Perseguitati dal burocratese: il saggio di Michele Cortelazzo

Perseguitati dal burocratese: il saggio di Michele Cortelazzo

24/07/2021 23.18.00

Perseguitati dal burocratese: il saggio di Michele Cortelazzo

«Non possiamo per la bravura incomprensibile di tecnici lunari pagare lo scotto di una rottura del rapporto di fiducia tra i cittadini e lo Stato!...

diGIAN ANTONIO STELLAL’oscurità del linguaggio amministrativo è un problema antico. Il volume edito da Carocci mette sotto accusa un gergo che è anche uno strumento di potereLorenzo Marini (1958), «Mirrortype» (2021), installazione site-specific in acciaio specchiato realizzata in occasione della monografica in corso a Siena

Alessandro Barbero: “Il Green Pass dà potere alle imprese, così la sinistra si piega ai padroni” Covid, la maestra no vax di Treviso ora è ricoverata in terapia intensiva Crisanti a La7: 'Con variante Delta tutti i non vaccinati si infetteranno in 2 anni. Per Meloni tampone è più efficace del vaccino? Baggianata' - Il Fatto Quotidiano

«Non possiamo per la bravura incomprensibile di tecnici lunari pagare lo scotto di una rottura del rapporto di fiducia tra i cittadini e lo Stato! Non è possibile!». Sono passati 28 anni da quel 17 giugno ’93 in cui la lettura d’un demenziale modello 740 mandò su tutte le furie l’allora presidente Oscar Luigi Scalfaro: «Il cittadino ha il diritto di avere un foglio in mano, quattro pagine e quattro facciate con scritte poche cose comprensibili da tutti! E il governo non può certo dire “è l’ultima volta”!»

Michele Cortelazzo è nato nel 1952 a Padova, dove si è laureato in Lettere con Gianfranco Folena nel 1974. Attualmente è professore ordinario di Linguistica italiana nel Dipartimento di Studi linguistici e letterari ed è direttore della Scuola galileiana di studi superiori dell’Università di Padova headtopics.com

Ventotto anni. Per un totale di diciassette governi.Eppure, accusa Michele Cortelazzo, già preside della Facoltà di Lettere e filosofia a Padova, tra i massimi studiosi del linguaggio burocratico, «è facile verificare che sul piano del linguaggio non solo non si sono fatti passi in avanti, ma si è intrapresa una vera e propria marcia indietro». Ma come: se dopo quello sfogo dell’allora capo dello Stato la parola semplificazione (con tutte le varianti: semplificare, semplificato...) in abbinata con la parola burocrazia (e varianti) è comparsa sull’Ansa in 2.786 articoli! Un diluvio di rassicurazioni, promesse, impegni... Vero, risponde il linguista, autore del saggio

Il linguaggio amministrativo. Principi e pratiche di modernizzazione(208 pagine, Carocci editore), ma il risultato finale è scadente. Per non dire di peggio. Compresi gli ultimi mesi.Il saggio di Michele Cortelazzo sugli eccessi del burocratese s’intitola «Il linguaggio amministrativo. Principi e pratiche di modernizzazione» ed è pubblicato dalla casa editrice Carocci (pp. 208, euro 19)

Oddio, ricorda l’autore, non che il problema sia nuovo:già «Ugo Foscolo, nelleUltime lettere di Jacopo Ortis(1799), scrive che “i pubblici atti e le leggi sono scritte in una cotal lingua bastarda che le ignude frasi suggellano la ignoranza e la servitù di chi le detta” e pochi anni dopo, nel 1803, Vincenzo Monti, nella

Prolusione agli studjdell’Università di Pavia per l’anno 1804, critica “il barbaro dialetto miseramente introdotto nelle pubbliche amministrazioni, ove penne sciaguratissime propagano e consacrano tutto il dì l’ignominia del nostro idioma”». headtopics.com

Green pass, Salvini a Radio24: «Mi fido di Draghi, andiamo avanti» “Rischia di discriminare. E il tampone non può costare uguale per tutti” - Il Fatto Quotidiano Milan, Ibrahimovic verso il forfait contro la Juventus. Ma Maignan ha già allontanato il fantasma di Gigio

