Mes, Laura Castelli: «Noi abbiamo fiducia nel capo del governo. Ora dice che non serve»

La viceministra dell’Economia: si decide a settembre

30/06/2020 00.34.00

«Sul Mes abbiamo fiducia nel premierOra dice che non serve»

La viceministra dell’Economia: si decide a settembre

Ovvero?«Abbiamo messo l’Europa nelle condizioni di tornare a fare l’Europa, cioè una comunità solidale. Sul Mes abbiamo fiducia nelle parole del Presidente Conte, che ad oggi ha detto che non serve».Conte ha detto che deciderà il Parlamento. A luglio o a settembre?

La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano Cane con una zampa paralizzata sopravvive a una vita di stenti in mezzo all’indifferenza più totale

«A settembre scriveremo la legge di Bilancio, è quello il momento di capire che fare».Secondo lei, il Pd si sta comportando in modo leale o lavora per costruire maggioranze diverse?«Ci fidiamo reciprocamente, comunque in questa fase è difficile ipotizzare un Governo senza il Movimento».

I 10 punti indicati da Zingaretti per rafforzare la Sanità richiedono molte risorse. Come fare senza il Mes?«Per rimettere in piedi la Sanità servono più dei 10 punti indicati da Zingaretti. Da quando siamo al Governo è stata finanziata a discapito dei tagli subiti negli anni precedenti, adesso dobbiamo spendere anche i soldi fermi, come quelli dell’Inail per l’edilizia sanitaria. Questa crisi, anche per la Sanità, è stata utilizzata come occasione di ripartenza, continueremo a lavorare perché nella manovra si prosegua». headtopics.com

Volete aumentare il deficit di altri 20 miliardi, ma non serviranno per la Sanità.«Solo negli ultimi mesi sono stati stanziati più di 5 miliardi per potenziare la medicina territoriale, stabilizzare il personale sanitario, realizzare terapie intensive. Ora però dobbiamo anche far ripartire il Paese, e serve aiutare ulteriormente le imprese. A giugno abbiamo cancellato l’Irap, adesso va abbassato il costo del lavoro. Da luglio 16 milioni di italiani si troveranno una busta paga più corposa, ora serve una decontribuzione per le aziende».

Le opposizioni dicono che se non sarà dato loro ascolto non voteranno il nuovo aumento del deficit.«Non è il momento per giocare a rialzo, noi vogliamo abbassare le tasse. Mi sembra difficile che le opposizioni possano dire di no ad una seria riduzione del cuneo fiscale per aiutare le aziende ad offrire lavoro, oppure ai finanziamenti per i Comuni, che altrimenti rischiano di non poter erogare più i servizi essenziali, o alle risorse che servono per riaprire le scuole al 14 settembre o a un sostegno importante alla filiera del turismo».

Lei spesso ripete che intanto si potrebbero spendere i 127 miliardi già stanziati per opere varie. Ma se finora non ci è riuscito nessuno come pensate di farcela voi?«Perché lo vogliamo veramente, e non è più rinviabile. Nel decreto legge Semplificazioni entreranno molte di queste norme. Su questo sono caparbia. Ci saranno misure che, ispirandosi al modello Genova, saranno in grado di sbloccare velocemente, opere già finanziate. Con il viceministro Cancelleri abbiamo fatto un grande lavoro su questo».

Il decreto Rilancio verrà approvato con aggiustamenti al margine e col solito ricorso al voto di fiducia. Ormai il Parlamento è sempre più ridotto a un ruolo notarile. Questo è in contraddizione con le storiche battaglie del Movimento contro la decretazione d’urgenza. headtopics.com

Djokovic regala la racchetta al piccolo tifoso: «Mi incitava e mi dava consigli tattici» Auto elettrica, la rivoluzione è partita. Presto diremo addio al motore termico Elisabetta Sgarbi: «Sento i fantasmi di papà e mamma. La Milanesiana per Battiato»

«Sono molto contenta del lavoro che stiamo facendo in Parlamento, stiamo approvando norme migliorative che vanno dal sostegno agli studenti fuori sede o alle risorse per i Comuni che sono più in difficoltà. Sono convinta che dal confronto con chi rappresenta e ascolta il territorio possano uscire soluzioni e provvedimenti importanti, per questo ci passo molto tempo».

29 giugno 2020 (modifica il 29 giugno 2020 | 22:19) Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Questa è una cogliona ignorante che forse a malapena si ricorda la tabellina del 2 e Grillo ce l’ha messa al governo ( grazie ai voti delle pecore italiane che han votato 5S!) Ba. Na. Na! ma che cazzo capisci ..ovviamente non avrà spiegato nulla..solita logorrea senza nessun construtto..grandi proclami, progetti, ripetitività ma nessun programma di sviluppo, dettagliatamente specificato..

