Padova, una settimana dopo l'attacco hacker il sistema dell’Unità sanitaria è ancora fuori uso: tutti i servizi bloccati, a parte i vaccini - Il Fatto Quotidiano

Padova, una settimana dopo l’attacco hacker il sistema dell’Unità sanitaria è ancora fuori uso: tutti i servizi bloccati, a parte i vaccini

09/12/2021 10.10.00

Padova, una settimana dopo l’attacco hacker il sistema dell’Unità sanitaria è ancora fuori uso: tutti i servizi bloccati, a parte i vaccini

A parte i vaccini, tutti gli altri servizi sono bloccati, più o meno parzialmente. Una settimana dopo l’attacco hacker del 3 dicembre al sistema informatico, l’Ulss 6 Euganea della provincia di Padova non ha ancora risolto i problemi e ripristinato le attività fornite a un bacino di circa 900mila persone, che restano parziali o affidati …

Si sono salvati i. E’ per questo che i padovani hanno potuto continuare a ricevere le dosi, con un afflusso record. Per quanto riguarda tutto il resto, soltanto un terzo dei computer dell’Ulss sono stati bonificati. E questo comporta un effetto domino sulla gestione dei tamponi che sembra destinato a durate per altre due settimane. Ad esempio i test eseguiti nei distretti

Padova Sudall’ospedale di via Giustiniani, nel capoluogo euganeo, dove si effettuano i tamponi, è stata letteralmente presa d’assalto ed è stato il caos, con l’intervento della Polizia per calmare gli animi. Per questo è stato potenziato il personale che si occupa dei test. Inoltre, per ottimizzare le risorse, si punta a un unico punto tamponi.

Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Scuolabus in un burrone alla Spezia, non c'erano bambini a bordo - Liguria

Uno scuolabus, con 2 adulti a bordo e nessun bambino, che stava passano sull'Aurelia alla Spezia è finito fuori strada nella scarpata per un malore dell'autista. Bambini erano scesi dal mezzo da poco. (ANSA) Leggi di più >>

Indagate i dirigenti sanitari...😎

Il Fatto di Domani del 7 Dicembre 2021 - Il Fatto QuotidianoAscolta il podcast del Fatto di domani MANOVRA, LO STRAPPO DI LANDINI: “C’È RIPRESA, MA PER CHI?”. La risposta del governo alla convocazione dello sciopero generale da parte di Cgil e Uil per il prossimo 16 dicembre è stato lo “stupore”. Non solo quello che il premier Draghi ha comunicato ai giornali mainstream, che oggi … DD_Forum 👏👏👏👏👏👏👏👏👏 DD_Forum Era ora meglio tardi che mai,anzi fermerei il paese e la produzione con sciopero ad oltranza fino al completo rispetto di una classe operaia rispettata e non sfruttata. DD_Forum Sbarra c e lo dica.

In Edicola sul Fatto Quotidiano del 8 Dicembre: - Il Fatto QuotidianoSe Draghi va al Colle, 3 premier in un mese. Ingorgo - Non si sa neppure se può consultare per il governo Tutti con la museruola! A mio avviso occorrerebbe mettergli pure il guinzaglio e portarli al canile! Dittatori di 'M'. e tu a quale presidente aneli? da destra mariodraghi, la troia delle banche dall' altra destra pedosilvio il bancomat delle troie.shitaly Una minoranza non vuole il vaccino! Una minoranza ricca vuole il bis di mattarella! Ambedue le cose sono non in linea con la costituzione! Il presidente della repubblica dura in carica 7 anni e non viene scelto dalla platea di un teatro! Si sta perdendo il senso del ridicolo!

Dal comizio-rissa Zemmour ottiene tanta pubblicità - Il Fatto QuotidianoInchiesta avviata, 59 arresti, giovani picchiati: questo il bilancio del primo comizio elettorale di Eric Zemmour, domenica scorsa, al Parco delle esposizioni di Villepinte, periferia di Parigi. Il candidato all’Eliseo vi ha riunito circa 12 mila militanti per lanciare il suo movimento di estrema destra, “Reconquête!”. Un meeting che si prospettava ad alta tensione e … Non piace all'élite, se ci scrivete un articolo🤗

Biglietti per i mezzi pubblici solo con il Green Pass, apertura ministro Giovannini: 'Dialogo con aziende, forse a breve le sperimentazioni' - Il Fatto QuotidianoBiglietti per i mezzi pubblici solo con il Green Pass, apertura ministro Giovannini: “Dialogo con aziende, forse a breve le sperimentazioni” STANNO FUORI DI TESTA! Ma che minchiata uno con il Greenpass ne compra dieci e li vede si NOVAX SCIENZIATI Stiamo in mano a dei falliti.

