Paul Verhoeven contro Sharon Stone: «In Basic Instinct nessun inganno» - VanityFair.it

«In Basic Instinct nessun inganno»

12/07/2021 18.31.00

«In Basic Instinct nessun inganno»

Il regista, che l'attrice ha accusato di aver girato la scena delle gambe con l'imbroglio, è tornato a parlare della genesi del film. «Quella parte è tratta da un episodio di vita vissuta, che ho condiviso con Sharon. Anche lei pensò che sarebbe stata un'ottima idea»

, l’attrice ha spiegato come il regista Paul Verhoeven le abbia fatto togliere le mutande, utilizzando la banale scusa di un riflesso di luci. Settimane dopo, ad una proiezione «Piena di agenti e avvocati, molti dei quali non avevano nulla a che vedere con il progetto», la Stone ha detto di aver scoperto cosa, effettivamente, si potesse vedere nell’iconica scena delle gambe accavallate.

Venezia-Fiorentina LIVE In Edicola sul Fatto Quotidiano del 19 Ottobre: I fascisti li scortano, i No Pass li caricano - Il Fatto Quotidiano Conceicao: 'Milan forte, poteva avere 6 punti'

L’attrice ha scritto di essere andata su tutte le furie. Di aver pensato ad una denuncia e schiaffeggiato Verhoeven. Che, da Cannes, ha respinto ogni sua accusa. «Vorrei mettere questa storia nella categoria “Io ricordo una cosa, tu ne ricordi un’altra”.

Quello che ricordo io è che la scena era basata su una donna che avevo incontrato quando ero studente a Leiden, all’università», ha cominciato il regista. «Lei faceva questo: veniva da noi e apriva le gambe. Io e un mio amico la vedemmo fare questa cosa, e allora andai da lei e le dissi, più o meno, “La tua vagina si vede”. E lei mi disse: “Ma certo, per questo lo faccio!”. headtopics.com

Raccontai questa storia a Sharon durante una cena insieme nel corso delle riprese e pensò che sarebbe stata un’ottima idea includere una scena così.Questo è ciò che ricordo io», ha continuato Verhoeven, secondo cui l’idea di fondo, di una donna decisa a mostrare le proprie grazie, ben si sarebbe adattata con la sceneggiatura originale.

A post shared by Sharon Stone (@sharonstone)«C’è un passaggio in cui Michael Douglas e Sharon sono nella macchina, dopo l’interrogatorio. Piove, e Sharon dice a Michael: “Sai che non mi piace indossare le mutandine, vero, Nick?”. Quella battuta era già nella sceneggiatura, e nella scena prima dell’interrogatorio la vediamo vestirsi. Michael la guarda, lei indossa l’abito ma non indossa le mutande. Quello era già nella sceneggiatura, ma ovviamente la scena in cui accavalla le gambe non era presente. La ideammo parlando con Sharon, quando le raccontai la storia. So che la sua versione è un po’ diversa, ma questa è la mia», ha concluso Verhoeven.

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Green pass, a Roma 12 arresti: anche vertici di Forza Nuova

Leggi su Sky TG24 l'articolo Green pass, a Roma 12 arresti: anche vertici di Forza Nuova

Scarlett Johansson e il suo addio a Black Widow: «Vedrete Natasha come mai prima» - VanityFair.itL'attrice di nuovo nei panni di Natasha Romanoff ex spia russa che ha trovato negli Avengers la sua vera famiglia. La nostra video intervista

Karla Tenório: «Sono una mamma pentita e non me ne vergogno più» - VanityFair.itKarla Tenório è una scrittrice e attrice brasiliana, fondatrice di Mãe Arrependida, un movimento di madri che amano i propri figli ma non li rifarebbero. Una bomba mediatica che ha suscitato polemiche ma anche molti spunti di riflessione. L’abbiamo intervistata.

Il vino perfetto chiedilo ad Alexa - VanityFair.itL’assistente digitale di Amazon si trasforma in un sommelier e suggerisce i migliori vini per ogni occasione

Le cuffie senza fili che si ricaricano con il sole - VanityFair.itEcco le prime cuffie over-ear senza fili in grado di ricaricarsi con l'energia solare (sia all'aperto che al chiuso)

Le Storia Siamo Noi: donne nel mondo diviso dalla pandemia - VanityFair.itPer la rubrica settimanale Le Storie Siamo Noi, il racconto di Monica, Mimma e Drusilla, costrette a lasciare i Paesi in cui vivevano con le loro famiglie a causa della pandemia

In Canada, il progetto su nuovi sex toys inclusivi, pensati per persone con disabilità - VanityFair.itVivere una sessualità soddisfacente è un diritto di tutti anche se spesso quando si pensa ai disabili, si tende a dimenticarsene. Per venire incontro alle loro esigenze e cambiare l’approccio al tema, una società canadese sta realizzando oggetti per il piacere sessuale, pensati per chi ha una mobilità ridotta