Perché serve riscoprire le radici della body positivity - VanityFair.it

Non tutti i corpi sono uguali e hanno pari opportunità, soprattutto quando parliamo di rappresentazione. Ecco cosa ne pensano gli attivisti Riccardo Onorato e Marina Cuollo

01/03/2021 14.01.00

Non tutti i corpi sono uguali e hanno pari opportunità, soprattutto quando parliamo di rappresentazione. Ecco cosa ne pensano gli attivisti Riccardo Onorato e Marina Cuollo

Non tutti i corpi sono uguali e hanno pari opportunità, soprattutto quando parliamo di rappresentazione. Ecco cosa ne pensano gli attivisti Riccardo Onorato e Marina Cuollo

Black Lives Mattere, vista la stagione, sul ripensare il proprio corpo e gli standard di bellezza occidentale. Sebbene siano argomenti diversi, questi due temi hanno un problema di fondo per come sono affrontati sui social: il rischio, a volte divenuto realtà, di diluire tematiche con radici e storie molto profonde, che necessitano di attivismo, critica e sostegno politico per risolversi.

Astrazeneca, Bersani a La7: 'Speranza ha accumulato errori? No, è il capitano della nave che ci ha portato fuori dalla tempesta' - Il Fatto Quotidiano Il Fatto di Domani del 15 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Un video della tv australiana imbarazza Oms: 'Pipistrelli vivi nei laboratori di Wuhan'

Normalize Human Bodies, che già nasconde alcuni problemi poiché non tutti i corpi sono uguali e hanno pari opportunità, è diventato l’hashtag con cui molte influencer e modelle hanno voluto raccontare le differenze tra i loro corpi sui magazine e quelli che possiedono davvero. C’è un ma: la differenza tra queste era quasi inesistente, se non per qualche posa meno sexy del solito o delle leggere smagliature.

Labody positivity, però, nacque per sostenere, mostrare e spingere al cambiamento del doppio standard con cui vengono trattati i corpi che non sono vicini, o uguali, alla bellezza magra, sportiva, perfetta in qualunque abito. Non si tratta di sentirsi insicure, di avere una parte di noi che odiamo o sentirsi brutte, cosa, questa, davvero normale, ma di subire headtopics.com

discriminazioni nel quotidianoe che sono basate su come si è fisicamente, in toto. Dall’insulto e l’aggressione alla limitazione di offerte di lavoro, dalla difficoltà e dal disagio in un contesto pubblico all’impossibilità di trovare uno spazio sicuro e subire umiliazioni. Questi sono solo alcuni dei problemi contro cui i corpi non conformi allo standard di bellezza si scontrano.

La parola va a chi sa lo sa bene,, content creator e attivista, eMarina Cuollo, scrittrice, speaker radiofonica e podcaster. Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.