Giornalismo, David Randall, Giovanni De Mauro, Giornalisti, Randall, Morto, Morte

Giornalismo, David Randall

Mentore

David Randall è stato un consigliere, una guida generosa per generazioni di giornalisti, britannici e non solo. È morto com’è vissuto, scrivendo. L’editoriale di Giovanni De Mauro.

22/07/2021 16.41.00

David Randall è stato un consigliere, una guida generosa per generazioni di giornalisti, britannici e non solo. È morto com’è vissuto, scrivendo. L’editoriale di Giovanni De Mauro .

Chi legge Internazionale ha cominciato a conoscerlo quasi vent’anni fa: era uno straordinario giornalista, curioso e sempre pieno di consigli. David Randall è morto com’è vissuto, scrivendo. Leggi

(Francesco Alesi)22 luglio 2021 15:00David Randall è morto com’è vissuto, scrivendo, mentre lavorava alla nuova edizione del suo ultimo libro,Suburbia. Era a casa nel Surrey, in Inghilterra, e la mattina del 15 luglio ha avuto un infarto. Aveva settant’anni.

Virologi in tv solo se autorizzati, Bassetti: no al bavaglio ai medici La Trattativa c'è stata ma per i giudici dell'Appello non costituisce reato: condannati solo i boss Bagarella e Cinà. Assolti i politici e i carabinieri da Dell'Utri a Mori - Il Fatto Quotidiano Roma, Conte interrotto dai contestatori: 'Andate al banchetto della Lega qui vicino e chiedete dei 49 milioni' - Il Fatto Quotidiano

Era una persona davvero speciale, professionalmente e umanamente. Chi legge Internazionale ha cominciato a conoscerlo quasi vent’anni fa: la sua prima column era uscita nel numero del 7 marzo 2003 e spiegava come il web, all’epoca ancora giovane, stesse per trasformare la stampa.

Randall era uno straordinario giornalista, un uomo di “macchina”, come si dice in gergo, di quelli che dietro le quinte mandano avanti intere redazioni. Ma le sue doti si estendevano alla scrittura, sempre brillante e asciutta.Poi era un teorico dei mezzi d’informazione: ragionava molto, e spesso in modo critico, sul suo mestiere. Ha scritto un libro fondamentale, headtopics.com

Il giornalista quasi perfetto, tradotto in Italia da Laterza, un testo che chiunque abbia voglia di fare il cronista dovrebbe leggere.Le sue riflessioni non si esaurivano negli articoli o nei saggi. Perché Randall era anche un bravo insegnante. Nel corso degli anni aveva tenuto lezioni in giro per il mondo e le tante persone che hanno avuto la fortuna di seguire uno dei suoi workshop al festival di Internazionale a Ferrara ricordano quanto fosse acuto e divertente.

Randall, infine, è stato un mentore, un consigliere, una guida generosa per generazioni di giornalisti, britannici e non solo. Era a lui che ci si rivolgeva per un parere su un nuovo progetto o per un suggerimento professionale. Aveva una rara sensibilità, era curioso, ascoltava i suoi interlocutori con attenzione e sapeva sempre trovare le parole giuste, utili, mai banali.

John Mullin, del Telegraph, lo ha ricordato così: “Non c’è giornale al mondo che con lui non sarebbe stato migliore”. Leggi di più: Internazionale »

11 settembre, Biden ricorda le vittime: “L’unità è la nostra forza”

Leggi su Sky TG24 l'articolo 11 settembre, Biden ricorda le vittime degli attentati: “L’unità è la nostra forza”. VIDEO

Robin Williams avrebbe compiuto 70 anni oggi: i ruoli indimenticabiliProtagonista del piccolo e del grande schermo da Mork al professore-mentore di 'Will Hunting - Genio Ribelle' che gli valse l'Oscar, era nato a Chicago il 21 luglio 1951 🙏🙏🙏💚 Unico... 💔capitano , mio capitano 💔