Sport%2Ccalcio

Sport%2Ccalcio

Pallone d’Oro, svelati i nomi dei candidati: tra Messi e CR7 spunta a sorpresa Koulibaly - La Stampa

Pallone d’Oro, svelati i nomi dei candidati: tra Messi e CR7 spunta a sorpresa Koulibaly

22/10/2019 00.33.00

Pallone d’Oro, svelati i nomi dei candidati: tra Messi e CR7 spunta a sorpresa Koulibaly

La premiazione dell’edizione 2019 promossa da France Football si terrà il 2 dicembre al Théatre du Chatelet di Parigi

Pallone d’Oro, svelati i nomi dei candidati: tra Messi e CR7 spunta a sorpresa KoulibalyLa premiazione dell’edizione 2019 promossa da France Football si terrà il 2 dicembre al Théatre du Chatelet di ParigiKalidou KoulibalyPubblicato il

L'Uomo di luglio: Romelu Lukaku in copertina Logistica Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega'

21 Ottobre 2019La sorpresa è Kalidou Koulibaly, le conferme quelle di Leo Messi e Cristiano Ronaldo, ma non solo: nelle 30 nomination per il Pallone d'Oro 2019, che France Football ha rivelato in serata, c'è più di mezzo Liverpool campione d'Europa (Salah, Alexander-Arnold, Alisson, Firmino, Mané, Van Dijk e Wijnaldum), ma non manca una spruzzata di Serie A: oltre all'immancabile CR7, la doppia candidatura di Matthijs de Ligt - in lizza anche per il trofeo Kopa, assegnato al miglior Under 21 del mondo - ma anche Handanovic e Szczesny, che sfidano mezzo mondo per il Trofeo Jashin di miglior portiere. Per il trofeo intitolato al leggendario portiere sovietico (grande novità del 2019), gli estremi difensori di Inter e Juve sfideranno i mostri sacri Neuer, Ter Stegen, Alisson, Kepa, Oblak, Lloris e Onana.

La Juve è rappresentata anche nel Trofeo Kopa - miglior Under 21 del mondo - da Moise Kean, adesso gioca nell'Everton, ma ha guadagnato la nomination con la maglia bianconera. Per quanto riguarda le donne sono 20 le candidate al trofeo: non ci sono italiane, o calciatrici che militano nel campionato di Serie A. Fra i club domina il Lione, con sei candidate (Bronze, Marozsan, Bouhaddi, Henry, Hegerberg e Renard), poi ci sono il Wolfsburg con due (Ficsher e Harder) e l'Orlando Pride (Morgan e Marta), quindi il Real Madrid (le svedesi Asllani e Jakobsson). Gli Stati Uniti campioni del mondo 'schierano' Rapinoe, Morgan, Heat e Lavelle, l'Olanda tre candidate: Mertens, Van Veenendaal e Miedema, come la Francia (Bouhaddi, Henry e Renard). headtopics.com

Il 2 dicembre verranno svelati i nomi dei quattro vincitori nel corso di una grande cerimonia che si svolgerà nel Théatre du Chatelet con Sandy Héribert e Didier Drogba a fare da cerimonieri. Mbappé è il detentore del Trofeo Kopa, Luka Modric del Pallone d'Oro maschile, Ada Hegerberg di quello femminile. 

Ecco l’elenco completo dei calciatori che si giocheranno il Pallone d'Oro 2019: Leggi di più: La Stampa »

Siparietto Draghi-Casellati: 'Forse la presidente mi ha tolto parola' - Italia

Lei: 'Non mi permetterei' (ANSA)

Spiegatemi perché deve essere una sorpresa Koulibaly, se gioca bene merita di essere inserito nella rosa dei candidati cari i miei giornalisti malati di troppo sapere. Uno juventino sportivo. Con la juve segna sempre!! Anche nella propria porta🤣🤣 Un grandissimo difensore. Un difensore che servirebbe alla Juventus

A sorpresa? Uno dei migliori centrali del mondo, a sorpresa? Ma jatvenn

La carpa koi ha un tumore, operazione straordinaria per salvarle la vita - La StampaSpendere centinaia di euro per fare operare un pesce. Una famiglia australiana ha deciso di sottoporre la carpa koi che vive nello stagno del giardino di casa ad un intervento chirurgico per rimuovere un grande tumore potenzialmente letale. La neoplasia avrebbe portato alla morte la giovane carpa, specie che può ... penna_noemi fulviocerutti I Curdi muoiono sotto le bombe Turche e a qualcuno viene in mente di spendere il costo di un'equipe chirurgica per operare una carpa da un tumore... Che qualcosa non quadri più? penna_noemi fulviocerutti Ma andt ffncl voi e la fmgl del crpa

Renzi chiude la Leopolda: “Salvini Don Abbondio, non stacchiamo la spina al governo” - La StampaRenzi chiude la Leopolda: “Salvini Don Abbondio, non stacchiamo la spina al governo” 😂😂😂

