Nuovi focolai Covid, cosa è il Tso: la soluzione allo studio del governo

Nuovi focolai Covid, cosa è il Tso: la soluzione allo studio del governo

06/07/2020 11.29.00

Nuovi focolai Covid, cosa è il Tso: la soluzione allo studio del governo

La proposta è stata avanzata dal governatore veneto Zaia. Dal ministero hanno fatto sapere che il responsabile della Salute Roberto Speranza ha dato mandato all’ufficio legislativo del suo dicastero per verificare il quadro normativo sui trattamenti sanitari obbligatori (Tso). L’obiettivo è quello di studiare una eventuale norma più stringente che riguarda la tutela contro il Covid dopo il caso del focolaio veneto

4' di letturaTrattamento sanitario obbligatorio per chi, una volta scoperto di essere positivo al Covid-19, non adotta quelle soluzioni basilari per preservare la collettività in cui vive, a cominciare dalla quarantena e dall’autoisolamento. È questa l’ipotesi su cui sta ragionando il ministro della Salute Roberto Speranza, dopo il caso dell’imprenditore vicentino che ha continuato a fare la vita di tutti i giorni nonostante avesse contratto la malattia all’estero. L’uomo, ricoverato in rianimazione in condizioni gravi ma stabili dopo aver in un primo tempo rifiutato le cure nonostante evidenti sintomi, si è così lasciato alle spalle una scia di 5 contagiati e 89 persone in isolamento.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure

La proposta di Zaia e la stretta della ToscanaL’ipotesi di ricorrere al Tso, soluzione che impone il ricovero ai malati più gravi, è stata avanzata dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia. Il governatore leghista ha annunciato una stretta, che si svilupperà attraverso una nuova ordinanza. In base all’ultimo Dpcm, quello dell’11 giugno, infatti, le regioni possono adottare regole più restrittive sulla base dell’andamento della curva epidemiologica. Cosa che ha già fatto la Toscana, con una recente ordinanza che ha previsto il trasferimento negli alberghi sanitari di quegli stranieri che vivono con molte persone e possono trasmettere il virus a familiari e amici.

Il governo studia l’estensione del TsoAncora una volta di fronte al pressing delle Regioni, dunque, il governo si è mosso. Il ministro della Salute Roberto Speranza, hanno fatto sapere fonti del ministero, ha dato mandato all’ufficio legislativo del suo dicastero per verificare il quadro normativo sui trattamenti sanitari obbligatori (Tso). L’obiettivo è quello di studiare una eventuale norma più stringente che riguarda la tutela contro il Covid dopo il caso del focolaio veneto. La verifica tecnica servirà anche di supporto alle eventuali scelte in questo senso delle autorità locali. Il passo successivo sarà una verifica politica all’interno della maggioranza di governo, considerato che l’adozione di una stretta di questo tipo chiama in causa i diritti della persona. Il ricovero obbligatorio per chi non intende seguire la quarantena potrebbe affiancare altre soluzioni, come i tamponi direttamente in aeroporto per chi arriva da Paesi extra Schenghen. headtopics.com

Decine di nuovi focolaiUna decisione che, se confermata, si svilupperebbe in un contesto, quale quello attuale, caratterizzato da decine di focolai di nuovi contagi da coronavirus sparsi un po’ a macchia di leopardo in diverse regioni, per lo più Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Lazio, e l’ultima impennata si è diffusa nella già piagata Lombardia, nei macelli e salumifici del mantovano con 68 positivi.

