Milan: trovato l’accordo sulla riduzione degli stipendi dei calciatori

Milan, trovato accordo sulla riduzione degli stipendi dei calciatori

11/06/2020 02.29.00

Milan, trovato accordo sulla riduzione degli stipendi dei calciatori

Accolta la proposta dei giocatori, con i componenti della rosa rossonera che rinunceranno soltanto al 50% della mensilità di aprile

EmailUn faccia a faccia di quarantacinque minuti. Onesto, sincero, diretto. Tosto. Senza sconti. Da una parte il Milan inteso come squadra, dall’altra il Milan inteso come club, dirigenza, proprietà, vale a dire l’a.d.Ivan Gazidis. In mezzo, i mille quesiti rimasti in sospeso in questi mesi: gli scenari, il futuro, i progetti, il ruolo di Maldini, di Pioli, di molti dei giocatori in rosa. Il Milan che è e che verrà, insomma. I toni sono rimasti sempre corretti, mai sopra le righe, ma il confronto è stato diretto, senza perifrasi. Appassionato, l’ha definito chi c’era. Tant’è che l’incontro è andato per le lunghe: doveva durare 10-15 minuti, si è arrivati a 45. L’occasione era la questione dell’accordo sugli stipendi per la vicenda Covid. La squadra rinuncerà al 50% della mensilità di aprile. Una soluzione oggettivamente vantaggiosa rispetto ad alti club, dove il taglio è stato più robusto. In sostanza Elliott ha accettato in pieno la proposta formulata sette giorni fa dai giocatori.

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Billionaire, le carte dell'inchiesta sul focolaio Covid: mascherine vietate, sintomi e contagi ignorati. Mentre Briatore (non indagato) attaccava i virologi e il sindaco 'grillino' - Il Fatto Quotidiano Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti

Archiviato il dossier ingaggi, la discussione è passata su altro. E si è accesa, com’era normale che fosse. A parlare in nome e per conto della squadra erano in cinque:Ibrahimovic, Romagnoli, Begovich, Biglia e Bonaventura. I vecchi, almeno anagraficamente parlando. Che non hanno nascosto i malumori del gruppo e hanno chiesto a Gazidis chiarimenti sulle tante, troppe incertezze che da mesi assediano il Milan. Le voci su Rangnick come nuovo allenatore, il destino del d.t. Maldini, i contratti dei molti giocatori in scadenza. Il più acceso, anche se forse specificarlo non serve nemmeno, era Ibra. Il quale, con la schiettezza che gli appartiene, ha detto la sua: 1) non c’è un progetto; 2) se resta, è solo per passione; 3) il suo vecchio Milan era un’altra cosa.

La replica di Gazidis, assicurano i presenti, è stata però lucida e a tono. Prima di tutto ha assicurato che, come chiedono i giocatori, sarà più presente. Poi ha precisato che sull’allenatore nulla è stato deciso:Piolisi giocherà le sue chance in queste ultime 12 partite. Solo poi si valuterà. Il club vuole prima avere il quadro completo. Gazidis ha ribadito che tutti in questo mese e mezzo finale di stagione sono sotto esame. Incluso se stesso. Poi ha rimarcato con forza quali sono gli obiettivi della proprietà, vale a dire la valorizzazione del club anche attraverso il progetto stadio. E ha quindi sottolineato l’importanza dell’immediato ritorno in Europa. headtopics.com

Insomma: è stato un faccia a faccia vero. Inevitabile, quanto necessario. Troppi gli enigmi sospesi, troppi quei tre mesi di voci e di indiscrezioni mai confermate. Chiaro, 45 minuti di confronto, per quanto onesto, non basteranno a risolvere i mille problemi che da anni condannano il Milan. A lasciare dubbi sono più che altro le tempistiche: perché proprio ieri a 48 ore dalla semifinale di Coppa Italia con la Juve che per il Diavolo sa di ultima spiaggia?

10 giugno 2020 (modifica il 10 giugno 2020 | 22:56) Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

interessi cinesi .. milano terzo mondo Guarda caso ogni volta che incontriamo la Juventus, viene fuori qualche attrito, qualche voce dallo spogliatoio, qualche ricostruzione romanzata... E parte sempre da Di Stefano. Ripeto: Guarda caso.

'Ndrangheta e gestione rifiuti: 13 indagati a Reggio Calabria - Il Sole 24 OREMilano, 9 giu. (askanews) - Bufera sulla società che si occupa della gestione dei rifiuti a Reggio Calabria, oltre che della rete stradale della... CAMBI LA REGIONE E IN TOSCANA =

Torino, ucciso a colpi pistola: trovato legato e imbavagliatoLeggi su Sky TG24 l'articolo Torino, ucciso a colpi pistola: trovato legato e imbavagliato

Torino, consulente finanziario ucciso con 5 colpi di pistola nella sua auto: trovato legato e imbavagliato sulla collina di Moncalieri - Il Fatto QuotidianoLegato, imbavagliato e ucciso con 5 colpi di pistola. È stato ritrovato così dentro la sua auto, sulle colline di Moncalieri, vicino a Torino, un consulente finanziario. I carabinieri hanno rinvenuto il cadavere dell’uomo, 60 anni, poco prima della mezzanotte. Dai primi rilievi dei militari della scientifica del Nucleo investigativo del comando provinciale, l’uomo è …

Un maiale e un cane cresciuti sempre insieme hanno trovato la casa dei loro sogni dopo la morte del proprietarioAmici per la pelle. Una femmina di maiale e di Pit Bull sono cresciuti insieme. Ma quel rapporto rischiava di essere interrotto dopo che il loro proprietario era morto: difficilmente infatti i due animali avrebbero trovato una famiglia disposta ad accoglierli in coppia e a garantirgli la vita «da principesse» ... fulviocerutti ❤❤❤❤❤ fulviocerutti Pensare che gli 'umani' continuano ad essere razzisti...meditare su queste 'sorelle' di specie diverse.

Sanità territoriale, la trincea travolta dal covid. Medici di base isolati, assistenza domiciliare trascurata e assenza di presìdi: cosa ancora non funziona in Lombardia - Il Fatto QuotidianoPrima isolata e impoverita, ora invocata per arginare nuove tragedie. Lo tsunami coronavirus era imprevedibile, ma c’è una trincea che è stata travolta e da lì si chiede di ripartire: la medicina territoriale. Sull’annuncio sono tutti d’accordo, eppure la risposta è diversa a seconda delle Regioni. Perché se in Emilia-Romagna, Toscana e (in parte) in … HANNO PERFETTAMENTE RAGIONE VANNO PROTETTI E BEN PAGATI l’assassinio volevate dire .... Ma protezioni da cosa? TirnRe a fare i medici non a scrivere solo ricette e assumetevi il rischio per cui avete fatto giuramento di ippocrate

In due fermati ad Arezzo con l'orologio di CastillejoLa storia su Instagram dell'attaccante del Milan I soliti trasfertisti Come sempre accade derubano una persona famosa e in due giorni già trovano chi è stato perché se vogliono trovano chiunque..Ma se invece rubavano lo stesso orologio a uno non famoso non lo trovavano mai..