Mille di questi dubbi - VanityFair.it

Ansia da controllo, cambiamenti e retromarce, un pizzico di narcisismo, ed ecco Louis Garrel, presto al cinema con tre film (senza dimenticare il suo lato snob, ci dice en passant la moglie...)

26/09/2021 13.30.00

Ansia da controllo, cambiamenti e retromarce, un pizzico di narcisismo, ed ecco Louis Garrel, presto al cinema con tre film (senza dimenticare il suo lato snob, ci dice en passant la moglie...)

Ansia da controllo, cambiamenti e retromarce, un pizzico di narcisismo, ed ecco Louis Garrel, presto al cinema con tre film (senza dimenticare il suo lato snob, ci dice en passant la moglie...)

The Crusade, terza prova da regista, vede coinvolti lui e la moglie Laetitia Casta con i rispettivi figli che, da degni esponenti della “generazione Greta”, spingono gli adulti a battersi per un futuro più equo e più green. Nel dramma in costume

Bologna-Milan LIVE I monoclonali rischiano di marcire nei frigo: in sette mesi usate solo 12mila dosi su 80mila. La Lombardia ne 'smaltisce' 5200 in Romania - Il Fatto Quotidiano No Green pass, migliaia in centro a Milano: corteo verso piazzale Loreto, traffico bloccato

TheStory of my Wife, di Ildikó Enyedi, invece, Louis sarà l’amico dandy di Léa Seydoux in una Parigi d’inizio Novecento.Infine, inOur Men di Rachel Lang, ambientato ai giorni nostri in una base militare in Corsica, diventa un tenente della Legione Straniera che cerca di combattere il sistema dall’interno: «Non ho mai fatto niente di simile in vita mia e non so che cosa significhi vivere con la morte davanti a sé, come nel caso dei militari. Non so nemmeno fare a pugni e non ho mai fatto il servizio militare».

Però la regista Rachel Lang ha scelto proprio lei.«La prima domanda che le ho fatto è stata: “Ma perché vuoi fare un film sull’esercito?”. Ho scoperto che a 19 anni è stata militare e ha avuto un’esperienza molto personale al riguardo. Sa che cosa significa essere un soldato e soprattutto conosce le relazioni che i militari hanno con le fidanzate e mogli che restano a casa. Mi ero immaginato un lavoro più documentaristico, poi quando mi ha parlato della storia di queste due coppie ho capito che era un progetto più interessante». headtopics.com

Lei non ha fatto il servizio militare.«Contemplare l’eventualità di ammazzare qualcuno mi fa una paura tremenda, che non voglio provare».La morte le fa paura?«C’è un filosofo, Pascal, che dice che il solo parlarne è già un’angoscia. Magari se sei buddista da quarant’anni non hai paura della morte…».

Si prepara in qualche modo, medita sull’impermanenza delle cose?«No, non conosco e non mi dedico a pratiche del genere. Però, per tornare al film, per essere credibile come uomo che si arruola nell’esercito ho frequantato per quattro mesi una palestra cinque volte alla settimana».

L’esercizio fisico ha cambiato la percezione di se stesso?«La percezione di me non è cambiata, il resto sì. Ho bisogno di allontanarmi da me stesso per fare bene il mio lavoro, e ogni mezzo è buono».Essere ritratto dall’occhio di un fotografo le piace?

«Mi ha sempre infastidito, la messa in scena non fa per me. Il mio è un lavoro molto narcisistico, meglio stabilire un limite».Mi dica un suo difetto.«Parlo male l’italiano, soprattutto di mattina, dopo essere stato a una festa la notte prima». headtopics.com

VIDEO. Bologna-Milan, Mihajlovic sente di aver vinto Covid, Austria: lockdown per i non vaccinati se la situazione peggiora 22/28 ottobre 2021 • Numero 1432

Laetitia dice che quando lei si prepara a girare un film diventa matto e dice cose assurde: essere nato e cresciuto nell’ambiente del cinema non la rassicura?«Girare un film mi fa venire l’ansia di non potere avere il controllo su tutto. Prima delle riprese, parti con un’idea; poi la realtà ti mette davanti a cose da sacrificare. Il sogno con cui parti va spesso ridimensionato o cambiato».

L’esperienza l’ha migliorata?«Ho dovuto comprendere che le responsabilità, in un lavoro di gruppo, vanno divise e che ognuno deve portarne un pezzettino sulle proprie spalle. Controllare tutto peggiora il risultato, diciamo che in questo senso sì, sono migliorato».

Parlando del suo nuovo film, The Crusade: com’è andata con sua moglie?«Non ne ho idea, ci sono così tante cose di noi che non conosciamo davvero… Per questo poi facciamo i film, per comprendere».Appunto, com’è andata sul set?«Al lavoro siamo completamente diversi rispetto alla nostra dimensione privata. Il set cambia tutto, Laetitia si preoccupa di non essere all’altezza delle mie aspettative, nel frattempo io raggiungo il culmine della mia ansia (ride, ndr)».

