Piano estate, 1.941 scuole senza fondi. La preside di Tor Bella Monaca: 'Noi in periferia e con alunni in difficoltà, ma costretti a chiudere' - Il Fatto Quotidiano

SCUOLA Senza fondi 1.941 istituti: “Noi in periferia e con alunni in difficoltà, ma saremo costretti a lasciarli a casa”

20/06/2021 11.05.00

SCUOLA Senza fondi 1.941 istituti: “Noi in periferia e con alunni in difficoltà, ma saremo costretti a lasciarli a casa”

Il Piano estate è un buco nell’acqua per molte scuole: su 5.888 istituti che hanno fatto richiesta per avere i finanziamenti del bando Pon (320 milioni di risorse europee), 1.941 scuole non hanno ricevuto nulla da questo capitolo ma si devono accontentare dei circa 18-20 mila euro distribuiti attraverso un decreto ministeriale a tutte le …

La questione diventa ancora più grave se a non poter accogliere i ragazzi sono soprattutto quelle realtà di periferia o con bisogni speciali che avevano sperato nel “Piano estate”. I criteri del Pon hanno lasciato a bocca asciutta parecchie scuole che pur non essendo collocate al Sud hanno gli stessi problemi. I 320 milioni, infatti, sono andati quasi tutti in Meridione: tutte le domande arrivate da

Salvini si è vaccinato a Milano, green pass defilato nella foto sui social Conte leader convince solo i 5 Stelle: gli italiani scettici sull’ex premier Tokyo 2020, la coreografia dei droni alla cerimonia di apertura

SiciliaCampania, Calabria, Sardegna, Puglia, Abruzzo, Basilicataesono state accolte. Al Nord solo le richieste diFriuli Venezia Giulia (71),Province autonome di Trento (23)eBolzano (14)hanno trovato l’’ok. Nella regione Lazio su 486 richieste solo 175 istituti riceveranno i fondi Pon. In Toscana su 363 domande 148 avranno i finanziamenti. In Umbria 122 presidi si sono mesi al lavoro per il bando ma 72 sono riusciti a raggiungere l’obiettivo. Più a Nord, la

Lombardia ha 540 scuole che sono rimaste al palo, il Veneto 142 e la Liguria 56.Il caso più emblematico ma non è chiaramente l’unico è quello dell’istituto “Francesca Morvillo” aTor Bella Monaca, una scuola in trincea dove la dirigenteValeria Sentili headtopics.com

si fa in quattro per dare un punto di riferimento a dei ragazzi che definisce “meravigliosi” ma che sa provenire da famiglie con difficoltà: “Avevo messo la mano sul fuoco che sarei riuscita ad ottenere i finanziamenti del Pon perché ho, purtroppo, tutte le carte in regola per avere gli indicatori che corrispondono a quelli del Pon sia per quanto riguarda lo status socio economico sia i risultati delle prove Invalsi”.

Valeria Sentiliaveva sognato di tenere aperta le aule non solo a giugno ma anche a luglio e agosto proprio come desiderava il ministro, ma non potrà più mettere in pratica la sua idea: “Quando ho visto la graduatoria sono rimasta scioccata. Non solo sono rimasta esclusa, ma son finita in fondo alla classifica. Non prenderò neanche un centesimo nemmeno dei 40 milioni dei finanziamenti per il contrasto delle povertà educative. Devo accontentarmi dei 29 mila euro assegnati dal Mi sulla base del numero di alunni (1300)”. Cosa è successo? La preside del “Morvillo” lo ha chiesto al ministero inviando una lettera: “Mi hanno chiamato manifestando il loro dispiacere, ma mi hanno spiegato la ratio dell’assegnazione: i soldi non sono stati dati prendendo in esame i valori assoluti delle prove Invalsi, ad esempio ma hanno verificato i gup tra il penultimo e l’ultimo anno di riferimento. Avendo avuto un miglioramento

non ho avuto diritto ad un punteggio alto. I criteri del Pon sono assurdi. A questo punto avrei dovuto falsificare al ribasso i dati”.A pagare le conseguenze della burocrazia sono gli alunni della Gentili. Con 29 mila euro la preside ha attivato il “Piano estate” per i 300 ragazzi che hanno aderito ma durerà solo fino a giugno. Faranno laboratori di arte, musica, sport, attività para-olimpiche, teatro e lingua straniera ma per tre settimane. Il rammarico della dirigente è anche per l’assegnazione dei 40 milioni: “Anche in quel caso non prenderò nulla eppure c’è qualcuno che avrà diritto ai fondi Pon e pure a quelli del contrasto per la povertà.

Che senso ha lasciare una scuola senza soldi e darne troppi ad altri?”.C’è anche chi ha persino rinunciato ai fondi Pon ma che non è comunque rientrato nella graduatoria dei 40 milioni e si accontenterà di fare qualche attività ma solo a settembre. E’ il caso di headtopics.com

Green pass, la giravolta di Giorgia Meloni in soli 4 mesi Olimpiadi, le gare in programma il 24 giugno: l'elenco completo con tutti gli orari Tokyo 2020, la grande festa azzurra alla cerimonia di apertura: il video di Aldo Montano

Chiara Simoncini, la preside dell’istituto “Artemisia” di Roma che conta 1.500 alunni. “Aderire ai Pon è troppo complicato.La rendicontazione è macchinosa.Dopo un anno come quello appena trascorso non potevamo imbarcarci in questa nuova impresa. Avevo fatto un progetto per il bando per il contrasto delle povertà educative: volevamo realizzare delle aule destrutturate e mobili ma dovremo rinunciare al nostro sogno”. All’ “Artemisia” metteranno in campo delle attività di robotica e coding a settembre ma ancora non si sa quanti bambini aderiranno.

