Ondate di calore e alluvioni minacciano le città italiane

L'allarme: 'Da qui a fine secolo conseguenze su salute, mortalità e dissesto idrogeologico'

21/09/2021 10.50.00

Ondate di calore e alluvioni colpiranno le città italiane a causa dell'emergenza climatica in atto

L'allarme: 'Da qui a fine secolo conseguenze su salute, mortalità e dissesto idrogeologico'

Un documento (Scarica in PDF - 22Mb) che mette a frutto i risultati di dati ad altissima risoluzione per proporre una rassegna del clima, degli impatti, dei rischi e degli strumenti di cui si stanno dotando Bologna, Milano, Napoli, Roma, Torino e Venezia. Si tratta di realtà molto diverse ma accomunate da tre aspetti: le temperature sono aumentate negli ultimi trent'anni e continuano a farlo; tutti gli scenari evidenziano rischi crescenti per ondate di calore e alluvioni urbane; pur nella loro diversità, gli scenari di tutte le città mostrano che le strategie di adattamento riducono la portata degli impatti negativi, soprattutto per la mortalità legata a ondate di calore.

Palermo, Harrison Ford perde la carta di credito. Gliela restituisce il figlio del giudice Borsellino Energia nucleare, la presidente della Commissione Von der Leyen: 'Ne abbiamo bisogno'. Giorgetti: 'Iniziare a discuterne' - Il Fatto Quotidiano Harrison Ford perde la carta di credito, palermitano la restituisce

La tendenza di crescita della temperatura media si rileva in maniera significativa nel corso degli ultimi trent'anni (1981-2020). Questo è un dato comune a tutte e sei le città. Così come per tutte, gli scenari futuri mostrano aumento sia delle temperature medie (+2 gradi a fine secolo nello scenario che prevede l'applicazione di politiche climatiche) che per il numero di giorni molto caldi in un anno, indicatore rilevante per le ondate di calore (in crescita in tutte le città in tutte le stagioni).

Gli impatti dei mutamenti causeranno caldo e mortalità, precipitazioni e allagamenti, avverte il rapporto della Fondazione CMCC. Il fenomeno delle ondate di calore è comune a tutte le città, con una tendenza di crescita che appare già in atto e con incrementi significativi ma diversificati nelle diverse realtà: 50 giorni in più di caldo intenso l'anno negli ultimi decenni del secolo per Napoli rispetto a inizio secolo. Ma è un fenomeno che interessa in maniera significativa anche Milano (+ 30 giorni), Torino (+ 29) e Roma (+28). I problemi legati agli allagamenti da piogge intense sono esacerbati dall'ambiente urbano a causa della densità dell'ambiente costruito, dell'impermeabilizzazione del suolo e di specifiche caratteristiche delle singole città. headtopics.com

A Venezia, ad esempio, negli ultimi 150 anni il livello idrico relativo della città è cresciuto di oltre 30 centimetri e la soglia critica è stata superata 40 volte negli ultimi 10 anni. A Milano si sono registrati 150 eventi di piena negli ultimi 140 anni e in anni recenti si sono manifestati meno giorni piovosi, ma piogge più intense. A Napoli, piogge intense che fino ad oggi si sono verificate ogni 10 anni, potrebbero verificarsi ogni 4. A Bologna, invece, mentre la rete di drenaggio protegge la città dal rischio idraulico, secondo le proiezioni climatiche ci si aspetta per il futuro un aumento di intensità e frequenza di fenomeni di allagamento.

Molti e diversi sono i modi con cui le città individuano, analizzano, valutano, comunicano il rischio connesso ai cambiamenti climatici. Se tutte le città si concentrano sull'analisi dei rischi connessi a ondate di calore e allagamenti, diverse sono le strade che ciascuna percorre per sviluppare piani di intervento. In alcuni casi (Milano, Bologna, Torino) la macchina amministrativa è dotata di elevate competenze e capacità tecniche, in altri casi (Roma, Napoli, Venezia), mentre si procede alla formazione delle capacità necessarie, si punta a collaborazioni con Università e centri di ricerca del territorio.

I dati del rapporto 'Analisi del Rischio. I cambiamenti climatici in sei città italiane' della Fondazione CMCC sono il risultato di analisi di ultima generazione, in particolare per le informazioni inerenti la tendenza dell'ultimo trentennio, e sono stati utilizzati, per la prima volta nell'ambito di un'analisi sistematica del clima nelle città italiane, modelli ad una risoluzione di 2 Km.