Sua moglie mi ha detto che avrebbe voluto averla come attore nel suo primo film da regista, ma lei ha gentilmente declinato l’invito.«Davvero?».E quando le ho chiesto quale fosse il motivo del suo rifiuto, non ha esitato un attimo: «Louis è veramente snob!». headtopics.com

(Ride, ndr) «Non è vero, non sono snob».È contento di come è venuto questo film, la vostra «favola verde»?«Sì, perché il tema era molto importante, riguarda un cambio di direzione necessario per salvare il pianeta. Volevo alleggerirlo con i toni della commedia e quando alla serata di gala ho sentito che in sala ridevano tutti, ero molto contento. Abbiamo bisogno di leggerezza».

Soffre d’insonnia?«Spesso non riesco a dormire, ma mi piacciono quei momenti notturni, quel tempo in cui non si fa nulla, mentre durante il giorno ci viene sempre chiesto di fare qualcosa. Io fra l’altro procrastino molto, rimando tutto a più tardi, e mi sento in colpa per questo».

Sfogo di Mou in conferenza prima del Napoli Lazio, Mussolini jr convocato: il pronipote del Duce e figlio di Alessandra va a Verona Suicidio assistito, anche l'Austria più veloce dell'Italia: dal 2022 in vigore la nuova legge - Il Fatto Quotidiano

Che cosa ha detestato di più del suo mondo, fino a ora?«L’essere usato per vendere, non importa quali prodotti, è stato il motivo per cui a un certo punto ho smesso di lavorare. Quando sono tornato al cinema, ho capito molte cose. Il mio è un lavoro utile, aiuta a comprendere tanti aspetti della vita e rende il mondo più bello».

Aveva anche smesso di rilasciare interviste.«Ero confuso, avevo perso il filo di quello che stavo facendo. A volte ci spaventiamo quando ci vediamo dipendenti da Internet, dai tweet, da una sigaretta prima ancora del caffè. E ogni tipo di crisi porta ansia, l’ansia di essere cacciati, di essere fuori dai giochi. Con il conseguente bisogno di dimostrare che si sa quello che si fa».

Al momento è sul set dei Tre moschettieri, di Martin Bourboulon, nei panni di Luigi XIII. Che visione ha di un re?«Il re è colui che dopo la cena non lava i piatti».Tutto qui?«Non occuparsi delle stoviglie non è un piccolo dettaglio, dal mio punto di vista».

Sì, ma che animo ha un re?«Il mio governa un Paese senza essere stato eletto, deve far credere a tutti di avere potere ma nel suo intimo vive un complesso di legittimità. Deve fare più fatica degli altri».Sta girando anche L’Envol, con un autore di talento come Pietro Marcello.

«È una favola piena di sogni, in cui sono un ragazzo che incontra una ragazzina. Li vediamo crescere e poi perdersi di vista, per poi incontrarsi di nuovo più avanti. Pietro lavora come un pittore, cambia tutto in continuazione. Ho deciso semplicemente di seguirlo, rinunciando a capire tutto».

Ma alla fine quale ruolo ha, davvero, un attore?«Quello di chi si sacrifica per gli altri in una specie di catarsi. Recitare è contattare qualcosa che abbiamo dentro per farla vivere in chi ci sta guardando». Leggi di più: Vanity Fair Italia »

Green pass, a Roma 12 arresti: anche vertici di Forza Nuova

Leggi su Sky TG24 l'articolo Green pass, a Roma 12 arresti: anche vertici di Forza Nuova

Nuove borse in edizione limitata per Louis Vuitton inverno 2021 I iODonnaModa e arte per le nuove borse in edizione limitata di Louis Vuitton

Nel mondo di Dua Lipa e di Versace i capelli lunghi si portano così - VanityFair.itNel Dua Lipa's World i capelli vanno «alla Cher» e Donatella Versace portandoli in passerella alla Milano Fashion week ha sancito il trend: se lunghi devono essere allora che siano «extreme and liquid hair»

Sfilate di Milano Primavera-estate 2022: le scarpe più belle - VanityFair.itQuali saranno le It-shoes della prossima stagione? Scopriamolo giorno dopo giorno, stilista dopo stilista alle sfilate milanesi

Quarant’anni di Emporio Armani in mostra - VanityFair.it«The Way We Are», ospitata presso gli spazi di Armani Silos a Milano fino al 6 febbraio 2022, è un tuffo nell'essenza più vera del marchio. Gigantografie, abiti, accessori, video e contenuti tracciano il percorso in cui lo spettatore è destinatario e insieme protagonista del viaggio

«Coat to Coat», il servizio moda di Vanity Fair - VanityFair.itIn pelle o lana, corto o longuette, doppiopetto o con maniche a kimono: quattordici variazioni sul tema cappotto. E una sola protagonista: la top model Anna Cleveland

Ipercolesterolemia Familiare Omozigote: la storia di Valentina, in cura da quando aveva 1 anno - VanityFair.itIl 24 settembre ricorre la Giornata Mondiale dell’Ipercolesterolemia familiare omozigote, una malattia del sangue. Sapete di cosa si tratta? Ecco il nostro approfondimento e il racconto di una paziente