Premier, Ministro, Sindaco, Governo

Premier, Ministro

Nuovo Dpcm, l’ira dei sindaci che potranno chiudere piazze e vie: «Sulle nostre spalle la responsabilità del coprifuoco»

Integralisti contro prudenti, lite furibonda Speranza-Spadafora. E quella parola vietat...

19/10/2020 09.47.00

Integralisti contro prudenti, lite furibonda Speranza-Spadafora. E quella parola vietat...

Tensioni nel governo, il Pd contro gli eccessi di prudenza Franceschini: se vanno pagati i ristoratori, facciamolo L’ultima battaglia Su piscine e palestre l’ultimo scontro: divisa la maggioranza e lo stesso Cts

il coprifuoco? Nel governo invitano a chiamarlo con altri nomi e i sindaci rispediscono la patata incandescente all’indirizzo di Palazzo Chigi. «Il governo - tuona Antonio Decaro a nome dei primi cittadini - inserisce in un Dpcm una norma che sembra avere il solo obiettivo di scaricare sulle spalle dei sindaci la responsabilità del coprifuoco». Un altro fronte di scontro istituzionale, dopo quello tra governo e Regioni.

Astrazeneca, Bersani a La7: 'Speranza ha accumulato errori? No, è il capitano della nave che ci ha portato fuori dalla tempesta' - Il Fatto Quotidiano Biden unisce la Nato contro Cina e Russia: “Sono una minaccia” Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano

Alla riunione con i ministri, i governatori si sono presentati compatti e bellicosi, con il presidente Stefano Bonaccini determinato a incassare l’ingresso a scuola alle 11 e la didattica a distanza per le ultime classi dei licei, così da mettere fine all’assalto dei bus nelle ore di punta. Ma Lucia Azzolina si è metaforicamente incatenata ai cancelli della scuola, tanto che Decaro e Bonaccini, raccontano,

«volevano far saltare il tavolo». Ci è voluta la mediazione paziente del ministro Francesco Boccia e poi del premier per arrivare a un compromesso che ha fatto esultare la ministra dell’Istruzione: «È passata la nostra linea. Saranno i presidi a decidere se implementare la didattica a distanza e scaglionare gli ingressi, ma dalle 9 e non dalle 11». headtopics.com

Conte proprio non voleva farlo, questo decreto. La sua linea era attendere che le mascherine obbligatorie all’aperto e le altre restrizioni piegassero almeno un poco la curva. Ma il pressing degli scienziati e dell’ala dura della maggioranza, che invocava misure drastiche «per non dover richiudere tutto fra due settimane», lo ha convinto ad accelerare. La distanza tra due opposte scuole di pensiero lo ha però costretto a una estenuante mediazione. Con i governatori e con i suoi ministri, intenti ciascuno a tirare la bozza dalla propria parte, chi per la difesa dell’economia e chi per la supremazia della salute. Dario Franceschini, che guida la delegazione del Pd e ha spronato il premier ad accelerare, si è battuto nei vertici a porte chiuse per contrastare gli eccessi di prudenza, anche dello stesso Conte.

«È vero che abbiamo rafforzato gli ospedali e aumentato il numero di tamponi - ha insistito il ministro -. Ma io voglio mettere in sicurezza il Paese e se c’è da pagare per ristorare esercenti e imprenditori, paghiamo». Ancora più spinto sulla linea «chiudere tutto tranne scuole e imprese» è il ministro della Salute, Roberto Speranza. Ma l’idea di andare rapidamente verso un «reset» non è passata, un po’ per l’opposizione tenace delle Regioni e un po’ per la convinzione di Conte che

bisogna «tutelare la salute, ma anche l’economia». Il rischio adesso è scritto nei numeri dei malati ed è che il governo, per rincorrere il Covid-19, si veda costretto ad aggiustare in corsa la strategia, a colpi di dpcm. «Serviranno presto misure più dure - sospira esausto un ministro -. Conte ci vuole arrivare per step, in sintonia col Paese. E le Regioni si stanno preparando».

19 ottobre 2020 (modifica il 19 ottobre 2020 | 08:22) Leggi di più: Corriere della Sera »

Brusca torna libero, tra gli artefici della strage di Capaci - Sicilia

Fuori con 45 giorni di anticipo. Sciolse nell'acido il piccolo Di Matteo (ANSA)

Giornalistoni democraticissimi ,vedo che non avete dato ancora la notizia dei risultati elettorali della Bolivia. Sperate ancora nei militari?

Nuovo Dpcm, i trucchi per riaprire bar e locali di notte - Il Fatto QuotidianoDpcm o no, a Bologna e Catanzaro hanno trovato l’escamotage giusto. Al Mavit Bar di fronte alla stazione bolognese, e al Plaza Café del lido catanzarese i rispettivi proprietari non si sono arresi alle nuove regole e studiando a fondo il nuovo decreto sono riusciti a scovare un angolo cieco. In che modo? “Chiuderemo alle … Non sono trucchi. Questa è sopravvivenza. trucchi boomerang gli italiani sono famosi per aggirare le leggi invece che rispettarle

Coronavirus, il presidente del Consiglio Conte presenta il nuovo Dpcm: la diretta - Il Fatto QuotidianoIl presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, presenta le misure contenute nel nuovo dpcm. La diretta da Palazzo Chigi. Figlio di Attila No Casalino vaffanculo

Nuovo Dpcm Covid, palestre, scuole, bar, ristoranti, coprifuoco: ecco cosa cambiaResta confermato l’orario delle 24 per i ristoranti, mentre i bar dovranno chiudere alle 18, a meno che non facciano servizio al tavolo. Sul coprifuoco la parola finale spetta ai sindaci, che potranno chiudere, dopo le 21, strade o piazze per evitare assembramenti Come rovinare l'Italia.

Nuovo Dpcm, l'intervento di Conte: la diretta - Il Sole 24 ORENuovo Dcpm, l'intervento di Conte: la diretta - Il Sole 24 ORE Il Governo non ha capito la gravità. Dopo i 500 morti di questa settimana ne avremmo 1000 la prossima. Il sistema sanitario quasi al collasso. C’è da chiudere tutto prima che accada l’irreparabile

Dpcm, quei bar che chiudono alle 24 e riaprono poco dopo - VanityFair.itIl Dpcm stabilisce la chiusura dei bar alle 24 ma non è chiaro sull'orario di riapertura. Una falla a cui si sono aggrappati alcuni titolari di bar e locali Mitici ... Hanno trovato l'escamotage subito...!!! (Peccato pero che ... da Covid19 si muore...)

Dpcm, bugie e calcetto: l’app aggira divieti - Il Fatto QuotidianoOgni legge, stando a un vecchio adagio, lascia margine per un inganno tutto da trovare. A volte la ricerca non è neanche così ardua, ma è il buon senso che dovrebbe suggerire di lasciar perdere. In piena pandemia, per dirne una, forse si potrebbe fare a meno di giocare a calcetto con degli sconosciuti contattati … Dove si procede molto denaro non c'è virus 😂😂 Questo per dimostrare l'inutilità di una norma del genere Indegno