Per ciascuna delle sei città (Bologna, Milano, Napoli, Roma, Torino e Venezia), il rapporto propone quattro sezioni specifiche:- Clima: gli scenari futuri, ma anche le tendenze che possiamo individuare in quello che è accaduto negli ultimi 30 anni in ogni headtopics.com

Gaffe del governo per i 100 anni del Milite Ignoto, poi le scuse 'Ci saranno provvedimenti' - Cronaca Mamma elefante uccide un coccodrillo per difendere il suo cucciolo Superlega, il Governo italiano si schiera con l'Uefa

città, analisi effettuata con dati ad altissima risoluzione (quelli a 2Km);- Impatti climatici: analisi di come gli impatti legati a temperature e precipitazioni hanno interessato e interesseranno le diverse città.- Valutazione dei rischi: una rassegna di come ciascuna delle sei città elabora la valutazione del rischio da cambiamento

climatico- Strumenti di adattamento: una sintesi ragionata degli strumenti di cui le singole città si stanno dotando per implementare strategie e piani di adattamento ai cambiamenti climaticiPiani, progetti, strategie: anche in questo caso, avverte il rapporto CMCC, sono molto varie le risposte che sono già state attivate dalle diverse città e le azioni che vi sono incluse, che siano azioni di tipo istituzionale (come politiche, leggi, o opzioni economiche), sociale (che coinvolgono ambiti educativi, informativi e opzioni comportamentali), strutturali e fisiche (tecnologie, servizi, ecosistemi, ambiente costruito). La scelta di queste azioni e la definizione degli strumenti dipende da molti aspetti, inclusi lo stato di avanzamento dei piani e dei progetti e l'opportunità di alcune azioni rispetto alle esigenze specifiche della città. Il quadro che ne emerge, in questo caso, è estremamente variegato.

Leggi di più: Rainews »

Green pass, a Roma 12 arresti: anche vertici di Forza Nuova

Leggi su Sky TG24 l'articolo Green pass, a Roma 12 arresti: anche vertici di Forza Nuova

Davvero? Calmi che adesso arriva super Calenda e risolve tutto..Da Roma in su e giù .. non è possibile che sia sempre tutto un'emergenza.. Allora se siamo nell'epoca delle emergenze continue va benissimo buttare nel water i diritti fondamentali che appartengono a tutta la collettività. Li sostituiremo con le tutele e i diritti delle minoranze perché siamo fascisti ma della corrente progressista.

mickycaruso Tranne Roma, li è colpa della Raggi... Avete consultato i Ferragnez? Natale è il 25 dicembre. Si Nel Medioevo, in Inghilterra, si coltivava la vite! Non esiste alcuna emergenza, se non democratica a causa vostra.

Energia, stangata da 10 miliardi solo nel 2021: ecco la mappa dei rincariLa spesa energetica totale sale da 43 miliardi nel 2019 a 53 miliardi: bolletta da 17 miliardi per le imprese della manifattura Privatizzazioni e ideologia green e adesso ne pagate il prezzo. Avete voluto Draghi, adesso arrangiamci

Alessandro Borghi, 35 anni e mille volti da re del grooming - VanityFair.itTrasformista in prima linea, Alessandro Borghi è un catalogo vivente di beauty look. Soprattutto per esigenze di copione, l'attore romano ha sperimentato di tutto in dieci anni di carriera per quanto riguarda capelli e barba. Il 19 settembre soffia 35 candeline e restiamo in attesa di tantissime altre girandole di stile

Ciclista 33enne travolto da un'auto, morto in provincia di RagusaLeggi su Sky TG24 l'articolo Ciclista 33enne travolto da un'auto, morto in provincia di Ragusa

Letta: “Da Draghi scelte giuste La Lega non segue Salvini”Il sgeretario del Pd: «Salvini sta al governo ed è una parte della maggioranza che è opposizione continua» e per quelli risparmi pensioni degli immigrati che il vostro mafioso paese ha rubato nel 2002 quando intendete restituirli E l'Italia non segue Letta; eppure le sue quotidiane dichiarazioni sono puntualmente qui riportate. ......!

Coldiretti: da energia e clima effetto a valanga sulla spesa degli ItalianiE si. D inverno piove troppo poi grandina, d estate troppo caldo e siccità. Solita sinfonia. E soprattutto è colpa di chi non ha il greenpass

Fattura elettronica, boom da ripresa: 253 miliardi in più fino a giugnoNel primo semestre 2021 la crescita dell'imponibile Iva corrisponde a quasi l’80% della perdita registrata in tutto lo scorso anno. I settori trainanti sono edilizia, estrazione di minerali e manifatture vi riscaldate a fuochi di paglia Ediamo col gren cazz come si bloccherà il lavoro, a parte quello delle Farmacie.