Giovanna Vitale, Draghi, Governo, Salario Minimo

Giovanna Vitale, Draghi

Patto per la ripresa, Draghi accelera. Ma il salario minimo resta fuori

Domani il premier vede i sindacati. Landini: “Pronti a mobilitarci”. Riforme, un mese chiave

26/09/2021 05.25.00

Patto per la ripresa, Draghi accelera. Ma il salario minimo resta fuori [di Giovanna Vitale ]

Domani il premier vede i sindacati. Landini: “Pronti a mobilitarci”. Riforme, un mese chiave

2 minuti di letturaROMA- È un mese davvero complicato quello che si apre domani con l’incontro a Palazzo Chigi tra Mario Draghi e i leader sindacali. Un percorso a ostacoli fatto di scadenze ineludibili, dal varo della Nadef alla legge di bilancio; di riforme che ritardano, fisco e concorrenza su tutte; di cabine di regia da riunire sull’attuazione del Pnrr. L’inizio di un autunno che si preannuncia caldissimo. Anche sul fronte sociale: «Se il governo non ci darà risposte su fisco e pensioni siamo pronti alla mobilitazione», ha minacciato ieri il capo della Cgil Maurizio Landini.

Morta dopo AstraZeneca, perizia: 'Camilla era sana, effetto avverso al vaccino' Måneskin inarrestabili: tre nomination agli MTV EMAs 2021 Trieste è la città con la più alta incidenza di contagi nell'ultima settimana. La Regione: 'Ci sono meno vaccinati della media' - Il Fatto Quotidiano

Convocato formalmente per discutere di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, il vertice con i segretari confederali potrebbe dunque offrire al presidente del Consiglio l’occasione per incardinare il famoso Patto per la ripresa lanciato giovedì all’assemblea di Confindustria. La sede per verificare, dopo il sì unanime delle imprese, la disponibilità di Cgil, Cisl e Uil a costruire insieme una prospettiva condivisa di sviluppo «a beneficio anche dei più deboli e delle prossime generazioni», aveva specificato Draghi nel suo discorso, con l’obiettivo di rendere strutturale il 6% di crescita previsto per quest’anno.

Non si parlerà tuttavia di salario minimo legale — strumento che fra l’altro piace poco sia agli industriali sia ai sindacati, e al momento non compare nell’agenda di governo — sebbene sia fra i temi più discussi dalle forze politiche. Con Pd, 5S e Leu pronte a prospettarlo al premier come uno dei pilastri del costituendo Patto per la ripresa. headtopics.com

Potrebbe però essere solo una questione di tempo, legata all’esito del dibattito europeo sulla direttiva comunitaria che si propone di stabilire regole uniformi per tutti i Paesi Ue. Il ministro Andrea Orlando ha già schierato l’Italia sul sì, accanto a Francia e Spagna, contro il fronte del Nord deciso invece a stopparla.

La traduzione nella legislazione nazionale avverrebbe poi con paletti stringenti, «integrando la contrattazione con lo strumento della rappresentanza», precisa il titolare del Lavoro. Possibilista sull’ipotesi che i sindacati avevano concordato col precedente governo: «Far coincidere il minimo salariale con il minimo contrattuale», ricorda il leader Uil Pier Paolo Bombardieri.

Una misura necessaria anche per il presidente dell’Inps: «Giovani e donne sono le categorie più colpite dalla pandemia e il salario minimo può aiutare soprattutto loro», è l’opinione di Pasquale Tridico. Non solo «genera crescita e aumenti di produttività», ma «ovunque è stato introdotto ha permesso miglioramenti».

Nell’attesa ci sono tuttavia scadenze (e problemi) più urgenti da affrontare. A cominciare dai ritardi accumulati su fisco e concorrenza, che bisognava licenziare entro settembre e invece con ogni probabilità slitteranno alla seconda metà di ottobre, subito dopo i ballottaggi. Restando ancora da sciogliere i «nodi spinosi» segnalati una settimana fa dal sottosegretario alla Presidenza Roberto Garofoli. Sono i numeri a raccontare la fatica del governo a scalare la montagna degli impegni assunti con l’Europa per centrare gli obiettivi del Recovery: delle 27 riforme previste entro fine anno ne sono state finora approvate 8; solo 5 gli investimenti realizzati su 24. headtopics.com

No green pass: Trieste si prepara a un altro venerdì nero. Ma il fronte del porto si sfalda Berlusconi: 'Draghi al Colle? Come premier più vantaggi a Paese' Assurdo: Jacobs fuori dai 10 in nomination per Atleta dell'anno!

