Cronaca

Cronaca

Può essere il credo animalista a condizionare uno scienziato che lavora per la salute degli esseri umani? - La Stampa

Il Consiglio di Stato ha sospeso il programma LightUp, su cui lavoravano le università di Torino e di Parma, finalizzato a curare una particolare forma di cecità.

25.1.2020

Il Consiglio di Stato ha sospeso il programma LightUp, su cui lavoravano le università di Torino e di Parma, finalizzato a curare una particolare forma di cecità.

Il Consiglio di Stato ha sospeso il programma LightUp, su cui lavoravano le università di Torino e di Parma, finalizzato a curare una particolare forma di cecità. Il problema nasce dal fatto che la sperimentazione avrebbe richiesto di intervenire su sei macachi cui sarebbe stato necessario procurare una micro zona d’ombra nell’occhio, secondo il protocollo scientifico previsto per questo tipo di studio. L’ordinanza di sospensione però ha tenuto conto della battaglia animalista che si era scatenata a difesa dei macachi, si chiede quindi agli scienziati che avrebbero dovuto lavorare al progetto di provare che: «non esistono alternative a una sperimentazione invasiva sugli animali e foriera di sofferenze che la normativa europea e nazionale sul benessere animale, anche nelle sedi di sperimentazione, prescrive di evitare o ridurre entro rigorosi parametri fisiologici». Ora l’ultima parola spetta al Tar del Lazio ma questa ordinanza, al momento provvisoria, inaugura comunque, da parte di un organismo dello Stato che non ha una specifica competenza, la pretesa di avere legittimità di avanzare il sospetto su come la scienza in Italia proceda nel delicato tema della sperimentazione animale. Si noti che il progetto aveva avuto l’autorizzazione della Commissione europea, del Consiglio superiore di sanità, e del Ministero della Salute. Il precedente è veramente grave perché sembra avvalorare la teoria di molte organizzazioni animaliste che vedono gli scienziati come sadici aguzzini, pronti a infierire gratuitamente sugli animali quando esisterebbero metodi alternativi. Nessun ricercatore ama provocare sofferenza gratuita su animali per pura cattiveria, è assurdo che si chieda alla comunità scientifica di provare che non esistano alternative alla sperimentazione animale, se esistessero le avrebbero messe in atto ed è evidente che la maniera più attendibile per alcuni tipi di ricerca sia ancora quella di lavorare sugli animali, come in passato sempre si è fatto per debellare gra

