Omicidio Vannini, in un audio 'ripulito' le ultime parole del ragazzo ucciso: 'Ti prego basta, mi fa male. Portami il telefono' - Il Fatto Quotidiano

Omicidio Vannini, in un audio “ripulito” le ultime parole del ragazzo ucciso: “Ti prego basta, mi fa male. Portami il telefono”

27/06/2020 18.45.00

Omicidio Vannini, in un audio “ripulito” le ultime parole del ragazzo ucciso: “Ti prego basta, mi fa male. Portami il telefono”

A poco meno di due settimane dall’inizio del processo bis – ordinato dalla Cassazione – per la morte di Marco Vannini, il ragazzo di vent’anni ucciso da un colpo di pistola mentre era in casa della sua fidanzata Martina a Ladispoli, sul litorale romano, il 17 maggio 2015, un altro tassello si aggiunge alla ricostruzione …

Marco Vannini, il ragazzo di vent’anni ucciso da un colpo di pistola mentre era in casa della sua fidanzata Martina aLadispoli,sul litorale romano, il 17 maggio 2015, un altro tassello si aggiunge alla ricostruzione di quella notte. La trasmissione Quarto Grado ha trasmesso un audio in cui si sentono probabilmente le ultime parole del ragazzo. La perizia sulla registrazione del 118 è stata realizzata da una squadra di esperti statunitensi. I tecnici di Emme Team – come riporta il Corriere della Sera – hanno avuto modo di elaborare l’audio della conversazione con il personale del numero per le emergenze. I

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti I due ragazzi contro i genitori No Vax: «Vaccinateci, vogliamo essere liberi»

l ragazzo era grave, ma passarono 110 minuti prima che venisse soccorso.Una prima telefonata al 118 fu annullata, poi dopo tempo quando ormai il ragazzo era agonizzato e con un polmone perforato l’ambulanza fu chiamata. Le parole della vittima erano sempre state considerate incomprensibili, secondo gli esperti invece il ragazzo avrebbe detto; “Ti prego basta, mi fa male. Portami il telefono”. I tecnici hanno isolato anche la voce di Martina (che sembra dire “Basta, su”) e di Maria Pezzillo, che alla richiesta di Marco di avere il telefono avrebbe risposto: “È giù”.

Fra qualche giorno quindi torneranno in aula, dunque,Antonio Ciontoli, il capofamiglia,Maria Pizzillo, moglie del sottufficiale della Marina militare distaccato ai servizi segreti (e sospeso dal servizio in seguito alla vicenda giudiziaria) e i figli Federico e Martina. In primo grado era stati riconosciuto l’omicidio volontario con il dolo eventuale, poi derubricato dai giudici in appello in colposo. A marzo invece gli ermellini hanno accoltola richiesta della procura generale secondo cui si trattò di un omicidio volontario con dolo eventuale. Perché la morte di Marco, come sostenuto dalle consulenze mediche (anche della difesa), headtopics.com

si sarebbe potuta evitarema, invece, è stata causata non solo dal colpo esploso, ma anche dai ritardi nei soccorsi, dovuti a loro volta a una serie di bugie e depistaggi da parte, in primis, di Antonio Ciontoli.Il cuore di Marco ha continuato a pompare sangue fino alla fine

.Omicidio Vannini, la Cassazione: “Se soccorsi fossero stati attivati in tempo si sarebbe salvato”Ad aver presentato reclamo ai supremi giudici erano stati il sostituto procuratore della Corte di Appello di Roma, Vincenzo Savariano e i genitori di Marco Vannini, Marina Conte e Valerio Vannini, contrari alla riduzione di pena arrivata in appello, il 29 gennaio 2019, in favore di Antonio Ciontoli. L’uomo aveva ottenuto in secondo grado la riduzione della condanna emessa dal Tribunale di Roma il 18 aprile 2018,

da 14 a 5 anni di reclusione. Una sentenza che aveva suscitato molte polemiche. Sia in primo che in secondo grado, invece, erano rimaste immutate le condanne per omicidio colposo a tre anni di reclusione ciascuno per Maria Pezzillo e i figli Federico e Martina Ciontoli. Il procuratore generale, in secondo grado, aveva chiesto 14 anni di carcere per tutta la famiglia finita sul banco degli imputati e la conferma dell’assoluzione di Viola Giorgini, fidanzata di Federico.

Leggi AncheMarco Vannini, la decisione della Cassazione: “Nuovo processo per tutti gli imputati”. La madre: “Non ci speravo”Secondo la versione fornita dai Ciontoli, Marco si trovava in casa della fidanzata e si stava facendo un bagno nella vasca in presenza di Martina, quando entrò il padre della ragazza per prendere le sue armi da una scarpiera. A quel punto Martina sarebbe uscita e Marco, insaponato e bagnato, avrebbe chiesto di vedere le pistole. Per quanto riguarda le modalità dello sparo, in una prima versione, sostenuta fino all’interrogatorio del 2 ottobre 2015, Ciontoli ha raccontato che l’arma, una headtopics.com

Un mese alle Olimpiadi: le paure dei giapponesi, i sogni degli italiani. Il podcast Sala risponde a Paragone: 'Io 'fighetto'? Ci vuole coraggio a dirlo di uno che da 40 anni lavora come un pazzo' Migranti, Draghi: 'Gestione dei flussi non può essere solo italiana. Va superato Regolamento di Dublino, appartiene a un'altra fase storica' - Il Fatto Quotidiano

