Politica agricola comune (Pac), la Corte dei Conti Ue: 'I fondi destinati all'azione per il clima non hanno ridotto i gas serra emessi' - Il Fatto Quotidiano

Politica agricola comune (Pac), la Corte dei Conti Ue: “I fondi destinati all’azione per il clima non hanno ridotto i gas serra emessi”

21/06/2021 22.49.00

Politica agricola comune (Pac), la Corte dei Conti Ue: “I fondi destinati all’azione per il clima non hanno ridotto i gas serra emessi”

La doccia fredda a pochi giorni dal nuovo trilogo sulla Politica agricola comune convocato a Bruxelles per il 28 e 29 giugno, dopo la fumata bianca di fine maggio. Secondo una relazione speciale della Corte dei conti europea pubblicata oggi, i circa 100 miliardi di euro di fondi (oltre un quarto della Politica agricola comune …

Corte dei conti europeapubblicata oggi, i circa100 miliardi di euro di fondi(oltre un quarto della Politica agricola comune 2014-2020) destinati all’azione per il clima non hanno avuto impatti sulleemissionidigas a effetto serraprodotte dall’agricoltura, che non diminuiscono dal 2010 mentre nel decennio precedente erano calate in maniera progressiva. Un fallimento è quello che emerge dall’analisi delle pratiche per la mitigazione dei cambiamenti climatici sostenute dalla Pac. Secondo la Corte gli

Agrigento, no vax pentita lancia appello dall'ospedale: 'Vaccinatevi tutti, si sta malissimo' 'Dottoressa, ho cambiato idea, mi vaccini'. Ma era troppo tardi: il covid uccide Maddalena Amiti, edicolante coraggio Evasione fiscale, il Papeete attacca: «Trattati come delinquenti, fateci difendere»

aiuti diretti non incentivano gli agricoltoriad adottare pratiche efficaci rispettose dell’ambiente, mentre la maggior parte delle misure finanziate “halimitate potenzialitàai fini della mitigazione dei cambiamenti climatici”. E il risultato di questa analisi non poteva arrivare in un momento più delicato e, anzi, appare come un monito. La nuova tornata di negoziati punta a superare lo stallo tra

EuroparlamentoeConsiglioUe, prima che la presidenza portoghese passi la mano, dal primo luglio, a quella slovena per arrivare alla riforma che entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio 2023, con una dotazione di fondi di circa387 miliardi, poco meno di 50 dei quali destinati all’agricoltura italiana. E che sia un monito lo dice anche headtopics.com

Viorel Ștefan, membro della Corte dei Conti Ue, nonché responsabile della relazione, secondo cui “la nuova politica agricola comune deve concentrarsi di più sulla riduzione delle emissioni prodotte dall’agricoltura, essere più trasparente e rendere meglio conto del contributo fornito alla mitigazione dei cambiamenti climatici”.

LE EMISSIONI DOVUTE ALLA ZOOTECNIA– L’audit aveva l’obiettivo di evidenziare eventuali riduzioni di emissioni di gas a effetto serra prodotte da zootecnia, fertilizzanti chimici e letame e uso dei terreni (terre coltivate e pascoli), ma anche di confrontare le modalità con cui, rispetto al decennio precedente, la Pac avesse incentivato l’adozione di efficaci pratiche di mitigazione. Le emissioni prodotte dall’allevamento del bestiame rappresentano circa metà delle emissioni in agricoltura e, secondo i dati raccolti, è dal 2010 che non diminuiscono. I

bovinine causano due terzi e sono direttamente collegate alle dimensioni delle mandrie. “La quota di emissioni riconducibile alla zootecnia – si spiega in una nota – aumenta ulteriormente se si tiene conto di quelle connesse alla produzione dimangimianimali (compresi quelli importati)”. E a riguardo, la Pac non cerca di limitare il numero di capi di bestiame, né fornisce incentivi per una loro riduzione. Le misure di mercato della Pac, inoltre, includono la promozione dei prodotti di origine animale, il cui consumo non diminuisce dal 2014. In pratica, sottolinea la Corte dei Conti Ue, in questo modo si contribuisce a mantenere alto il livello delle emissioni di gas a effetto serra invece che a ridurle. E quello dei capi di bestiame è certo un punto importante, già al centro di diverse discussioni nel lungo percorso che ha portato la nuova Pac alle sue battute finali, con i più critici che vedono, nella nuova versione, un riproporsi dello stesso modello che, tra l’altro, sembra incentivare gli allevamenti intensivi.

AUMENTATE LE EMISSIONI DOVUTE A FERTILIZZANTI E LETAME– Le emissioni dovute ai fertilizzanti chimici e al letame, che rappresentano invece quasi un terzo delle emissioni prodotte dall’agricoltura, sono addirittura aumentate tra il 2010 e il 2018. Eppure la Pac ha sostenuto pratiche che avrebbero dovuto ridurre l’uso di headtopics.com

Mercato, dal Chelsea 128 milioni per Lukaku. L'Inter dice sì e va a caccia del sostituto: in pole Vlahovic, poi Zapata Olimpiadi, le medaglie degli italiani in di diretta: tutti i risultati di oggi a Tokyo 2020 Lukaku saluta Inzaghi e l'Inter: addio certo, si attende l'offerta da 130 milioni del Chelsea

fertilizzanti, come l’agricoltura biologicae la coltivazione di legumi da granella. Secondo l’analisi della Corte dei Conti Ue tali pratiche non hanno un effetto certo sulle emissioni di gas a effetto serra (e questo è un altro argomento molto discusso), mentre “pratiche di provata efficacia, come i metodi dell’agricoltura di precisione” che regolano l’applicazione di fertilizzanti in base alle necessità delle colture, secondo i giudici contabili ricevono invece meno finanziamenti.

