Palermo, Cronaca, Ansa

Palermo, Cronaca

Partinico, rifiuti illeciti nella gestione: arresti e sequestri

Partinico, rifiuti illeciti nella gestione: arresti e sequestri

16/07/2021 08.21.00

Partinico, rifiuti illeciti nella gestione: arresti e sequestri

Leggi su Sky TG24 l'articolo Partinico, rifiuti illeciti nella gestione: arresti e sequestri

©AnsaSono tutti accusati a vario titolo di bancarotta fraudolenta, intestazione fittizia di beni e quote societarie, inadempimento di contratti per pubbliche forniture, utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, riciclaggio e autoriciclaggio

Matteo Renzi è il mandante del fallimento del ddl Zan in Senato Fedez, ospedali pieni per un virus respiratorio dei bambini - Salute & Benessere Ddl Zan, Luxuria: 'Vorrei conoscere le facce di chi ha votato a favore della 'tagliola', i nomi dei falsi alleati anche dentro al centrosinistra e al M5s' - Il Fatto Quotidiano

Condividi:Illeciti nella gestione dei rifiuti, in provincia di Palermo, all'ombra della mafia. I carabinieri e i finanzieri hanno eseguito un'ordinanza cautelare ai domiciliari per tre amministratori di diritto e di fatto di imprese che si sono occupate della raccolta dei rifiuti nei comuni di Partinico, San Giuseppe Jato e San Cipirello. Per un altro amministratore di diritto e socio delle società è scattato l'obbligo di dimora mentre per un dipendente del Comune di Partinico è stata disposta la misura di sospensione dall'esercizio pubblico.

Le accuseSono tutti accusati a vario titolo di bancarotta fraudolenta, intestazione fittizia di beni e quote societarie, inadempimento di contratti per pubbliche forniture, utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, riciclaggio e autoriciclaggio. L'operazione, denominata Cogenesi e coordinata dalla procura, ha portato al sequestro di beni per 2,5 milioni di euro. Le imprese del settore dei rifiuti, finite nell'inchiesta, erano state già destinatarie di provvedimenti interdittivi antimafia perché avrebbero avuto collegamenti con esponenti mafiosi del mandamento di San Giuseppe Jato. Tutti e tre le amministrazioni comunali sono state sciolte per infiltrazioni mafiose. headtopics.com

Le indaginiLe indagini sono iniziate a settembre del 2018 dopo un attentato incendiario nel quale furono distrutti mezzi e strutture dell'autoparco del Comune di Partinico. Avrebbero accertato che le fiamme furono appiccate a ridosso di di una procedura di affidamento per il nolo dei mezzi destinati al servizio di raccolta dei rifiuti che l'Ente locale aveva aggiudicato alla Cogesi srl. Da quanto trapela, esisteva una presunta connivenza tra il dipendente comunale e gli amministratori di diritto e di fatto dell'azienda. L'impiegato comunale avrebbe omesso contestazioni per gravi inadempimenti contrattuali (dovuti al nolo di mezzi in misura inferiore a quella dichiarata, nell'impiego di mezzi privi di revisione e/o non iscritti all'Albo dei Gestori Ambientali), le mancate messa in mora e risoluzione del contratto nei confronti della Cogesi Srl e l'omessa comunicazione all'Anac della prematura interruzione del rapporto contrattuale. Controlli poi eseguiti dagli agenti della polizia municipale disposti dal sindaco Maurizio De Luca che poi si dimise. Inoltre, i finanzieri hanno constatato che gli indagati hanno distratto l'intero patrimonio aziendale della Cogesi Srl, portandola al fallimento, "reinvestendo" i capitali per il soddisfacimento di interessi personali come l'acquisto di immobili e beni di lusso (tra cui imbarcazioni, orologi e supercars) e costituendo la nuova Eco Industry srl con sede in San Giuseppe Jato.

Data ultima modifica16 luglio 2021 ore 07:29 Leggi di più: Sky tg24 »

A Favignana canti della mattanza nella ex Tonnara Florio - Sicilia

Mense scolastiche, quattro arresti tra Friuli e Veneto per frode nelle pubbliche forniture. Indagata l'assessora leghista di Udine - Il Fatto QuotidianoBufera sul Comune di Udine, dove un’assessora leghista, una funzionaria e un consulente sono indagati in un’ampia inchiesta che ha portato a quattro arresti domiciliari a causa della gestione delle mense scolastiche. L’assessora è Asia Battaglia, 39 anni, già titolare di un referato provinciale dal 2013 al 2018, che nella giunta Fontanini ha le deleghe … Indagata!!! Quindi per tutti i ritardati mentali qui sotto e colpevole? Poi una Leghista, se era del 5 stalle sicuramente si sarebbe trattato di un errore..un incomprensione. BARABBA e i 49 ladroni. Che banda di mariuoli

Brugherio, vasto incendio nell'azienda MagniPlast nella notteLeggi su Sky TG24 l'articolo Brugherio, vasto incendio nell'azienda MagniPlast nella notte

Risse e aggressioni, due feriti gravi nella notte a MilanoLeggi su Sky TG24 l'articolo Risse e aggressioni, due feriti gravi nella notte a Milano Grazie PD!

Compatibile con il mercato interno l'aiuto concesso dall'Austria all'Austrian Airlines per i danni dovuti al Covid-19Lo ha stabilito il Tribunale dell'Unione europea nella causa T-677/20, Ryanair e Laudamotion/Commissione

Mensa dei poveri, oltre 60 persone a giudizio per il 'sistema Caianiello' in Lombardia: c'è anche l'ex eurodeputata di Fi Lara Comi - Il Fatto QuotidianoL’ex europarlamentare di Forza Italia Lara Comi e altre 62 persone sono state rinviate a giudizio nel procedimento scaturito dall’inchiesta Mensa dei poveri su un presunto “sistema” di mazzette, appalti, nomine pilotate e finanziamenti illeciti in Lombardia che aveva portato a 28 arresti nel maggio del 2019. Tra loro l’ex vicecoordinatore lombardo ‘azzurro’ ed ex … Anche qua. Un'altra del gruppo squallidi Una così brava persona .. Altra bufala targata Travaglio 😂😂😂

Pugno duro a Bordighera contro i furbetti dei rifiuti. Fatte dai vigili 189 multeMolti sono stati inchiodati dalle telecamere-spia “Dittatura monnezzaria”!! 😉😉😂