25 Gennaio 2020 19:01 Il Consiglio di Stato ha sospeso il programma LightUp, su cui lavoravano le università di Torino e di Parma, finalizzato a curare una particolare forma di cecità. Il problema nasce dal fatto che la sperimentazione avrebbe richiesto di intervenire su sei macachi cui sarebbe stato necessario procurare una micro zona d’ombra nell’occhio, secondo il protocollo scientifico previsto per questo tipo di studio. L’ordinanza di sospensione però ha tenuto conto della battaglia animalista che si era scatenata a difesa dei macachi, si chiede quindi agli scienziati che avrebbero dovuto lavorare al progetto di provare che: «non esistono alternative a una sperimentazione invasiva sugli animali e foriera di sofferenze che la normativa europea e nazionale sul benessere animale, anche nelle sedi di sperimentazione, prescrive di evitare o ridurre entro rigorosi parametri fisiologici». Ora l’ultima parola spetta al Tar del Lazio ma questa ordinanza, al momento provvisoria, inaugura comunque, da parte di un organismo dello Stato che non ha una specifica competenza, la pretesa di avere legittimità di avanzare il sospetto su come la scienza in Italia proceda nel delicato tema della sperimentazione animale. Si noti che il progetto aveva avuto l’autorizzazione della Commissione europea, del Consiglio superiore di sanità, e del Ministero della Salute. Il precedente è veramente grave perché sembra avvalorare la teoria di molte organizzazioni animaliste che vedono gli scienziati come sadici aguzzini, pronti a infierire gratuitamente sugli animali quando esisterebbero metodi alternativi. Nessun ricercatore ama provocare sofferenza gratuita su animali per pura cattiveria, è assurdo che si chieda alla comunità scientifica di provare che non esistano alternative alla sperimentazione animale, se esistessero le avrebbero messe in atto ed è evidente che la maniera più attendibile per alcuni tipi di ricerca sia ancora quella di lavorare sugli animali, come in passato sempre si è fatto per debellare gravi malattie e salvare la vita a milioni di esseri umani. Ora senza dover necessariamente scendere in analisi di un’evidente mutazione nella psiche collettiva, occorre che ci si chiarisca su un punto fondamentale, che soprattutto in Italia sembra essere il fulcro di un vasto e trasversale movimento di pensiero, che ha tutte le caratteristiche fideistiche e irrazionali di una vera e propria religione. Può essere il credo animalista a condizionare i comportamenti di uno scienziato che lavora per la salute e la sopravvivenza di esseri umani? Non si tratta di una questione superficiale o banalmente legata a visioni della vita contrastanti. E’ una basilare svolta del nostro paese che è sulla buona strada per tornare indietro di secoli riguardo alla ricerca scientifica. Sulla scia di questa impostazione ideologica potrebbero essere considerate come legittime le motivazioni che scatenano le battaglie degli anti vaccinisti, come pure leciti i blitz talebani che liberano le cavie dagli stabulari, dare ragione ai difensori dell’omeopatia come un metodo di cura scientificamente efficace. Naturalmente in questa direzione potrebbero avere diritto di parola anche quelli che affermano di curarsi il cancro con limone e il bicarbonato, ogni stregone, fattucchiera, dispensatore di pozioni magiche. Guai a sollevare perplessità su questo possibile scenario, si passerebbe dalla parte degli odiatori degli animali, degli insensibili, dei cinici e dei crudeli. Soprattutto degli oscurantisti o prezzolati da speculatori occulti. E’ chiaro quanto tutto questo sia folle, almeno sembra palese a tutto il resto del mondo, soprattutto a chi ci aveva annesso a un progetto internazionale perché considerava le nostre università dei centri d’eccellenza. Ora dovremmo invece cominciare a fare i conti con il nuovo credo sull’equivalenza di ogni essere vivente rispetto all’uomo, dal topolino al macaco. E’ un tema su cui non si discute, come sarebbe inutile argomentare con chi crede ai miracoli, al potere taumaturgico dei fiori di Bach o chi dorme abbracciato con il proprio cane nel letto perché qualcuno ha scritto che riduce il rischio di malattie cardiache. ©RIPRODUZIONE RISERVATA Leggi di più: La Stampa

E il ginecologo obiettore che fa portare avanti gravidanze contro il volere della donna?In cosa crede questo dottore o uomo di scienza?In ogni caso ci vuole rispetto per la dignita degli esseri viventi No Spero proprio di si! Sì per fortuna Credo animalista? Potreste per favore enunciarmi questo 'credo'? O volevate dire 'la preoccupazione etica contro il maltrattamento degli animali'? E' molto diverso...

se lavora per il bene della bestia umana trovi in modo di non far soffrire gli animali,rinunci ad usarli e faccia sperimentazioni in vitro o simulate,ma se poi non è vero che i macachi soffrono, che non li uccideranno che somministrano loro anestestici ,non hanno figli ? Magari no, però può spingerlo a cercare anche alternative invece di continuare a credere sia l'unica strada percorribile

Non si può rinunciare alla sperimentazione animale. Si. basta e basta con queste storie, non ci crediamo più, lascino in pace gli animali