LE PRATICHE NON RISPETTOSE E QUELLE NON SOSTENUTE– L’analisi punta il dito anche contro le pratiche non rispettose dell’ambiente sovvenzionate in questi anni: si finanziano, ad esempio, gli agricoltori che coltivano letorbieredrenate, che rappresentano meno del 2% delle superfici agricole dell’Ue ma rilasciano il 20% delle emissioni di gas a effetto serra dell’Ue prodotte dall’agricoltura. “I fondi per lo sviluppo rurale – sottolineano i giudici – avrebbero potuto essere utilizzati per il ripristino di queste torbiere, ma ciò è avvenuto di rado”. Secondo la Corte dei Conti Ue, poi “il sostegno a misure della Pac per il sequestro del carbonio, quali

l’imboschimento, i sistemi agroforestali e laconversione di seminativi in prato, non è aumentato rispetto al periodo 2007-2013”, mentre la normativa dell’Ue attualmentenon applica il principio ‘chi inquina paga’ alle emissioni di gas a effetto serra del settore agricolo

. Infine, la Corte ha rilevato che le norme di condizionalità e le misure di sviluppo rurale sono cambiate poco rispetto al periodo precedente, nonostante le maggiori ambizioni dell’Ue in materia di clima. E dire che abloccarela trattativa della Pac 2023-27 è proprio l’insieme delle misure verdi, in particolare la percentuale di headtopics.com

aiuti diretti(uno dei due pilastri su cui si basa la Pac) da destinare a pratiche agricole ecologiche. L’Europarlamento chiede il 30%, equivalente a circa 58,5 miliardi, mentre il Consiglio è partito dal 20%, 39 miliardi, ed è disposto a salire al 25%, cioè poco meno di 49 miliardi, con alcune salvaguardie. Anche se finora non è stato trovato l’accordo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Green pass, Federfarma Roma: 'Boom richieste, non siamo stamperie'

Leggi su Sky TG24 l'articolo Green Pass, boom di richieste nelle farmacie. Federfarma Roma: 'Ormai siamo stamperie'

E ci credo stanno nei paradisi fiscali 🤷‍♂️☮️❤️ Lo sapevamo anche senza la loro opinione. La truffa continua.

Caos 730, detrazioni solo per i pagamenti elettronici. Dichiarazione dei redditi verso il rinvioIl termine per presentare la dichiarazione dei redditi potrebbe slittare dal 30 settembre Le spese sanitarie godono, per essere indicate nel 730 come oneri deducibili, di una deroga al requisito della tracciabilità, a dire il vero. Poi se si compra casa le agenzie per spese e altro si prendono tanto. Ma l'acquirente può chiedere il 19% su 1000euro pur se spende per ciò da 5000 in poi.....!! Perché caos?! Nn mi sembra poi così difficile da fare o capire

Il Santissimo Draghi “si immola” e “offre il suo corpo per noi” - Il Fatto QuotidianoNoi non ce ne eravamo accorti, ma quando Mario Draghi, due sere fa, ha sdoganato in conferenza stampa la vaccinazione eterologa stava in realtà palesando una sua dimensione mistica. Ci era sfuggito, avendo scambiato le sue parole per l’ennesimo cambio di rotta sulle somministrazioni, ma in nostro soccorso sono arrivati ieri i più noti quotidiani … invece ve ne eravate accorti che lo scolaretto LEUcano,dopo aver obbligato gli italiani a fare astrazeneca,perchè lui aveva puntato all-in su quel vaccino pavoneggiandosene,si è vaccinato l'altro giorno con Pfizer? questa è la soluzione,dopo che il Cts ha commesso l'errore di dare l'ok agli openday somministrando ai giovani AZ-La Germania è ricorsa alla vaccinazione eterologa già da aprile,decidendo di dare un'alternativa vaccinale anche a chi under60 aveva superato senza problemi la 1^dose Il fatto non ama Mario

Bicarbonato di sodio: come utilizzarlo se si hanno brufoli e pelle grassaSe aggiungi il succo di un limone a questo ingrediente, hai la formula perfetta per la pelle grassa e per detergela a fondo, senza seccarla o danneggiarla

Sanchez: «Indulto per i leader della Catalogna che hanno tentato la secessione»Il provvedimento porterà alla scarcerazione dei nove esponenti politici catalani condannati per sedizione dopo il referendum illegale e la dichiarazione unilaterale di indipendenza del 2017 Cercano di passare per buoni con un indulto ma la verità è che continuerebbero a tenere incarcerati i loro avversari politici se non fosse che ormai non sanno come giustificare questa persecuzione di fronte a un'EU che è sempre più stanca di far finta di non vedere i loro abusi.

George e Charlotte di Cambridge, le nuove foto (al debutto come assistenti di papà William) - VanityFair.itNel giorno della Festa del papà i principini, assieme al padre, hanno fatto il conto alla rovescia per dare il via a una maratona di beneficenza a Sandringham, nel Norfolk. Nessuna traccia di Kate Middleton e del piccolo Louis, che probabilmente sono rimasti a casa

Primarie Bologna in diretta, Conti contro Lepore: tutto il voto minuto per minutoSi sceglie il candidato sindaco del centrosinistra: l'assessore Pd contro la sindaca di San Lazzaro iscritta a Italia Viva