Edilnol, serenità e la spinta del Forum: ecco la strategia per affrontare Latina - La StampaNon c’è modo migliore, per prepararsi a una partita, che farlo con il sorriso sulle labbra. L’Edilnol, alla vigilia della sfida del Forum con Latina (palla a due oggi alle 18), si è fatta aiutare dai bambini: la squadra ha passato una buona fetta di sabato pomeriggio al centro commerciale Gli Orsi per giocare insieme ai piccoli del minibasket e ai curiosi nuovi adepti della palla a spicchi. Tra questi, una bimba con i riccioli neri, forse la più piccola di tutti, che ha insegnato la via ai giganti rossoblù con il suo 100% al tiro, anche se aiutata a non sbagliare mai dall’effetto-ascensore di Omogbo, Blair e Bortolani, che l’hanno presa in braccio a turno per avvicinarla al canestro. Lo spirito è quello giusto, insomma, nel clan biellese. La Benacquista arriva al Forum con il numero due nella casella delle vittorie: netta la prima, in casa contro Capo d’Orlando, e più sudata quella sul parquet di Napoli, in casa però di una delle squadre che hanno badato meno a spese sul mercato estivo. Ma per una volta Paolo Galbiati vede sulla panchina avversaria le rotazioni un po’ più corte rispetto alla sua situazione. L’infortunio di Evan Mcgaughey, lungo americano alla prima stagione in Italia, riduce le alternative sotto canestro di coach Franco Gramenzi, dieci promozioni in carriera e alla quinta stagione sulla panchina laziale. A far coppia nell’area pitturata nel quintetto di partenza saranno due italiani. Andrea Ancellotti è tornato in A2 dopo due stagioni al piano di sopra a Pesaro, la prima da compagno di reparto di Omogbo. Davide Raucci, figlio del settore giovanile biellese, è al primo anno in nerazzurro e già gli è stato affidato il ruolo di capitano. Il playmaker è Alessandro Cassese, alla seconda stagione a Latina e in categoria. L’uomo di esperienza e dal tiro facile è Bernardo Musso, italo-argentino l’anno scorso nella vicina Casale. L’unico straniero a disposizione è Dalton Pepper, che ha già incrociato Biella con Rieti, Cassino e Casale. Dalla panchina escono

La campionessa olimpica respira le emissioni del Suv a idrogeno: la nuova campagna Hyundai - La StampaMireia Belmonte è la protagonista, insieme con il Suv Nexo, di un video che mostra la tecnologia delle nuove celle a combustibile a idrogeno della casa coreana

Isabel Allende e Arturo Pérez-Reverte su «la Lettura» in edicola per tutta la settimanaAnticipazioni e racconti, due grandi autori in esclusiva. E in edicola c’è l’Agendina

La statistica all’affascinante sfida dei big data - La StampaLa statistica, di cui oggi si celebra la Giornata mondiale, ha sempre avuto davanti a sé una sfida fondamentale: trasformare l’informazione in conoscenza. Leggere i numeri non basta. Bisogna capirne il significato profondo, le interrelazioni, svelarne la struttura. E bisogna disporre di metodi adeguati per analizzarli correttamente. Soprattutto quando i numeri servono a prendere decisioni nell'interesse della collettività. La statistica è la scienza che ci permette di interpretare la realtà in modo rigoroso, senza farci condizionare da opinioni, aspettative e percezioni; senza farci manipolare da fake news, stereotipi e fake numbers. Ma se la sfida è sempre stata la stessa, a essere cambiato molto è il contesto entro cui essa si esprime. In un passato, neanche tanto lontano, la statistica doveva fare i conti con la carenza di dati. Non è un caso che si sono sviluppate di più tecniche di inferenza statistica per inferire da pochi dati ben selezionati l’universo della realtà. Quella in cui viviamo è un’altra era, quella dei big data, dell’enorme e disordinata quantità di informazioni, e della loro crescita esponenziale. L’obiettivo oggi è diverso: mettere in ordine e modellare informazioni che sono state raccolte in modo tutt’altro che rigoroso. Ciò non vuol dire cancellare quello che si è sempre fatto ma affiancarlo e integrarlo nei nuovi processi. Un fenomeno come la violenza contro le donne, per esempio, quasi completamente sommerso, potrà essere misurato solo parzialmente attraverso i big data. Il nuovo contesto in cui lo statistico si trova a lavorare impone anche una rivoluzione nella sua professione, che dovrà essere molto più interdisciplinare, rendendolo un data scientist, “scienziato del dato”, evoluto e tematico, forte da un punto di vista informatico e statistico, capace di pensiero critico, che dovrà conoscere l’Intelligenza Artificiale, ma che non potrà rinunciare a una profonda conoscenza dei fenomeni oggetto di studio, siano essi di natura economica, s