Il Consiglio dei ministri stanzia tre miliardi per il taglio del cuneo fiscale - La StampaIl Consiglio dei ministri che si è riunito ieri in tarda serata, su proposta del presidente Giuseppe Conte e del ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per la riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente. Il decreto, in attuazione della legge di bilancio per il 2020 (legge 27 dicembre 2019, n. 160) che ha stanziato 3 miliardi di euro per il 2020 per la riduzione del cuneo fiscale sugli stipendi dei lavoratori dipendenti, interviene per rideterminare l’importo ed estendere la platea dei percettori dell’attuale 'bonus Irpef'. Lo si legge in una nota diramata nella notte al termine del Consiglio dei ministri. Dal 1° luglio 2020, il bonus di 80 euro aumenta quindi a 100 euro mensili per chi ha un reddito annuo fino a 26.600 euro lordi. Coloro che percepiscono un reddito da 26.600 euro a 28.000 euro, beneficeranno per la prima volta di un incremento di 100 euro al mese in busta paga. Per i redditi a partire da 28.000 euro, si introduce invece una detrazione fiscale equivalente che decresce fino ad arrivare al valore di 80 euro in corrispondenza di un reddito di 35.000 euro lordi. Oltre questa soglia, l’importo del beneficio continua a decrescere fino ad azzerarsi al raggiungimento dei 40.000 euro di reddito. In questo modo, sottolinea il governo, la platea dei beneficiari passa da 11,7 a 16 milioni di lavoratori. Conte è sempre molto fotogenico. Stanzia? 3miliardi? E dove e a chi li prende? Non certo dalle sue tasche. Ha, già... fra 2giorni si vota in Emilia e il governo rischia di andare a casa!

Edilnol, il tempo vola: pericolo quarto posto per la temuta fase a orologio - La StampaIl tempo scorre veloce e alla fine del girone di ritorno di serie A2 mancano sette partite e poco più di un mese. L’1 marzo per l’Edilnol, con la trasferta a Capo d’Orlando, si chiuderanno i primi 26 impegni e si spalancheranno le porte della Coppa Italia. E dopo, a proposito di tempo, ci sarà spazio per la temuta e misteriosa fase a orologio che da quest’anno chiude la regular season. Il mistero sta nel fatto che non si conosceranno le avversarie, pescate dal girone Est, fino alla sera dell’ultima di ritorno, perché gli abbinamenti dipenderanno dai piazzamenti in classifica. Il timore dipende dal dettaglio che quelle sei partite extra rischiano di essere un ciclo di fuoco. Chi, nella pancia del Forum, ha giocato alle simulazioni, per esempio, ha constatato che non c’è niente di peggio che chiudere i turni ordinari al quarto posto. La regola della fase a orologio stabilisce infatti che nella «protesi» del calendario si affronteranno le tre squadre dell’altro girone immediatamente davanti in classifica e le tre immediatamente dietro. Regola che ha un’eccezione per le prime tre in graduatoria che «scaleranno» verso il fondo. Quindi, nel concreto, la leader se la vedrà con quattordicesima, tredicesima e dodicesima e con seconda, terza e quarta. Per fare un esempio pratico, se il calendario si decidesse adesso, all’Edilnol quarta toccherebbero Ravenna (la squadra delle undici vittorie in fila), Forlì che era tra le favorite per la promozione già a settembre, la Mantova di Tommaso Raspino e poi Ferrara, Udine e Piacenza. Ovvero un mini-girone di fuoco contro quasi tutto il meglio di quanto abbia mostrato il girone Est tra leader del torneo e squadre in piena lizza per un posto al sole dei playoff. Il bello (o il brutto) è che fare calcoli è impossibile e sconveniente: troppe le variabili in ballo fino all’ultimo minuto dell’ultima partita e troppo importanti i punti in palio per essere contenti di averne lasciato qualcuno indietro pur di garantirsi una fase a orologio me

Il Capodanno Cinese in mostra al Torino Outlet Village - La StampaCinquanta opere raccontano l’evoluzione dell’arte cinese contemporanea. La selezione di artisti curata da Vincenzo Sanfo.

Il segreto di un matrimonio che dura è tenere l’amore a giusta distanza - La StampaQual è la giusta distanza per una coppia? Una pietra focaia e un pezzo di vecchio legno non possono fare granché se tenuti lontani, ma quando la distanza diventa quella giusta, allora s& ... Le recensioni 📖 di Tuttolibri . la cenere non si riaccende

Quattordici chef stellati ai fornelli per il compleanno di Eataly - La StampaParte del ricavato della cena benefica andrà alla Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro a favore dell'Istituto di Candiolo-IRCCS. Parte del ricavato.... quanto in soldoni

Il clippino - La StampaAccidenti al clippino: si vede Annalisa Cuzzocrea (giornalista di Repubblica) invitare il titolare della Giustizia, Alfonso Bonafede, a curarsi degli innocenti in carcere. Sono tanti, come sa chi legge questa rubrica. Il 34 e virgola per cento degli oltre 60 mila detenuti è in attesa di giudizio e, secondo statistica, ...



