Lavoro

Lavoro

Netflix, vietato lamentarsi di capi e colleghi (alle spalle) - VanityFair.it

Attenzione, chi sparla dei colleghi può rischiare grosso: loro, per esempio, sono stati licenziati #Lavoro

25/07/2021 22.01.00

Attenzione, chi sparla dei colleghi può rischiare grosso: loro, per esempio, sono stati licenziati Lavoro

Tre dirigenti senior del marketing cinematografico dell’azienda sono stati licenziati proprio perché i capi hanno saputo delle loro lamentele su Slack

Monica CovielloUn’incomprensione, troppo carico di lavoro, la difficoltà a gestire lo stress: può capitare di lamentarsi di un collega o di un capo, vuotando il sacco con un altro collega, in grado di capire la situazione e di accettare lo sfogo. Attenzione a farlo, però, nell’

Letta a Sky TG24: 'Collettività non può pagare tamponi per i no vax' L'Italvolley maschile è campione d'Europa: Slovenia battuta 3-2. È bis dopo il trionfo delle donne - Il Fatto Quotidiano Elezioni in Russia, seggi chiusi. Il partito di Putin supera il 40%

era delle comunicazioni elettroniche.Tre dirigenti senior del marketing cinematografico di Netflix sono stati licenziati proprio perché i leader dell’azienda hanno saputo delle lorolamentele su Slack.Secondo l’Hollywood Reporter, i tre pensavano di scambiarsi messaggi privati, ma un altro dipendente ha scoperto «diversi mesi di questi messaggi» e li ha segnalati.

«Secondo le fonti», scrive la testata, il loro capo diretto, Jonathan Helfgot, che era una delle persone criticate, «era estremamenteriluttante a licenziarli per i loro commenti, sostenendo che è ovvio che i dipendenti si sfoghino e che tali terribili conseguenze non sono giustificate. Ma le fonti dicono che ha dovuto cedere alle pressioni dei superiori dell’azienda». headtopics.com

Pare che il problema non era che i dirigenti si fossero lamentati, ma che non fossero andati direttamente dalle persone che criticavano per discutere dei loro problemi. Il co-CEO di Netflix, Reed Hastings, notoriamente coltiva una cultura dellatrasparenza radicale

, e chiede ai dipendenti di «dire di qualcuno solo quello che gli diresti in faccia». L’obiettivo è garantire che tutti in azienda si comportino al più alto livello possibile. Nel libro di Hasting,«No Rules Rules», il suo coautore Erin Meyer spiega: «In Netflix, non parlare quando non si è d’accordo con un collega o tacere quando si ha un feedback che potrebbe essere utile, equivale a essere sleale nei confronti dell’azienda. Dopotutto,

potresti aiutare l’azienda, ma stai scegliendo di non farlo».Ma quando si tratta di criticare qualcuno che è al di sopra nella gerarchia? È naturale che le dinamiche di potere possano scoraggiare alcuni dipendenti. Hastings riconosce il problema nel suo libro, e dice che l’azienda cerca di affrontare le esitazioni istruendo i manager a sollecitare attivamente un feedback in regolari incontri individuali e ad usare un tono di voce riconoscente.

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

11 settembre, Biden ricorda le vittime: “L’unità è la nostra forza”

Leggi su Sky TG24 l'articolo 11 settembre, Biden ricorda le vittime degli attentati: “L’unità è la nostra forza”. VIDEO

Jill Biden, alle Olimpiadi in versione tifosa (con la divisa del Team USA) - VanityFair.itLa First Lady americana, al primo viaggio istituzionale senza il marito Joe, si è prima dedicata agli incontri di lavoro con il primo ministro e l’imperatore giapponese. Poi si è goduta le gare, tra nuoto e basket (ed è stata subito sfida con Emmanuel Macron)

Gismondi 1754: disegnatori di emozioni - VanityFair.itIncontro con Massimo Gismondi, rappresentante della settima generazione di una famiglia di grandi gioiellieri italiani. Il loro segreto? Anteporre i valori al business. E lavorare come si faceva una volta

La nuova foto di baby George e gli altri gossip della settimana - VanityFair.itTutti i gossip della settimana appena trascorsa. Foto, notizie, approfondimenti e indiscrezioni sulle vite dei personaggi famosi italiani e stranieri

Harry e Meghan Markle, che «hanno fretta di trasformare in dollari la loro popolarità» - VanityFair.itCome ha sottolineato all’«Express» l’esperta di reali Marlene Koenig, «i Sussex hanno capito che sono al culmine dell'attenzione mediatica e vogliono capitalizzare al massimo la loro attuale situazione». Un atteggiamento, questo, «molto americano: fare soldi subito»

Dolly Parton torna «coniglietta»: la copertina di Playboy (43 anni dopo) - VanityFair.itL’artista country, classe 1946, ha indossato un abito molto simile a quello che usò nel 1978 per un’indimenticabile cover. Il motivo? Fare gli auguri al marito Carl: «Pensa che io sia ancora una ragazza sexy, di certo non cercherò di dissuaderlo» Tanto

In Connecticut, nella villa in stile toscano di Mark Twain - VanityFair.itÈ in vendita l’ultima casa in cui visse lo scrittore statunitense noto con lo pseudonimo di Mark Twain. La richiesta? 4,2 milioni di dollari