Navalny e quel commento dopo la sentenza che resterà negli annali: “Avremo Vladimir l’Avvelenatore”

Navalny e quel commento dopo la sentenza che resterà negli annali: “Avremo Vladimir l’Avvelenatore”

02/02/2021 21.50.00

Navalny e quel commento dopo la sentenza che resterà negli annali: “Avremo Vladimir l’Avvelenatore”

L’oppositore numero uno di Putin dopo la sentenza cita “Alessandro il Liberatore” e “Yaroslav il Saggio”. Poi tuona: «Vogliono imprigionare una persona per spaventarne milioni»

19:02L’oppositore numero uno di Putin, Alexey Navalny, trascorrerà i prossimi due anni e mezzo in carcere. Con una sentenza da molti ritenuta di chiara matrice politica, un tribunale di Mosca ha accolto la richiesta del Servizio Penitenziario Federale di revocare al dissidente la condizionale concessagli per una vecchia e controversa condanna, già bocciata dalla Corte Europea dei diritti dell’Uomo, e fargli scontare la pena dietro le sbarre. Tre anni e mezzo in tutto, da cui però si sottrae il periodo trascorso ai domiciliari nell’ambito dello stesso caso.

Vietate le seconde domande Vaccino Covid, Draghi: “L’eterologa funziona, la farò anch’io” Ribery apre le porte del suo mega yacht

La sentenza è subito stata criticata dai governi di Usa e Gran Bretagna, che hanno chiesto l’immediato rilascio del principale trascinatore dei cortei anti-Putin degli ultimi anni, e lo staff di Navalny ha chiesto ai sostenitori del dissidente di protestare immediatamente in Piazza del Maneggio, nel cuore di Mosca e non lontano dal Cremlino. Negli ultimi due weekend decine di migliaia di persone in tutta la Russia hanno manifestato a favore di Navalny, ma la polizia ha soffocato le proteste a colpi di manganello e con ondate di arresti, oltre 5.600 solo domenica scorsa. Anche oggi ci sono state manifestazioni davanti al tribunale dove era in corso il processo, e la polizia ha trascinato nelle sue camionette almeno 370 dimostranti.

Le accuse rivolte a Navalny appaiono grottesche a molti osservatori: l’oppositore non si sarebbe presentato dal giudice di sorveglianza a Mosca nei mesi scorsi come previsto invece dai termini della libertà vigilata. Ma da fine agosto a metà gennaio Navalny era in Germania, dove è stato curato per un avvelenamento che ha fatto a lungo temere per la sua vita e per il quale i principali indiziati sono proprio i servizi segreti del Cremlino. L’oppositore è stato arrestato all’aeroporto Sheremetyevo di Mosca il 17 gennaio, cioè non appena ha rimesso piede in Russia dopo l’avvelenamento. Il trattamento riservato a Navalny dalle autorità russe è stato fermamente condannato da Ue e Usa, che hanno criticato anche la repressione delle manifestazioni a sostegno del blogger anticorruzione. Il dissidente ora rischia di restare a lungo dietro le sbarre: sul suo capo pendono infatti altre tre inchieste penali. headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Arrestatelo!!! Già fattoooo? Vuol far....(no l'americano), il Guaidó... Ma Voi sapete chi è veramente, veramente, veramente Navalny? Lo sapete sì o no? Se non lo sapete informatevi e documentatevi. Un cialtrone paraculo che ha cambiato maschera 77volte7. Fate pace col cervello. La dittatura in Russia la negano gli stessi che dicono che c'è in Cina.... veramente dei dementi

Putin l'avvelenatore..amico di Salvini.. Speriamo che da noi non condannino il sig.Salvini. Putin non è simpatico ma Navalny non è una gran alternativa, secondo me. deve fare proprio paura. Continua la russofobia de La Stampa Negli annali delle cagate...

La Cassazione «torna» alla tabella di MilanoAppena 10 giorni dopo la sentenza che «preferiva» la tabella di Roma, la Terza sezione torna a considerare lo storico riferimento nazionale

Capello: 'Attenti a questo Real'Capello: 'Attenti a questo Real, senza pressione la squadra è cresciuta molto'. VIDEO Dopo tutti gli aiuti che gli hanno dato questi vanno pure in finale

Campania, De Luca: di nuovo allarme contagi, serve Dad in tutte le scuoleLa decisione espressa dal governatore dopo la riunione dell'unità di crisi sulla situazione negli istituti scolastici MMmarco0

Il verdetto al processo per la morte di George Floyd è arrivatoDopo nove mesi dall'inizio del processo è stata emessa la sentenza per il processo a Derek Chauvin, il poliziotto che ha ucciso George Floyd.

La Casa Bianca: 'Navalny sia liberato e trattato umanamente' - Tgcom24La portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, ha ribadito che quello che capita in carcere all'oppositore del Cremlino Alexey Navalny 'è responsabilità del governo russo' e che 'il mondo ne chied...