Per non dire di come ancor prima, nel 1540, Benedetto Varchideplorasse nellaStoria fiorentinal’uso di un «gergo a uso di lingua furfantina». Studiata apposta per essere capita, manipolata e imposta, a danno dei cittadini, da chi possedeva il potere. Tema ripreso sul «Corriere» nel 1992, a riprova di quanto nei secoli il linguaggio fosse cambiato ma restando «furfantino», da Claudio Magris: «La correttezza della lingua è la premessa della chiarezza morale e dell’onestà. Molte mascalzonate e violente prevaricazioni nascono quando si pasticcia la grammatica e la sintassi e si mette il soggetto all’accusativo o il complemento oggetto al nominativo, ingarbugliando le carte e scambiando i ruoli tra vittime e colpevoli, alterando l’ordine delle cose e attribuendo eventi a cause o a promotori diversi da quelli effettivi, abolendo distinzioni e gerarchie in una truffaldina ammucchiata di concetti e sentimenti, deformando la verità». Il linguaggio, riassume il linguista padovano, resta quindi «una delle forme di potere esercitate dal ceto amministrativo, cioè dai burocrati, soprattutto di rango più elevato, nei confronti del cittadino». Un potere perfino autolesionista quando accetta di pagare poi il prezzo della sua incapacità comunicativa venendo assediato da «chi è costretto a rivolgersi anche più volte agli uffici pubblici per avere delucidazioni».

«Scrivere con le parole che userebbe il cittadino, anche colto»,spiega lo studioso citando Italo Calvino e Antonio Gramsci, «a molti burocrati sembra un abbassarsi a un livello non consono alla dignità e al decoro che spettano all’istituzione per la quale si scrive e un accontentarsi di uno strumento espressivo che limita l’autorevolezza dei propri scritti». C’è poi da stupirsi se negli Stati Uniti il movimento per il

plain language(«cioè una lingua chiara, semplice, concisa») sorse una cinquantina d’anni fa «come movimento di consumatori» e se «nel Regno Unito è attivo dal 1979 un gruppo, la Plain Language Campaign, che fino a oggi ha riscritto in forma più chiara, verificato e accreditato con un apposito marchio, il Crystal Mark, 23.000 testi»? Non meriterebbe forse, questa nostra burocrazia, una

class action, una richiesta danni collettiva contro l’abuso di surreali «art. 2790-vicies sexies»?I deliri danno il capogiro. I richiami ossessivi: anzidetto,di cui sopra, preaccennato, predetto, suddetto, sudescritto, soprallegato, suelencato, suesposto, suesteso... Le sigle: oiv (organismo indipendente di valutazione), par (piano attuativo regionale), pat (piano di assetto del territorio), pof (piano dell’offerta formativa), pua (piano urbanistico attuativo), puc (progetti utili alla collettività), pza (piano di zonizzazione acustica), rup (responsabile unico del procedimento), suap (sportello unico per le attività produttive)»… Le abbreviazioni: «La presente verifica di assoggettabilità a vas, redatta ai sensi della procedura prevista dall’art. 4 della L.R. 16/2008 e dell’art. 12 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., riguarda la variante 48 al prgc…». headtopics.com

Certo, riconosce il linguista, c’è chi ha provato a cambiare quel linguaggio.Tra gli altri Sabino Cassese, che prima come studioso e poi come ministro tentò di introdurre una vera semplificazione del burocratese. Al punto di varare nel 1993 un

Codice di stilee chiedere a programmatori scelti un software che spingesse i dipendenti pubblici a scrivere la parola «timbrare» e non «obliterare», «biglietto ferroviario» non «titolo di viaggio» e così via. I risultati di ogni sforzo, ministro dopo ministro, sono sotto gli occhi.