L’unica certezza è che dopodomani il governo varerà la Nadef, la nota di aggiornamento al Def che, nel delineare il quadro di finanza pubblica, dovrebbe indicare per il 2021 una crescita del Pil attorno al 6% (due punti in più del tendenziale del Def) e per il 2022 superiore al 4. Di conseguenza il rapporto deficit/Pil dovrebbe fermarsi intorno al 10% e il debito/Pil mantenersi stabile nei pressi del 156%. Entro il 15 ottobre va poi inviato a Bruxelles il Documento programmatico di bilancio, quest’anno più semplice da compilare, trattandosi di una sorta di “Bignami” del Pnrr.

Ben più decisivo è invece il termine del 20 ottobre entro il quale va licenziato il disegno di legge di Bilancio, ovvero l’articolato della manovra. Dove potrebbe finire un “assaggio” delle riforme che non si è ancora riusciti a varare. Il documento dovrebbe infatti contenere la revisione degli ammortizzatori, l’uscita graduale da Quota 100, il prolungamento del superbonus, una prima rivisitazione del reddito di cittadinanza ed eventualmente — visto l’allungarsi dei tempi della delega fiscale — un anticipo di taglio del cuneo da far scattare già nel 2022.

Leggi di più: la Repubblica »

Cinema, Daniel Craig riceve la stella sulla Hollywood Walk Of Fame - Spettacolo

E' la 2704/a celebrita' a essere onorata sulla via delle star (ANSA)

Il salario minimo vuole dire lavorare, al governo serve assistiti non lavoratori! Bellissimo il neoliberalismo, complimenti. PNRR ed innovazione: fondamentale la cooprogettazione e la partecipazione della comunità. Sono importanti velocità e trasparenza. Le risorse devono arrivare direttamente agli enti, terzo settore ed imprese.... Evitare assolutamente gli enti intermedi ed i consulenti.

Non c'è nessuna ripresa smettetela, si tratta di un dead cat bounce, in compenso c'è un sacco di inflazione, ma nessuno ne parla Ma quale salario, questi tolgono gli stipendi Per forza, i fascisti sono così. Prima il potere poi gli irrilevanti, noi. Fanculo anche a voi giornalastri

Novara, patto green tra Omar e Bonfantini: “Più rispetto del pianeta e tutela della biodiversità”Bonfantini e Omar siglano un patto sulla sostenibilità ambientale. Nasce così il polo sperimentale della transizione ecologica, un circuito che promuove sul territorio buone pratiche e consapevolezza sul rispetto del pianeta e la tutela della biodiversità. «È arrivato il momento di unire le forze - avverte Vincenzo Zappia, dirigente dell’istituto ...

Asse Pd-5 Stelle sul lavoro: “Il patto con le parti sociali parta dal salario minimo”Letta e Conte da Bologna chiedono un’accelerazione a Draghi . Il segretario dem: “È un tema europeo, l’Italia è troppo indietro” Dopo anni di menefreghismo, adesso tirano fuori il salario minimo MassimGiannini 🤡🤡🤡🤡🤡🤡🤡🤡🤡

Pubblica Amministrazione, dal 15 ottobre ritorno al lavoro in presenza, Draghi firma il DpcmLe Pa assicureranno che il ritorno in presenza avvenga in condizioni di sicurezza, nel rispetto delle misure anti Covid-19 Me lo ricordavo diverso Brunetta Sarebbe giusto anche perché la situazione è oramai discriminatoria tra colleghi. Chi si sempre chi no sempre La NUOVA normalità ve la potete buttare su per il c**o. Rivogliamo la VECCHIA normalità, senza il fascio-pass. NoGreenPass NoGreenPassObbligatorio

Draghi all’Onu: “G20 su Afghanistan per evitare catastrofe sociale”Leggi su Sky TG24 l'articolo Draghi all’Onu: “G20 su Afghanistan per evitare catastrofe sociale” truffatore ai danni del popolo italiano È già una catastrofe.

Meloni: “Non vogliono Draghi al Quirinale perché hanno paura di tornare al voto”La leader di Fratelli d’Italia a “30 minuti al Massimo”: «Letta sosterrebbe chiunque pur di arrivare a fine legislatura. Dico no al Mattarella bis» Si, certo. Avete le idee chiare sui regolamenti, legge elettorale e riforma costituzionale, a quanto vedo. Ma che cazzo di giornale siete? Draghi è indispensabile per risollevare il paese Cara meloni. Non lo vogliono al quirinale perché serve la presidenza del consiglio altrimenti con gente come te saremmo allo scatafascio Ma certo, è palese!

Governo, Draghi e lo spettro del conflitto sociale da evitare a ogni costoIl presdiente del Consiglio: 'Nel momento in cui il quadro complessivo cambia, le relazioni industriali vanno particolarmente sotto pressione e invece bis… Se vuole evitare il conflitto sociale, Draghi lo sta facendo nel modo sbagliato... a meno che la sua soluzione non sia ispirata a Bava Beccaris, ovvio.