Omofobia, la Cei contro il ddl: «Rischio di derive liberticide»

Omofobia, la Cei contro il ddl: «Rischio di derive liberticide»

10/06/2020 15.07.00

Omofobia, la Cei contro il ddl: «Rischio di derive liberticide»

I vescovi italiani esprimono «preoccupazione, non serve una nuova legge»: «Sanzionare ad esempio chi crede solo nella famiglia tradizionale significherebbe introdurre il reato di opinione»

shadowStampaEmailI vescovi italiani scendono in campo contro il ddl sull’omofobia all’attenzione del Parlamento: «Non serve una nuova legge. Anzi, l’eventuale introduzione di ulteriori norme incriminatrici rischierebbe di aprire a derive liberticide». La nota della Cei spiega che parlando del ddl contro l’omofobia. Per i vescovi

Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Il Fatto di Domani del 21 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza

«esistono già adeguati presidi con cui prevenire e reprimere ogni comportamento violento o persecutorio».E «questa consapevolezza ci porta a guardare con preoccupazione alle proposte di legge attualmente in corso di esame presso la Commissione Giustizia della Camera dei deputati contro i reati di omotransfobia».

La Presidenza della Cei sottolinea che«le discriminazioni, comprese quelle basate sull’orientamento sessuale, costituiscono una violazione della dignità umana, che, in quanto tale, deve essere sempre rispettatanelle parole, nelle azioni e nelle legislazioni. Trattamenti pregiudizievoli, minacce, aggressioni, lesioni, atti di bullismo, stalking... sono altrettante forme di attentato alla sacralità della vita umana e vanno perciò contrastate senza mezzi termini». Nella sua nota la Conferenza Episcopale Italiana ricorda che nell’ordinamento giuridico nazionale headtopics.com

«esistono già adeguati presidi con cui prevenire e reprimere ogni comportamento violento o persecutorio». E aggiunge: «Per questi ambiti non solo non si riscontra alcun vuoto normativo, ma nemmeno lacune che giustifichino l’urgenza di nuove disposizioni. Quindi c

on una nuova legge si finirebbe col colpire l’espressione di una legittima opinione, più che sanzionare la discriminazione».La Presidenza della Cei parla di «introduzione del reato di opinione»: «Questo per esempio significherebbe sottoporre a procedimento penale chi ritiene che la famiglia esiga per essere tale un papà e una mamma, e non la duplicazione della stessa figura. Ciò

limita di fatto la libertà personale, le scelte educative, il modo di pensare e di essere, l’esercizio di critica e di dissenso. Crediamo fermamente che, oltre ad applicare in maniera oculata le disposizioni già in vigore, si debba innanzitutto promuovere l’impegno educativo nella direzione di una seria prevenzione, che contribuisca a scongiurare e contrastare ogni offesa alla persona. Su questo non servono polemiche o scomuniche reciproche, ma disponibilità a un confronto autentico e intellettualmente onesto».

«Nella misura in cui tale dialogo avviene nella libertà - conclude la nota Cei -, ne trarranno beneficio tanto il rispetto della persona quanto la democraticità del Paese».10 giugno 2020 (modifica il 10 giugno 2020 | 13:13) Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Di tutto può essere accusata la CEI tranne che di omofobia, giornalisti/conduttori di sat2000 quasi tutti omosessuali Giusto e sacrosanto! Ogni tanto la CEI dice una cosa giusta. La follia è non poter più neanche dire che la famiglia è quella con un padre e una madre. Che c’entra la CEI laici Hanno ragione.