Juventus prima nel girone di Champions: basta un gol di Kean col Malmoe, il Chelsea pareggia 3-3 in casa dello Zenit - Il Fatto QuotidianoJuventus prima nel girone di Champions: basta un gol di Kean col Malmoe, il Chelsea pareggia 3-3 in casa dello Zenit

Ilaria Capua: «Ecco il punto di svolta che incasellerebbe il Covid assieme a orecchioni e morbillo»La virologa: possiamo creare vaccini sempre migliori ma se poi sono rifiutati non servono, vanno coinvolti sociologi e umanisti. Il giro di boa è il passaggio del virus da pandemico a endemico: diventerebbe come il morbillo Le puttanate di convenienza!!! Il guadagno di funzione della scienza è FUORI CONTROLLO NEI LABORATORI! Considerazioni errate, in quanto: 1) il vaccino non evita i contagi 2) il 90% che finisce in TI e/o muore sono ultra settantenni con una o più patologie anche gravi.

. Che la situazione fosse grave lo si era capito subito, quando un virus aveva paralizzato i server di quattro ospedali (Piove di Sacco, Cittadella, Camposampiero e Schiavonia) con tutta la gestione degli ambulatori, delle analisi, dei tamponi e delle vaccinazioni anti-covid . Adesso, nonostante una sessantina di tecnici siano al lavoro, la funzionalità non è ripresa a pieno ritmo, anzi l’Azienda Ospedaliera di Padova ha dovuto supplire in parte ai bisogni della provincia, soprattutto per l’esecuzione dei tamponi. Si sono salvati i perché appoggiati a una rete esterna e al circuito di prenotazioni che fa riferimento alla Regione Veneto . E’ per questo che i padovani hanno potuto continuare a ricevere le dosi, con un afflusso record. Per quanto riguarda tutto il resto, soltanto un terzo dei computer dell’Ulss sono stati bonificati. E questo comporta un effetto domino sulla gestione dei tamponi che sembra destinato a durate per altre due settimane. Ad esempio i test eseguiti nei distretti Padova Piovese e Padova Sud sono quasi esclusivamente rapidi visto che il laboratorio di analisi dell’ospedale di Schiavonia è fuori uso. Negli altri punti, gli esami molecolari vengono comunque compiuti solo in minima parte, con l’effetto di dirottare gli utenti all’Azienda Ospedaliera, con lunghe code e attese che durano per ore (punta massima di sei ore). La struttura nei pressi di Malattie Infettive all’ospedale di via Giustiniani, nel capoluogo euganeo, dove si effettuano i tamponi, è stata letteralmente presa d’assalto ed è stato il caos, con l’intervento della Polizia per calmare gli animi. Per questo è stato potenziato il personale che si occupa dei test. Inoltre, per ottimizzare le risorse, si punta a un unico punto tamponi. I computer bonificati non sono ancora stati riattivati perché serve la certezza che i sistemi centrali siano affidabili e possano essere avviati in sicurezza. “Le riattivazioni seguiranno un piano di priorità monitorato costantemente dall’Unità di Crisi. – ha fatto sapere l’Azienda dell’Ulss 6 – I centri vaccinali hanno continuato a lavorare servendosi di collegamenti informatici esterni. Sul fronte dell’assistenza socio-sanitaria permangono criticità nei Call Center, negli sportelli CUP, nelle cartelle cliniche informatizzate, nelle ricette dematerializzate, nelle attività di contact tracing (tracciamento dei positivi)”. Blocchi e disagi continuano in laboratori di analisi, commissioni patenti e invalidi, anagrafe e Spisal. L’Azienda Ospedaliera di Padova ha aiutato anche nelle radiologie, oltre che nella raccolta di tamponi. Il supporto cartaceo, in forma diversa, viene usato per i poli di Pronto soccorso , Terapie intensive, reparti ordinari, visite ambulatoriali, attività dei distretti socio-sanitari e assistenza domiciliare. “L’Azienda rinnova il ringraziamento a tutto il personale che si sta prodigando ininterrottamente per contenere il disagio dovuto a un attacco informatico odioso, vile e inqualificabile, per cui proseguono le indagini della Polizia Postale”, è la conclusione di una nota ufficiale. Per fare il punto della situazione, il direttore generale Paolo Fortuna terrà una conferenza stampa il 9 dicembre. Al momento non ci sono novità sul fronte delle indagini, che stanno cercando di individuare l’origine dei pirati informatici che sono riusciti ad entrare nel sistema informatico tramite un particolare virus chiamato Cryptolocker , chiedendo un riscatto in criptovalute. Non è stata nemmeno presa in considerazione la richiesta di pagare per ottenere la restituzione dei gigabyte di dati rubati. Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi! Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale.