Packaging, Lumson si affida a piattaforme tecnologiche per servire i clienti in maniera unificata

Packaging, Lumson si affida a piattaforme tecnologiche per servire i clienti in maniera unificata

26/02/2021 21.50.00

Packaging, Lumson si affida a piattaforme tecnologiche per servire i clienti in maniera unificata

La pandemia ha fatto aumentare l’attenzione a igiene e sicurezza: cresce la popolarità dei contenitori che mantengono il prodotto sterile, come gli applicatori a pompa, gli airless, gli spray che sono anti-batterici e a volte anche self-cleaning

nuovi comportamenti e opzioni di consumoche non si esauriranno con la fine della pandemia. Ne è convinto Matteo Moretti, ceo di Lumson, azienda di Capergnanica (Cremona) che opera nel settore del packaging primario per la cosmetica. «Abbiamo assistito alla dilatazione della beauty routine, a una maggiore attenzione ai concetti di cosmetici green e sostenibili, a una nuova sensibilità verso l’igiene e la sicurezza (safe beauty) - spiega il ceo -. Molti dei nuovi comportamenti e dei nuovi bisogni emersi in questi mesi, pensiamo all’attenzione all’igiene, alla sicurezza, alla prevenzione, continueranno a far parte del nostro quotidiano anche in futuro. In questo filone si inserisce anche l’

Riccardo Puglisi, chi è 'l'ultras liberista' chiamato a Palazzo Chigi Il gesto gentile di un tranviere: ferma il suo mezzo per salvare una tartaruga sulle rotaie Vescovi Usa verso la scomunica a Biden sull'aborto - Mondo

accresciuta popolarità dei packaging che mantengono il prodotto sterile, come gli applicatori a pompa, gli airless, gli spray che sono anti-batterici e a volte anche self-cleaning, così come dei prodotti sostenibili».Sostenibilità intesa sempre di più nella sua interezza: «Non si parla più solo di prodotto “green”, ma l'enfasi è posta sulla

sostenibilità dei processi produttivi, sulle caratteristiche dell'imballaggio, sulla gestione sostenibile della filiera, sulle politiche corporate e sui risvolti positivi in ambito sociale, ambientale, economico - continua Moretti -. Dal nostro punto di vista, abbiamo riscontrato una maggiore richiesta di prodotti ready-to- go e un ritorno all’essenzialità. Anche il concetto di novità è cambiato: i consumatori, e quindi anche i nostri clienti, non cercano più - o quantomeno, lo fanno ancora ma in misura minore rispetto a prima - la novità fine a se stessa: il nuovo prodotto deve portare dei benefici, un valore aggiunto, rispetto a quanto già presente sul mercato». headtopics.com

Loading...Non solo. Anche in altri settori, come la moda, abbiamo osservato consumatori più consapevoli della necessità di acquistare prodotti da aziende attente all’etica e alla sostenibilità. «E l’innovazione - continua il ceo - in questo gioca un ruolo chiave: è la risorsa che, insieme a creatività e know-how, ci permette di essere al passo con le esigenze del mercato e saper rispondere alle mutate esigenze di consumo».

Con il primo lockdown l’azienda si è immediatamente attrezzata per adottare le misure per contrastare la diffusione del virus, dai Dpi alle colonnine per la sanificazione delle mani, sanificazione degli ambienti, controllo della temperatura fino al ricorso allo smart working; ha anche fornito a collaboratori e dipendenti un decalogo sui comportamenti da adottare per limitare il contagio, sulla base di quanto indicato dal Ministero della Salute. Misure che, come assicura Moretti, «ad eccezione del controllo della temperatura, rimarranno anche una volta superata la pandemia. Per quanto riguarda il distanziamento nei reparti produttivi,

la sede è molto recentee costruita secondo le più avanzate tecnologie e norme di sicurezza e ciò ci permette di mantenere “naturalmente” il distanziamento necessario a prevenire il contagio».Sul fronte dei rapporti con i clienti, visto che i lanci prima erano legati alle fiere, l’azienda ha dovuto studiare nuove modalità di comunicazione e interazione. «Le piattaforme digitali ci hanno permesso di rimanere in contatto con i clienti, organizzare meeting e presentazioni - racconta il ceo -. Chiaramente tutto questo non può e non sostituirà il contatto vis à vis o le fiere in presenza, perché la relazione umana è indispensabile nel nostro lavoro e il cosmetico per quanto si dica è un prodotto ancora fortemente legato all'esperienza “fisica”: è un prodotto che dev’essere toccato, provato, visto. In questi mesi la nostra infrastruttura IT è stata potenziata e ci siamo affidati a piattaforme tecnologiche che ci consentono di servire il cliente in maniera unificata. Non solo. Per capire in quale direzione sta andando la comunicazione e quali sono le strategie per soddisfare le nuove esigenze di consumo ci siamo messi in ascolto della rete e attraverso i social abbiamo esplorato nuovi approcci al marketing e alla comunicazione».

Leggi di più: IlSole24ORE »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Non si chiama Euro. Si chiama Marco.