Visita Medica

Visita Medica

Papa, visita a sorpresa al presidio medico dei poveri in San Pietro

Papa, visita a sorpresa al presidio medico dei poveri in San Pietro

15/11/2019 22.23.00

Papa, visita a sorpresa al presidio medico dei poveri in San Pietro

Applausi e selfie per Francesco, che in compagnia di monsignor Fisichella si è presentato senza preavviso nell’ambulatorio che fino a domenica fornisce gratis cure e analisi per chi non può accedervi facilmente

EmailPapa Francesco ama le sorprese e nel pomeriggio di venerdì si è presentato senza preavviso al Presidio sanitario, la struttura sanitaria polifunzionale allestita sul lato sinistro dell’ovale berniniano, che per una settimana, come ogni anno in occasione della terza Giornata Mondiale dei Poveri, fornisce visite mediche specialistiche, cure, analisi cliniche ed esami strumentali gratuiti per tutti poveri e i senzatetto che normalmente hanno difficoltà ad accedere ai servizi sanitari specialistici. Il presidio sarà attivo fino alle 20 di domenica 17. Francesco ha anche inaugurato una nuova casa per i senzatetto. La palazzina di inizio Ottocento, di quattro piani, è affidata all’Elemosineria Apostolica e gestita dalla Comunità di Sant’Egidio, è a pochi metri dal Colonnato di Piazza San Pietro e occupa un’intera , quasi 2.000 metri quadri di proprietà del Vaticano, che saranno adibiti a rifugio, mensa e foresteria. Il centro si chiama palazzo Migliori, dal nome della famiglia che l’ha occupata fino a gli anni Trenta, prima di cederla alla santa Sede che l’ha destinata a una congregazione religiosa femminile. Ora che è di nuovo libera Papa Francesco ha deciso di farne un’opera di carità per le persone più bisognose e in difficoltà. Un palazzo antico Il nuovo centro di accoglienza, denominato Palazzo Migliori – si legge in un comunicato a firma del cardinale Krajewski - porta il nome della famiglia proprietaria che l’ha poi ceduto alla Santa Sede nel 1930. Si tratta di un palazzo costruito agli inizi del 1800, con interni eleganti e nobiliari, dotato di un ascensore per permettere l’accesso anche agli anziani e alle persone con disabilità. Al primo piano vi è pure un’ampia cappella, riservata alla preghiera personale e comunitaria dei volontari e degli ospiti.

Diletta Leotta vola in Turchia per conoscere la famiglia di Can Yaman: nozze in vista? - VanityFair.it Per SuperMario l’Immenso si citano Gesù, Sánchez, Kissinger e Gadda - Il Fatto Quotidiano Uk come a inizio febbraio, ma non rinuncia al calcio - Il Fatto Quotidiano

«Prestazioni da vero ospedale»Per il suo «Venerdì della Misericordia» Francesco è arrivato in auto, sotto la pioggia e le forti raffiche di vento, poco dopo le 16,30, in compagnia di monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione e organizzatore del Presidio Sanitario Solidale. Dopo essere stato accolto con un applauso, si è fermato a parlare con gli operatori e i tanti pazienti, ha posato sorridendo per decine di selfie e si è informato sull’andamento della struttura. «Credo che la cosa più importante sia l’incontro con tanti pazienti, persone che il più delle volte sono invisibili. Il Papa ha visitato tutto, si e’intrattenuto anche nell’ambulatorio del podologo. Qui queste persone trovano accoglienza, ascolto dai medici e dai tanti volontari», ha spiegato monsignor Fisichella. «Nel presidio - spiega la Sala stampa vaticana - vengono offerte prestazioni mediche che nulla hanno da invidiare a un vero ospedale. Dalle analisi cliniche alla dermatologia, dalla cardiologia alla ginecologia, dall’oculistica all’ecografia, alla podologia e reumatologia. E ancora l’infettivologia e la diabetologia che raccolgono casi spesso allarmanti. A lavorare nel presidio c’è anche équipe di giovani medici neolaureati o specializzandi, che accudiscono sotto la guida dei rispettivi professori i vari pazienti che, attraverso il passa parola, stanno giungendo a centinaia ogni giorno. Quanti giungono al presidio, dopo essere stati accolti dall’Associazione delle Crocerossine, passano al Triage gestito dalla Associazione Nazionale dei Medici generici, da dove vengono smistati e accompagnati dai vari specialisti, con l’aiuto delle Infermiere della Croce Rossa».

Le Acli per i senzatettoIl presidio solidale non è l’unica iniziativa in favore dei poveri. Domenica prossima, le Acli di Roma saranno presenti alla Santa Messa a San Pietro e accompagneranno al pranzo «Per e Con i poveri» un nutrito gruppo di persone fragili incontrate e sostenute nella loro quotidianità problematica attraverso gli sportelli di esigibilità dei diritti, le iniziative, la promozione di politiche attive e i progetti sociali promossi dalle Aclidi Roma nel territorio, come «Il cibo che serve» grazie al quale vengono recuperate e redistribuite le eccedenze alimentari. Il progetto raggiunge circa 4000 poveri al giorno e in un anno ha recuperato e distribuito circa 92 mila chili di pane e 35.500 chili di frutta e verdura. Poi l’assistenza ai senza fissa dimora nei periodi più freddi dell’anno. Il centro di accoglienza, oltre a offrire letto, docce e pasti caldi, consente agli assistiti di essere inseriti in un percorso assistenziale che comprende diritti, aggregazione e formazione. E infine il Servizio di trasporto gratuito per poveri e anziani in difficoltà che hanno bisogno di assistenza e accompagno per visite mediche acquisto di medicinali e tanto altro ancora. Spiega Lidia Borzì, presidente delle ACLI di Roma: «La fedeltà ai poveri che ci è stata donata da Papa Francesco in occasione dei 70 anni dalla fondazione delle ACLI ci spinge ogni giorno ad uscire e a oltrepassare i nostri limiti per andare incontro alle fragilità e porgere la mano agli ultimi, a tutti coloro che abitano le periferie geografiche ed esistenziali della città attraverso un modello di azione sociale che mette al centro la dignità della persona e mira all’inclusione». headtopics.com

Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Casualmente lo sanno tutti. C'erano anche i fotografi? Magari gli ha parlato pure dei 200 milioni investiti in immobili a londra , visto che tra l’altro erano stati raccolti per donarli proprio ai poveri 😁 bergoglio GRANDE PAPA FRANCESCO!!!

Appello del Papa: i big della tecnologia tutelino i minori dagli abusi'Vogliamo bandire dalla  faccia della terra la violenza e ogni tipo di abuso nei confronti dei  minori'. E' la missione che papa Francesco indica a leader religiosi,  istituzioni e grandi colossi del web in occasione del summit  internazionale in corso in Vaticano per trovare rimedi concreti alle insidie sul web per i minori e ad ogni forma di abuso intanto... Bergoglionata del giorno Chi è senza peccato scagli la prima pietra

Il Papa ai penalisti: 'Pensiamo di introdurre nel catechismo il peccato ecologico'Udienza coi partecipanti al XX Congresso mondiale dell'Associazione internazionale di diritto penale: 'Allarme su emblemi e azioni tipiche del nazismo' Le solite bergoglionate Papa Francesco l unica persona vera e sincera che vuole il bene di tutti...avercene di persone così!

Papa Francesco dona struttura in Vaticano per ospitare alcuni senzatetto | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Papa Francesco dona struttura in Vaticano per ospitare alcuni senzatetto | Sky TG24 Grandissimo. 👏🏻👏🏻👏🏻 TerlizziGerardo Quelli technicolor spero...

San Vittore, undici agenti indagati per pestaggi - La StampaI fatti risalirebbero al 2016-2017 e riguarderebbero un cinquantenne tunisino.

Venezia, nuovo picco di marea: chiusa piazza San Marco DirettaIl leader della Lega Salvini e il governatore del Veneto Zaia ispezionano la città lagunare Perché chiuderla? Un bel comizio di Salvini con al seguito gli immancabili contestatori dei centri sociali e ce li togliamo dalle balle in un colpo solo.

Apocalisse Venezia: nel 2100 piazza San Marco sommersa dall'acqua - VanityFair.itIl Mose era progettato proprio per eventi come questi, ma non è ancora entrato in funzione. Venezia è finita sott'acqua e nei prossimi anni, con i cambiamenti climatici, potrà solo peggiorare. Ne abbiamo parlato con un esperto.