Loro parlano con propietà i festini l'hanno dentro il Vaticano, senza leggi, solo quella del antico testamento Caso homossexualidade fosse crime dentre a Justiça de líderes religiosos, principalmente pra Igreja Católica Romana 97% seriam informados Pois crimes sexuais contra crianças (pansexuais) sempre foi cultura do culto satânico em qualquer lugar do planeta

LA HONTE Finalmente anche la Cei ha posizioni chiare. Quando uno che discrimina poi ha paura di essere discriminato. BEI PEZZI DI MANDARANCI ANDATI A MALE Certo sono loro i primi vigliacchi omofobi

Lo sfogo di Conte: un pezzo di Stato sta remando contro il governo e le riformeIl vertice notturno con i capidelegazione e il rebus Stati generali: dovrebbero partire venerdì, resta l’incertezza sulla durata Non fare agli altri quello che gli altri non vorresti facessero a te. Speriamo che qualcuno ti prenda a calci in c... Mostro di cattiveria Decenni di riforme hanno distrutto questo Paese...

Teatro di Ovada ancora da ultimare ma le norme contro il coronavirus rischiano già di affondarloLa conclusione del cantiere del Comunale avverrà a fine agosto: i posti a sedere sono 350, ma non si sa quanti effettivamente utilizzabili

La riapertura nel timore: a New Delhi il rischio di 100mila casi entro fine giugnoNella capitale indiana questa settimana riaprono negozi, ristoranti e luoghi di culto, ma ancora si registrano 1000 contagi al giorno

Il gruppo Sky stanzia 30 milioni di sterline per lotta contro l’ingiustizia razzialeIl gruppo Sky annuncia una serie di iniziative per supportare la lotta contro l'ingiustizia razziale. Sky investirà 10 milioni di sterline ogni anno per i prossimi tre anni in ognuno dei mercati in cui è presente. Per garantire che gli impegni siano rispettati, le iniziative saranno supervisionate, implementate e misurate da due nuovi gruppi di lavoro: il Diversity Action Group e il Diversity Advisory Group. L'impegno di Sky per supportare la lotta contro il razzismo e aumentare la diversità e l'inclusione si basa su: 1. Aumentare la rappresentanza delle minoranze etniche a tutti i livelli 2. Fare la differenza nelle comunità impattate dal razzismo 3. Utilizzare il potere della voce di Sky e della sua piattaforma per evidenziare le ingiustizie 1. Aumentare la rappresentanza delle minoranze etniche a tutti i livelli. Sky - si legge in una nota - si impegnerà ad implementare un cambiamento reale e duraturo migliorando la rappresentanza delle minoranze etniche a tutti i livelli del business, in particolare nella senior leadership. L'azienda si porrà degli obiettivi concreti e misurerà la progressione dei gruppi sottorappresentati all'interno dell'organizzazione. Sky investirà nella formazione dei propri leader e dirigenti affinché abbiano una conoscenza approfondita delle problematiche relative alla diversità e all'inclusione e per verificare il loro effettivo impegno con i loro colleghi e team. 2. Fare la differenza nelle comunità impattate del razzismo In collaborazione con il Diversity Action Group e il Diversity Advisory Group, Sky sosterrà le organizzazioni benefiche per fare la differenza nelle comunità colpite dal razzismo attraverso un contributo finanziario significativo a favore della lotta per l'uguaglianza razziale e per sostenere le cause che colpiscono le minoranze etniche e coloro che lavorano per migliorare le vite delle persone. L'impegno di Sky proseguirà per diversi anni. 3. Utilizzare il potere della voce di Sky e della sua piattaforma per evidenzia

Biodiversità, mai come oggi siamo a rischio: la sesta estinzione di massa sta accelerando«Quando l’umanità stermina popolazioni e specie di altre creature, sta tagliando il ramo su cui si trova. La conservazione delle specie in pericolo dovrebbe essere elevata a emergenza nazionale e globale dai governi e dalle istituzioni, alla pari del disastro climatico cui è collegata». A parlare è uno scienziato famoso, ... fulviocerutti Ed è dovuta ad una specie infestante... La specie umana...

Meno cash, più bond: come si muovono i grandi capitali nella fase 2Meno cash, più bond: come si muovono i grandi capitali nella fase2. L'analisi di 24+, la sezione premium del sito web del Sole 24 Ore VFC...