Presiede il Consiglio comunale allattando la figlia appena nata

Presiede il Consiglio comunale allattando la figlia appena nata

11/07/2019 21.08.00

Presiede il Consiglio comunale allattando la figlia appena nata

Francesca Tozzi è la vicepresidente del Consiglio comunale di Lastra a Signa, in provincia di Firenze. La foto è diventata virale sui social media

EmailPresiede il Consiglio comunale, e nel frattempo allatta. Francesca Tozzi è la vicepresidente del Consiglio comunale di Lastra a Signa, in provincia di Firenze e mercoledì sera, in assenza del presidente del Consiglio, è toccato a lei dirigere la seduta dei consiglieri. Unico «inconveniente», la presenza insieme a lei della secondogenita Anna di quasi tre settimane, che non poteva lasciare a casa perché sarebbe rimasta sola. Ma non è stato affatto un inconveniente, anzi. La seduta si è svolta regolarmente e mamma Francesca ha allattato e cullato la propria figlia altrettanto regolarmente, oltre che attirare gli elogi di tutto il Consiglio. Compreso il plauso del sindaco di Lastra a Signa Angela Bagni, che su Facebook ha scritto: «Ieri sera in consiglio comunale è successa una cosa bellissima ma allo stesso tempo naturale: la nostra vicepresidente del consiglio comunale Francesca Tozzi ha condotto la seduta dell’assemblea cittadina (al posto del presidente Montemurro assente per motivi personali) portando con sé la sua secondogenita, la piccola Anna Rumi di quasi tre settimane, allattandola nel corso dei lavori all’ordine del giorno».

Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega' Migrante di 27 anni muore nel Brindisino: tornava da una giornata di lavoro nei campi Scontro Ue-Orban, Bruxelles scrive all'Ungheria: 'La vostra legge viola le norme europee' - Europa

E poi le parole di ringraziamento e di conforto per tante altre donne: «Voglio ringraziare Francesca perché con questo piccolo grande gesto può far capire a molte donne che l’allattamento è una cosa naturalissima, può avvenire in ogni luogo e nessun lavoro, né incarico politico o ruolo istituzionale può impedire alla donna di essere madre. Sono consapevole che purtroppo non è sempre così: oggi in molti luoghi una mamma è ancora considerata ingiustamente una lavoratrice a mezzo servizio. Opponiamoci con forza a questo preconcetto e sosteniamo uno dei diritti fondamentali e più importanti per una donna. La maternità deve essere assolutamente una grande opportunità e ognuna deve sentirsi libera di poter fare questa scelta secondo i propri impulsi e i propri desideri, senza pensare che sarà un ostacolo per il lavoro o per qualsiasi ruolo o incarico si voglia ricoprire. Francesca ne è l’esempio: allora io mi auguro che dal nostro Comune possa partire questo messaggio di sensibilità, coraggio e speranza per tutte le donne».

11 luglio 2019 (modifica il 11 luglio 2019 | 19:36) Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Povera bambina! Bonus presenza oppure bonus bene? Ma i 5 mesi di maternità non li ha? Non siamo mica in UK dove, avendo solo 6 settimane pagate, si arrangiano come possono... o in politica sono svantaggiati? Sarebbe davvero curioso... cosa non si fà per mettersi in mostra

Se perdi il ricorso la multa non raddoppia più - Il Sole 24 ORETra le novità dell’ultimora spuntano lo “sconto” che rende meno penalizzante tentare un ricorso al prefetto, uno stop alle “multe a strascico per divieto... Sempre più incivili, ahimé... Ora i ricorsi ovviamente aumenteranno e la gente si sentirà ancora più in diritto di guidare e parcheggiare come cazz gli pare.... 😉

Bond, la mina che rischia di far saltare il mercato - Il Sole 24 OREUna mina vagante dalla portata di 2,4 trilioni di dollari si aggira per il mondo. È quella che potrebbe «esplodere» sul mercato dei titoli governativi...

Beneficio prima casa per il secondo immobile, se il primo è distrutto dal terremoto - La StampaIl caso. La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 18091/2019, accoglie il ricorso di un contribuente: anche il secondo alloggio nello stesso Comune può beneficiare dell’agevolazione, se il primo è stato distrutto dal terremoto.I giudici della Corte di Cassazione hanno analizzato un caso riguardante il terremoto in Abruzzo del 2012: la casa del contribuente era stata demolita dal sisma e la Commissione Tributaria Regionale aveva negato i benefici fiscali sul secondo immobile acquistato dall’uomo.La decisione. Il previo riconoscimento del beneficio prima casa in occasione di un precedente acquisto di un immobile costituisce impedimento insuperabile al riconoscimento dell’ulteriore beneficio al momento di acquisto di un altro immobile.Secondo la Cassazione, però, non si può ritenere elemento ostante all’applicazione delle agevolazioni prima casa la circostanza che l’acquirente dell’immobile sia anche proprietario di un altro immobile nello stesso Comune, che per qualsiasi ragione sia inidoneo per le ridotte dimensioni ad essere destinato a sua abitazione. L’idoneità dell’alloggio già posseduto deve essere valutata anche dal punto di vista soggettivo del compratore in relazione alle esigenze abitative del suo nucleo familiare.Da ciò, discende che il contribuente con un alloggio danneggiato da un sisma possa ottenere le agevolazioni prima casa, nello stesso Comune, per il secondo alloggio da lui posseduto.Fonte: www.fiscopiu.it Cioè, ha dovuto rivolgersi alla Cassazione per quest'ovvietà negata dalla commissione tributaria? Allucinante! Mi auguro che i giudici non abbiano disposto la compensazione delle spese, altrimenti, oltre al danno la beffa.

Sta arrivando il 5G: ecco come potrebbe cambiare la nostra vita - Il Sole 24 ORESu cellulare, tablet o computer il calcio in 4K/8K in diretta. Oppure con un visore a realtà virtuale, la stessa partita vista come se stessimo allo stadio,...

Riecco Huawei, c’è il telefono per il 5G e la “pace” con TrumpLa casa cinese annuncia il Mate 20X 5G, uno smartphone per la nuova tecnologia con schermo da 7,2 pollici. Ma soprattutto rassicura su Android: “Nulla è cambiato”

Cannabis, il Consiglio superiore di sanità: «Per ora non è una cura, continuare nella ricerca» - VanityFair.itÈ questo il parere del Consiglio superiore di Sanità che però specifica di andare avanti con la sperimentazione. Ne abbiamo parlato con l’associazione Coscioni, fra le prime realtà a promuovere l’accesso ai farmaci cannabinoidi 43 Nazioni utilizzano la cannabis terapeutica, in italia un manipolo di personaggi dice che non serve a niente. Spero che la magistratura verifichi conti correnti ed entrate economiche di questi personaggi Il Consiglio superiore di sanità in un'immagine di repertorio