Meloni e Salvini, due alleati troppo simili per non essere rivali. Storia di una lite infinita (dietro gli abbracci)

Meloni e Salvini, troppo simili per non essere rivali. Storia di una lite infinita (dietro gli abbracci)

24/10/2021 00.41.00

Meloni e Salvini, troppo simili per non essere rivali. Storia di una lite infinita (dietro gli abbracci)

La competizione per la guida del centrodestra tra i due leader che umanamente non si sono quasi mai sopportati

Tutto è cominciato quando i due «allievi» (copyright Silvio Berlusconi) si sono impadroniti della classe del centrodestra approfittando dell’assenza del professore(sempre Berlusconi), privo dell’agibilità politica dopo la conferma della condanna in Cassazione. Qualche mese dopo quell’estate del 2013, eccoli insieme, Salvini&Meloni, a posare la prima pietra di una possibile «cosa nero-verde», sinergia tra Lega e Fratelli d’Italia, che avrebbe dovuto trasformare il centrodestra in destra-destra, liquidare il berlusconismo e fare concorrenza al M5S.

Il dentista con il braccio in silicone in tv da Giletti: “Volevo solo provocare, sapevo che mi avrebbero beccato. E mi sono vaccinato il giorno dopo” Conte: 'Stipendio da leader M5s? Sono vari mesi che non prendo una lira, sono in aspettativa dall'università e ho rinunciato a fare l'avvocato' - Il Fatto Quotidiano Standard Ethics: Juventus «non conforme» ai criteri Esg

L’ambizione del piano si arena sulla reciproca antipatia e sul fatto che, in fondo, una leadership sola è poca quando ad ambirci sono in due.Troppo simili, poi, Meloni e Salvini: giovane lei e giovane lui, da una vita in politica lei e lui, pugno di ferro lei e pure lui, un consigliere esperto lei (

Ignazio La Russa) e uno lui (Giancarlo Giorgetti), forti sui social lei e lui, piazze piene sia lei che lui, tono di voce alto entrambi e persino la contingenza di aver liquidato i rispettivi padrini politici senza troppi ripensamenti (Gianfranco Fini e Umberto Bossi headtopics.com

). Una sera d’inverno che finiscono a cena conMarine Le Penall’Harry’s Bar di Roma, al momento del pianobar, Meloni finisce cantando a squarciagola con la numero uno dell’allora Front National i pezzi di Edith Piaf, dopo aver conversato amabilmente in francese per tutta la sera «perché ho studiato lingue»; Salvini, invece, era innervosito dalla circostanza di doversi rivolgere «all’amica Marine» attraverso l’interprete, circostanza che lo staff di Fratelli d’Italia aveva spifferato fuori dal locale.

«Vorrei Meloni sindaca di Roma», diceva sempre Salvini, che l’ha sostenuta nella corsa al Campidoglio del 2016dopo aver accarezzato l’idea di appoggiare Alfio Marchini, di fatto dilapidando tempo e punti nei sondaggi. Il resto sono sorpassi e controsorpassi nei sondaggi, guerre per chi è più moderato o radicale, più di destra o meno di destra a seconda del momento, come in quei vecchi cartoni animati in cui due si inseguivano talmente tanto da non capire chi, di volta in volta, seguiva l’altro. Come Willy il Coyote e Beep Beep, o Tom e Jerry, o tutte le guerre tra simili che certe volte si sciolgono in un grande abbraccio a uso e consumo dei fotografi. Tra parenti serpenti e fratelli coltelli, nella fiction e nella realtà, usa così.

23 ottobre 2021 (modifica il 23 ottobre 2021 | 20:21) Leggi di più: Corriere della Sera »

Centrodestra, Salvini all'opposizione su Pass e quota 100. E attacca MeloniIl leader della Lega: 'Resto a fianco dei lavoratori contrari al certificato'. L'audio rubato sulla presidente di FdI: 'Fa opposizione solo …

Selena Gomez si è presa una pausa dai social e questo le ha cambiato la vita«Mi sono ritrovata in un punto – ha spiegato – in cui leggevo e vedevo costantemente cose su di me». In effetti non deve essere una bella sensazione...

Forza Italia, Brunetta unisce gli anti- sovranisti: 'A noi la guida del centrodestra'Gelmini: 'Non dobbiamo farci schiacciare da Lega e FdI'. Salvini: 'Bizzarro pensare di fare a meno di due forze che valgono il 40%' A loro, così, per diritto divino. Pericolosissimo Paura!indietro tutta

Le donne dell'Astrazione, la mostra di centodieci artiste arriva al Guggenheim di BilbaoUna mostra straordinaria riscopre il talento di centodieci artiste, finora invisibili per la storia dell'arte, e si interroga sui rapporti tra creatività e femminismo

L'atto istitutivo del trust, anche autodichiarato, è sempre tassato in misura fissaLa Suprema Corte conferma che per tutti i tipi di trust l'atto istitutivo e quello di dotazione non sottendono un incremento patrimoniale del trustee né una sua maggior capacità contributiva

Torino-Genoa 3-2: Sanabria, Pobega e Brekalo in gol. Juric riparte dopo 2 koIn vantaggio di due reti dopo un primo tempo dominato, i granata rischiano nella ripresa ma Destro e Caicedo non bastano agli uomini di Ballardini