Coronavirus, la direttrice analisi del Sacco: 'Mi sembra follia' | Sky TG24

Coronavirus Stop lavoro e mobilità in zone focolaio - Politica

Coronavirus, l'ordinanza del ministero della Salute: 'Quarantena per chi è rientrato dalla Cina e chi ha avuto contatti con contagiati' - Il Fatto Quotidiano

Migranti, la Ocean Viking sbarcherà 274 persone a Pozzallo | Sky TG24

Coronavirus, diario dall'isolamento - 'Sulle chat delle mamme circolano nomi di pediatri positivi al test. L'ansia c'è e non si nasconde' - Il Fatto Quotidiano

Coronavirus, la direttrice del laboratorio di analisi dell’ospedale Sacco: non è pandemia, mi sembra follia - La Stampa

Coronavirus, scontro politico Salvini: «Blindare porti e confini» Il Pd: «Sciacallo»

Scrivi un Commento

Thank you for your comment.
Please try again later.

Ultime Notizie

Notizia

25 gennaio 2020, sabato Notizia

Notizie precedenti

Giulio Regeni, la svolta sembra ancora lontana - La Stampa

Prossime notizie

Sperimentazione sui macachi, lo stop del Consiglio di Stato. Ma i test per legge non vengono autorizzati se esiste alternativa - Il Fatto Quotidiano
Coronavirus Italia, 3 morti e oltre 150 positivi in Italia. LIVE | Sky TG24 Coronavirus, Conte: 'Misure come nessun altro Paese' | Sky TG24 Stampa inglese: l’eredità di Kirk Douglas in beneficenza, nulla al figlio Michael - La Stampa Perché il coronavirus si è diffuso così rapidamente nel Nord Italia? Negativi gli esami di secondo livello: i tre cinesi ricoverati all’ospedale Carle di Cuneo non sono affetti da coronavirus - La Stampa Blog | Tutto quello che vale la pena sapere sulle recessioni - Info Data La mappa del Coronavirus, in Italia contagi raddoppiati in 24 ore: siamo i terzi al mondo per numero di persone colpite Coronavirus Italia, 3 morti e oltre 130 positivi in Italia. LIVE | Sky TG24 Papa lancia l’allarme: il populismo di alcuni leader ricorda gli anni ‘30 Coronavirus, dipendente contagiato: chiudono tutti gli stabilimenti italiani di Italdesign - La Stampa Coronavirus, l'Austria revoca il blocco dei treni da e per l'Italia - Tgcom24 Coronavirus, Italia terzo Paese al mondo per numero di contagi
Coronavirus, la direttrice analisi del Sacco: 'Mi sembra follia' | Sky TG24 Coronavirus Stop lavoro e mobilità in zone focolaio - Politica Coronavirus, l'ordinanza del ministero della Salute: 'Quarantena per chi è rientrato dalla Cina e chi ha avuto contatti con contagiati' - Il Fatto Quotidiano Migranti, la Ocean Viking sbarcherà 274 persone a Pozzallo | Sky TG24 Coronavirus, diario dall'isolamento - 'Sulle chat delle mamme circolano nomi di pediatri positivi al test. L'ansia c'è e non si nasconde' - Il Fatto Quotidiano Coronavirus, la direttrice del laboratorio di analisi dell’ospedale Sacco: non è pandemia, mi sembra follia - La Stampa Coronavirus, scontro politico Salvini: «Blindare porti e confini» Il Pd: «Sciacallo» Coronavirus: nell’80-90% dei casi è come l’influenza, per gli altri rischio polmonite La direttrice del laboratorio Sacco: «Non esagerate, una follia che farà male» Coronavirus, la direttrice del laboratorio Sacco: «Non esagerate, state calmi, una follia che farà male» Coronavirus: università chiuse in Lombardia, Veneto e a Ferrara | Sky TG24 Papa: 'Mi fanno paura i discorsi di alcuni leader populisti, seminavano odio già negli anni trenta del secolo scorso”