Beretta calibro 9,gli stava scivolando quando partì il colpo. In una seconda versione, sostenuta fino al processo, Ciontoli ha detto di aver scarrellato, ossia portato il colpo in canna, per gioco, nella convinzione che l’arma fosse scarica. Quel colpo, però, raggiunse Marco. Stando alla ricostruzione dei fatti elaborata dalla Corte di Appello, Ciontoli non avrebbe voluto uccidere Vannini e nel suo atto non ci fu “dolo”, ma poi il sottufficiale evitò “consapevolmente e reiteratamente l’attivazione di immediati soccorsi” attuando una condotta “odiosa e riprovevole” per “evitare conseguenze dannose in ambito lavorativo”. I giudici di secondo grado avevano attenuato anche la responsabilità dei suoi familiari in quanto “difettavano della piena conoscenza delle circostanze” di quanto era accaduto a Marco. Per l’accusa, invece, non c’è mai stato dubbio sul fatto che Marco fu lasciato per tre ore agonizzante con la complicità dell’intera famiglia Ciontoli, tanto che le sue condizioni peggiorarono fino a morire. Sulla dinamica dei fatti che avvennero quella sera restano invece perplessità,

alimentate anche dalle intercettazioni ambientali e telefonichesulle utenze degli imputati. Anche quelle mai utilizzate nel processo e che la famiglia Vannini ha potuto ascoltare solo la scorsa estate. Di certo, anche il mancato sequestro della casa dei Ciontoli non ha aiutato a fare chiarezza.

Leggi AncheSostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momentoabbiamo bisogno di te.In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.

Leggi di più: Il Fatto Quotidiano »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

La cosa che mi inquieta è come facciano a selezionare per i Servizi Segreti un soggetto del genere...... Povero ragazzo, potevano salvarlo subito, invece hanno preferito lasciarlo morire , peggio di un cane. In galera dovete marcire! Una famiglia di mostri. I Ciontili devono solo ringraziare la loro sorte che i genitori del ragazzo sono due persone per bene che credono nella giustizia. La fortuna della gentaglia è di aver a che fare con la brava gente...

Che famiglia demmerda. I Ciontoli, chiaramente Vannini- non sono ancora dentro? Questo ragazzo è stato torturato e ucciso da degli idioti bastardi, ormai si è capito che purtroppo la famiglia aguzzina è protetta bene dallo stato e quindi non si potrà mai avere piena giustizia. Un ragazzo abbandonato alla morte nella casa della propria ragazza. Vedere i servizi in tv con il dolore della famiglia,qualcosa da brividi. 20 anni a tutti i presenti poi vediamo come la verità salta subito fuori

e per quelli risparmi pensioni degli immigrati che il vostro mafioso paese di merd ha rubato, quando intendete restituirli?

Una perizia ha isolato le ultime parole di Marco Vannini durante la telefonata al 118: «Ti prego, basta»Una perizia realizzata da una squadra di esperti e raccontata dalla trasmissione Quarto Grado potrebbe rivelare nuovi dettagli sull’omicidio del 20enne, avvenuto cinque anni fa a Ladispoli MA oltre le bugie si e' capito il motivi vero della morte? Chi sostiene questa causa sarà felice solo quando TUTTA LA FAMIGLIA CIONTOLI sarà rinchiusa e marcirà in carcere....TUTTTTTTAAAAAAAAAAA. Siamo tutti fratelli,genitori,zii,nonni di Marco.

Un omicidio in famiglia ogni 55 ore, i figlicidi sono il 12% del totaleI drammatici dati di Eures: negli ultimi quattro anni una vittima su dieci è un minore e il 6,2% ha meno di 5 anni MassimGiannini Basta con la famiglia tradizionale! W li ......

Luminarie del sindaco per il veliero di B. jr. - Il Fatto QuotidianoArriva Pier Silvio Berlusconi in barca e il paese accende le luminarie natalizie. Accade a Portovenere, estremo levante ligure. Il veliero del presidente Mediaset, un bi-albero “Perini”, ha ormeggiato davanti al pittoresco borgo spezzino guidato dal sindaco Matteo Cozzani, berlusconiano doc, amico del governatore ligure Giovanni Toti e possibile candidato alle Regionali di settembre. Tutti … marcotravaglio In altri paesi evoluti e democratici , chi è capace fa!!! Il LECCACULISMO è duro a morire... si certo ma sara condannato per i crimini che ha eriditato dal suo padre. il traffico di esseri umani sfruttamento della prostituzione (anche minorile) sequestro di persone e evasione fiscale.

Il razzismo del “Giornale” contro i suoi stessi inviati - Il Fatto Quotidiano“La lotta alla casta e alla corruzione, il superamento di vecchi modelli della destra, della sinistra, andare oltre al dualismo vuoto, far leva sul sentimento comune, evocare la forza di un popolo stanco e sottomesso alle logiche dei piani alti di un potere ormai corrotto e distante dalle necessità, la crisi economica nel serbatoio della … Aprigliocchi Italia per due miliardi di euro garantiti dallo stato vi siete addirittura prostrati! 😂 😂 😂 Uno dei poteri più forti Il fatto in testa

Csm, basta maquillage ora si passi al bisturi - Il Fatto QuotidianoIl “caso Palamara” continua a emanare miasmi pestilenziali sulla credibilità della magistratura tutta. Per chiunque abbia a cuore lo stato di salute di questa struttura portante della democrazia, la necessità e l’urgenza di buone e radicali riforme – a partire dal Csm – è di indiscutibile evidenza. Come lo è il groviglio che occorre assolutamente … marcotravaglio Il bisturi per il CSM ? Meglio usare la mannaia.

Convalidato l’arresto della femminista russa in carcere dopo l’aggressione al barista torineseLa donna aveva accusato il titolare del locale di averle fatto delle avances durante l'incontro. Ci avete rotto le palline con la favola del sessismo,razzismo ETCC. Siamo quasi all'abolizione dell' Art 21. — Diego. (DiegoCheli) June 27, 2020 Uso improprio del termine 'femminista'.