Soluzione adottata in ambito psichiatricoIl Trattamento sanitario obbligatorio implica il fatto che una persona venga sottoposta a cure mediche contro la sua volontà. La norma di riferimento è una legge del 1978. Allo stato attuale si ricorre a questa soluzione in ambito psichiatrico, attraverso il ricovero coatto presso i reparti di psichiatria degli ospedali pubblici. La norma prevede una procedura da seguire in caso di Tso. In primo luogo, devono esserci allo stesso tempo tre condizioni: la persona versa in una situazione di alterazione tale da rendere urgenti interventi di tipo terapeutico, gli interventi proposti sono stati rifiutati, e non si possono adottare tempestive e idonee misure extraospedaliere. Queste tre condizioni vanno certificate da un primo medico, che può essere quello di famiglia, e confermate da un secondo medico, che lavora in una struttura pubblica: in genere è uno psichiatra della Asl. Una volta prodotte le certificazioni mediche, il sindaco ha 48 ore per disporre con un’ordinanza il Tso. La persona toccata da questo provvedimento viene accompagnata dai vigili e dai sanitari presso un reparto psichiatrico di diagnosi e di cura. Entro 48 ore dal ricovero il sindaco fa pervenire l’ordinanza al giudice tutelare, che può convalidare la misura (ma può anche non farlo) nelle 48 ore successive. Il Tso ha una durata di sette giorni. Se lo psichiatra non fa richiesta di prolungamento, il trattamento termina.

Leggi di più: IlSole24ORE »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

venissero a dirmi che devo fare il TSO a base di piombo e rame glielo faccio ! 💩💩💩 Facciamo molta attenzione con questi strumenti chi ha i sintomi ed è malato dovrebbe rimanere a casa per sé e per gli altri, se ha un cuore e un cervello funzionanti....e lasciamo stare il tifo politico per favore....Covid_19

Quiz estrapolati da settimanali ,come dire : chi mi fa i tarocchi?

Positiva al Covid la fidanzata di Trump jr. La coppia in isolamentoKimberly Guilfoyle è la manager della campagna per la rielezione del presidente. Ex procuratrice distrettuale e ex conduttrice televisiva non ha avuto contatti diretti con Trump recentemente. È la terza persona infetta dell’entourage presidenziale Ah, Mario. Lo conosco. Voglio credere nella giustizia per una volta, speriamo l’abbia trasmesso al suocero🤔

Covid-19, ecco come e perché la Lombardia è stata travolta | Milena GabanelliUno studio scientifico di Niguarda e San Matteo individua l’ingresso di 4 ceppi differenti a metà gennaio, il più cattivo a Bergamo. L’ipotesi di arrivo dalla Germania su gomma Lo sappiamo a memoria..è diventato persino stucchevole. Grazie mille Grazie.Ecco perché è importante riorganizzare la sanità del territorio, finanziare la ricerca , potenziare informazione e prevenzione in tutti i luoghi di lavoro.Non siamo carne da macello. Repetita iuvant!

Blog | Track the recovery: le conseguenze del Covid-19 sull'economia Usa - Info DataIl lavoro di Raj Chetty dimostra come la scienza al servizio della politica possa offrire analisi puntuali e quantitative sulle conseguenze di una pandemia

Il covid-19 a scuola, l’anno zero dell’Europa - Il Fatto QuotidianoIl primo mezzo anno scolastico del dopoguerra (se non di sempre) si è da poco concluso o si sta concludendo un po’ in tutta Europa. Dappertutto – non solo in Italia – quello scolastico (almeno a livello temporale) è stato il settore più colpito dal lockdown. Dappertutto – non solo in Italia – si tentano … Quasi ovunque, tranne ove governano i vostri amicj

Blog | Scopri l'impatto del Covid-19 sulla mortalità nelle province europee - Info DataOltre al Nord Italia tra le altre zone più colpite ci sono la città di Madrid, Castilla-La Mancha, in Spagna, Haut-Rhin, Seine-Saint-Denis e Hauts-de-Seine

Anche in post-Covid per imprese fatturato in calo e riduzione domandaLeggi su Sky TG24 l'articolo Anche in post-Covid per imprese fatturato in calo e riduzione domanda Era prevedibile Ma dai Sarà perché non siamo nel post-Covid? 🙄