre, metteva in guardia contro “malcontento” e “alterazioni aggressive” nel caso in cui i cittadini non fossero riusciti a mettere le mani sui contanti in caso di eventuali blackout.Ugualmente hanno importanza molto relativa le polemiche sulla formula del torneo e sul ventilato doping della squadra tedesca.Ct.Ciò che davvero importa sono le testimonianze dei tifosi che giunsero dalla Germania alla spicciolata e si sedettero quasi in incognito sulle tribune dello Stadio Wankdorf.Gli incubi dell’industria tedesca Nel frattempo il raccomanderà al governo di aumentare le tasse sui ricchi per aiutare a finanziare i pacchetti di aiuti multimiliardari concordati per combattere la crisi energetica.

“Non potrò mai dimenticare quel giorno.Quando l’arbitro fischiò la fine ci guardammo stupefatti.L’ industria tedesca trattiene il respiro e aspetta con ansia di capire cosa si nasconde dietro l’orizzonte.Anche Itakura in difesa sembra destinato inizialmente alla panchina.Cominciammo ad abbracciarci, a gridare e a sventolare la bandiera tedesca che avevano nascosto per tutta la partita nella stretta fessura tra le nostre schiene e la gradinata.Nessuno doveva sapere che allo stadio c’erano bandiere della Germania.Senza più poter contare sull’energia a basso costo dalla Russia, dal 2023 in poi l’industria pesante tedesca potrebbe letteralmente svuotarsi, generando un enorme danno all’economia nazionale e creando contraccolpi anche a migliaia di fornitori, e cioè ad altri Paesi Ue, come Slovacchia e Repubblica Ceca, connessi al sistema economico tedesco.Mentre le agitavamo ci guardavamo e non potevamo credere ai nostri occhi.

Il tricolore sventolava.Il peso maggiore delle riduzioni finirebbe sulla schiena dell’industria tedesca, responsabile di circa un terzo del consumo di gas del paese.Era dalla fine della guerra che non accadeva una cosa simile perché nessuno aveva il coraggio di far vedere che era contento.Ci vergognavamo di ciò che la Germania era stata.Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”.Invece a Berna parevamo impazziti e, per la prima volta, non ci sentimmo in colpa di dimostrare tutta la nostra gioia nonostante fossimo tedeschi”.E’ questa la natura più profonda del “Miracolo di Berna”: il giorno in cui un paese intero, almeno per un poco, poté liberarsi dal più spietato dei sensi di colpa.Mensile.

Di più su questi argomenti:.

Leggi di più:
Il Foglio »
Loading news...
Failed to load news.

La crisi energetica e gli incubi della GermaniaLe nuvole della crisienergetica all'orizzonte sono nere. Soprattutto per la Germania, che ora rischia blackout e danni all’economia fino a 283 miliardi di euro

Germania Giappone, le probabili formazioni della partita dei Mondiali | Sky SportGermania Giappone: tutte le news sulle probabili formazioni dagli inviati di Sky Sport.

Road to Qatar 2022, la presentazione di Qatar e FranciaQatar2022, FIFAWorldCup: l'ultima tappa del nostro viaggio per conoscere più da vicino le 32 protagoniste dei Mondiali. E' la volta della nazionale del Paese ospitante, il Qatar, e della Francia

Road to Qatar 2022, la presentazione di Uruguay e CamerunQatar2022, FIFAWorldCup: continua il nostro viaggio alla scoperta delle 32 protagoniste dei Mondiali. Ecco Uruguay e Camerun

Salerno, trovati resti soldati tedeschi della seconda guerra mondialeLeggi su Sky TG24 l'articolo Salerno, trovati resti soldati tedeschi della seconda guerra mondiale

Arabia Saudita, Costa Rica e non solo: tutte le imprese della storia del MondialeIl primo colpo di scena in Qatar è andato in scena. Andiamo a ripercorrere altri risultati a sorpresa avvenuti nelle scorse edizioni, con l'Italia protagonista anche più volte