Voghera, il sindaco Paola Garlaschelli nella bufera per una chat con Massimo Adriatici: «Bisogna sparare» Zx-81, Spectrum, la rivalità col Commodore 64: addio a Clive Sinclair, pioniere dell'home computing Arrestata la sorella di Ornella Muti, in casa aveva tre flaconi di droga dello stupro

È subentrata anzi, via via, nonostante preziosi segnali di collaborazionecon la Crusca, una sorta di rassegnazione alla impossibilità di scardinare sul serio il monolite burocratico. Esiste, per Michele Cortelazzo, «un segnale formale che indica con precisione questo arretramento». Il varo, nell’aprile 2013, ministro Filippo Patroni Griffi, di una nuova versione del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici dove fu cancellata la norma, presente in quella appena precedente, che intimava loro di «adottare un linguaggio chiaro e comprensibile nei testi scritti e in tutte le altre comunicazioni». Una resa umiliante. «Del resto, come ha notato il presidente onorario dell’Accademia della Crusca Francesco Sabatini», prosegue l’accusa del linguista, «la legge delega al governo del 7 agosto 2015 prevede che nei concorsi dell’amministrazione pubblica si accerti la “conoscenza della lingua inglese e di altre lingue” (cosa sacrosanta), ma non la padronanza della lingua italiana, orale e scritta, nella misura adeguata al livello di responsabilità a cui si aspira». Auguri.

Ma è possibile che, tra tanti problemi, contraddizioni, lacci e lacciuoliil gigantesco convoglio del Pnrr possa marciare sui binari giusti? «Mah...», sospira Cortelazzo: «Il Pnrr dichiara che “il governo intende attuare quattro importanti riforme di contesto, pubblica amministrazione, giustizia, semplificazione della legislazione e promozione della concorrenza”. Almeno le tre prime, per la loro attuazione efficace, richiederebbero un deciso intervento di semplificazione del linguaggio. Ma tutte e tre si scontrano, al contrario, con l’incapacità degli operatori stessi a semplificare: quello è il loro linguaggio». Il loro labirinto. Il loro fortilizio.

24 luglio 2021 (modifica il 24 luglio 2021 | 21:36) Leggi di più: Corriere della Sera »

Dante, i suoi luoghi nelle foto Alinari e di Massimo Sestini - ViaggiArt

Green pass, ora potrebbe essere necessario anche per i deputati: Fico avvia istruttoria per l'utilizzo alla CameraGreen pass, ora potrebbe essere necessario anche per i deputat: Fico avvia istruttoria per l'utilizzo alla Camera Fico 🤔🤔🤔🤔 TOCCA ANCHE A TE AMOREEE....SE VUOI PUOI DIMETTERTI

Macron cambia numero, dal Blackberry di Obama allo Huawei di Boris: leader e cyber sicurezzaLo scandalo di spionaggi ad opera della società israeliana risolleva il problema della sicurezza per i leader politici. Molti vorrebbero usarli come i comuni cittadini gettando nello sconforto i responsabili della loro sicurezza informatica Ha cambiato numero perché i francesi lo hanno scritto nei bagni degli autogrill...

Il medico-candidato di Milano Bernardo in ospedale con la pistola, la denuncia di Usuelli: 'Deve spiegare perché'Il consigliere lombardo di +Europa: 'Il primario di pediatria del Fatebenefratelli e candidato sindaco di Milano del centrodestra gira armato in reparto: … 'deve'? Semmai è la sinistra che dovrebbe spiegare perché a Milano non ci si senta più sicuri... C'è da esserne orgoglioni... Così, a caso! Senza alcuna prova. La parola di uno vale come prova.

Liliana Segre fa gli auguri di compleanno a Sergio Mattarella: 'Gli italiani sanno quanto sia importante avere un presidente così' - Il Fatto QuotidianoLiliana Segre fa gli auguri di compleanno a Sergio Mattarella: “Gli italiani sanno quanto sia importante avere un presidente così” Che farsa. Ogni tanto la tirano fuori dal sarcofago... Ma è una barzelletta😂

Auguri “bipartisan” per gli 80 anni di Sergio MattarellaLa giornata di relax in famiglia, l’inizio del semestre bianco il 3 agosto, i messaggi dei leader di tutto il mondo

L'addio di Marchetti alla sua Yoox: 'Come Virgilio, ho traghettato la moda sul web, non farò più il dipendente'Il fondatore del colosso che vende moda online, all'ultimo giorno di lavoro ai vertici di Richemont, programma nuove iniziative e aiuta il Principe Carlo a…