Finché siamo nella mani di costei,siamo praticamente fottuti! Questo lo dice lei (cit)

Quanti soldi andrebbero a ogni Regione, con il Mes?Alla Lombardia 6, al Veneto 3. Il governo ora cerca un asse con i governatori leghisti. Nel Pd si pensa che a un certo punto Zaia chiederà al governo di rompere gli indugi Quanti poi ne dovremmo restituire facendo le riforme capestro e portandoci la Troika in casa ? Basta propaganda pro PD vomito di capra 🐐 ma perché vi coprite così tanto di ridicolo? Perché?

Con il Mes più credibili in Ue«Sul Mes decide l’Italia». Questa è stata la reazione (piccata) del premier Giuseppe Conte all’intervista che Angela Merkel ha dato a diversi quotidiani europei. In un passaggio, la Cancelliera spiega che strumenti come il Mes «sono stati creati e non dovrebbero restare inutilizzati». La leader tedesca non intende né rivolgersi a un Paese in particolare né – certamente – dare un consiglio su come gestire le politiche fiscali nazionali. Ha semplicemente spiegato che a fronte di una crisi straordinaria servono risorse straordinarie, per questo, l’Europa ha messo in campo finanziamenti senza precedenti che dovrebbero essere usati da tutti. Nessun leader dell’Unione ha reagito a un’affermazione tanto ovvia quanto veritiera. Solo Conte si è sentito in dovere di rispondere. Con un’altra ovvietà: «A fare i conti in Italia sono solo io». È chiaro che Angela Merkel non aspira a gestire i conti italiani. Il suo messaggio è un altro. L’Europa in questa crisi si è mossa molto velocemente mettendo a disposizione diversi strumenti. Alcuni possono essere usati nell’immediato per far fronte alla fase d’emergenza, altri strumenti saranno disponibili dal prossimo anno e dovranno essere usati per la fase di ricostruzione. I primi ammontano a circa 570 miliardi di prestiti da destinare all’occupazione con il fondo Support to Mitigate Unemployment Risks in an Emergency (Sure), alla sanità con il Meccanismo europeo di Stabilità (Mes) e ai progetti delle piccole e medie imprese con il ricorso alla Banca europea degli investimenti (Bei). I suddetti finanziamenti sono già disponibili e la Merkel si augura che vengano adoperati proprio dai Paesi che più sono stati colpiti dalla crisi come la Spagna e l’Italia. I secondi sono definiti nel programma Next Generation Eu. Si tratta di ulteriori 750 miliardi di euro. Il negoziato è in corso. Sarà la leader tedesca a guidarlo a partire dal primo luglio quando inizierà la presidenza dell’Unione. Dovrà convincere i quattro Paesi frugali (Olanda, Aust Tra “prenderlo” e “non rifiutarlo”

Mes, tutti i pro e contro del nuovo europrestito anti-pandemiaEcco un vademedum sul prestito pandemico del Meccanismo europeo di stabilità (Mes) disponibile dal 1° giugno per importo pari al 2% del Pil del Paese richiedente (ma anche più) a tasso fisso e durata fino a 10 anni

Il monito di Merkel accende il match sul Mes. Salvini e Meloni attaccano: “È una trappola”Baretta: «La Cancelliera ha ragione». Il leader leghista: «Se la Germania fa il tifo vuol dire che è una fregatura» Merkel è quella ragionevole. Gli altri fanno propaganda. Non ci vuole un genio per capire che alla Germania farebbe comodo un’Italia in ginocchio causa MES... Ma a non ne sono ancora convinti. O puntano a ricevere una croce di ferro tedesca, oppure non ci arrivano. secondo me agli Agnelli (Proprietari de la Stampa) interessa solo il denaro fresco che arriverebbe , cosi' ancora una volta ricatterebbe il governo con i posti di lavoro in cambio di soldi , come ha sempre fatto in questi 50 anni !

Mes: M5s, nostra posizione non cambia. Pressing Pd, posizione miope. Basta tergiversare - PoliticaPatuanelli: 'La posizione del M5s non cambia sul Mes'. La replica del Pd: 'Miopi ed ideologici' ANSA Amarezza per Pd Zingaretti per ragioni strumentali di politica interna è l'unico partito europeo a volere il Mes soltanto per mettere all'angolo M5s Conte trovando sponda nel cdx. Solo in Italia si fanno corse per usare strumento che provocherebbe speculazioni mercati Un altro cazzaro con la memoria corta. Si è scordato come ha ridotto la sanità laziale con la chiusura di ospedali e la cancellazione di migliaia di posti letto.

Scandalo pedofilia in Germania: «Inchiesta con 30mila sospettati»Il ministro della Giustizia del Land parla delle indagini e dice: «È ora che gli autori di questi crimini escano dall’anonimato». 🤬🤬🤬 Scommettiamo che molti di questi scendono in piazza a favore delle battaglie politically correct? Crucchi brava gente...