Tanta l’amarezza e la delusione anche diIsabella Pintoa capo di un istituto davvero speciale, ilh, una scuola per sordi e udenti che ha tre sedi: a Roma, a Padova e a Torino. Nella capitale la preside gestisce infanzia, primaria e secondarie. In Piemonte un professionale con 180 ragazzi e in Veneto un convitto. In tutto aveva 150 alunni, tra quelli di Torino e quelli di Roma, che avrebbero voluto andare a scuola quest’estate. “Siamo rimasti con il cerino in mano. Credevo che una scuola come la mia – spiega Pinto – a avesse sicuramente diritto ai fondi Pon o a quelli del contrasto alla povertà ma nulla.

Mi hanno dato solo sette mila euro in base al numero degli alunni.Cosa vuole che faccia con una cifra così?”. Pinto e i suoi docenti avevano già programmato dei corsi di vela e altre iniziative ludiche e non solo ma si sono rassegnati a fare qualche ora di potenziamento a settembre.

“Sa dove sono andati i soldi? Ai licei più “in” di Roma.E dire – racconta la preside con l’amaro in bocca – che il “Piano estate” era stato concepito proprio per colmare il divario culturale accresciuto con l’emergenza Covid”.Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale headtopics.com

Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Giovanni De Gennaro: 'A Tokyo sogno una medaglia'

Leggi su Sky Sport l'articolo Giovanni De Gennaro “La medaglia è un sogno: da Rio a oggi ho imparato molto. Sono pronto'

....scuole senza fondi?! Voragine di denaro pubblico per 'accoglienza' e foraggiamento di centinaia di migliaia di clandestini privi di documenti, sconosciuti! Questi sono i risultati ad avere avuto un ministro come la Azzolina Migliaia di fancazzisti che ciondolano, a volte spacciano a volte lavorano hanno diritto a contributi non hanno questi problemi. Ho saputo che comprano e affittano pure case ItaGLIani COGLONI

D'altronde non c'è più Azzolina.

​Vaccini: nel Lazio piano di anticipo per richiamo Az. In farmacia ModernaSuperati nella Regione 4,5 milioni di dosi somministrate

La Sardegna si candida a ospitare in miniera la ricerca sulle onde gravitazionaliLa Regione ha deciso di inserire il progetto nel piano degli investimenti presentati nell’ambito del Recovery Fund con un programma di spesa di 300 milioni di euro. beh, ameno dei buchi ormai inutili, troverebbero nuova vita

“La festa con Vasco e la paura con Pino” - Il Fatto Quotidiano“Vasco stappò lo champagne in studio”. Per festeggiare cosa? “Il pezzo scritto per me, La tua ragazza sempre. Era ancora solo voce e chitarra, con la melodia di Gaetano Curreri. E Vasco: ‘successo assicurato! Tu sei così, tutti ti vedranno come ti vedo io’. L’aveva colpito il mio spirito indipendente, insofferente a dogmi e regole. …

In Edicola sul Fatto Quotidiano del 19 Giugno: L’autogol di Draghi 'faccio l’eterologa” - Il Fatto QuotidianoL’autogol di Draghi 'faccio l’eterologa”. Ma ha 73 anni. Ancora più caos. ”Ho anticorpi bassi”: ora tutti dal medico? Vaccini. Smentisce il Ministero sui richiami “AZ” agli under 60 col consenso medico. Ma quanti dottori si assumono i rischi? Fai quello che vuoi ..chissene.. Io so’ io e voi… A 74 anni avrebbe dovuto fare Astrazeneca, ma ci racconta che ha pochi anticorpi, in realtà a un comune cittadino il seriologico non lo fanno e men che meno gli fanno il vaccino à la carte Il drago è super controllato, mica è il 'gregge' mandato al macello per fare i numeri

Euro2020, vigilia di Italia-Galles, Mancini: 'Cambierò giocatori, l'avrei fatto comunque'L'Italia è già qualificata agli ottavi di finale dell'Europeo, ma il suo ct, Roberto Mancini, non vuol sentir parlare di una sconfitta 'tattica' contro il Galles, per evitare il lato del tabellone con gli avversari più difficili: 'Cambierò giocatori - ha spiegato il tecnico - ma l'avrei fatto anche con la qualificazione in ballo perché è la terza partita in 10 giorni, ci saranno 32 gradi e abbiamo bisogno di forze fresche'. Mancini ha anche annunciato il ritorno tra i titolari di Marco Verratti, reduce da un lungo infortunio: 'Ha bisogno di giocare'.

Achille Lauro sotto contratto per due anni con AmazonIl cantante sottoscrive un overall deal con la piattaforma di streaming Amazon Prime. La collaborazione partirà con il reality «Celebrity Hunted»