Meghan, la regina e i 4 punti che saranno più dibattuti - VanityFair.it

E dopo quello dell’indignazione, inizia il momento delle inchieste e delle indagini

11/03/2021 16.31.00

E dopo quello dell’indignazione, inizia il momento delle inchieste e delle indagini

Elisabetta annuncia un'inchiesta interna e parla di «ricostruzioni divergenti». Tra una legge di 100 anni fa e Scotland Yard, ecco i punti che saranno più dibattuti

1917 Giorgio V, per evitare la proliferazione di titoli e salvaguardarne «l’esclusività», stabilì che a diventare automaticamente principi fossero soltanto i nipoti diretti del sovrano regnante e i discendenti per linea diretta al trono, come il piccolo George (la Regina ha dato il titolo di altezza reale anche ai due fratelli di George ma solo perché sono figli del futuro monarca William, cosa che Archie non è). Archie, essendo bisnipote di Elisabetta e non nipote, diventerà principe non appena suo nonno Carlo diventerà Re, e non prima, come previsto dalla legge.

Il Fatto di Domani del 15 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Bari, è gravissimo il quadro clinico del 54enne in Rianimazione: ischemia dopo il vaccino J&J - Il Fatto Quotidiano Alberto Sordi, nuovo omaggio a 'Il marchese del Grillo': il murale nel quartiere di Roma Garbatella

Meghan eHarrysi dicono convinti che qualcuno in futuro avrebbe cambiato i protocolli, in modo da escludere Archie. I due non offrono virgolettati né i nomi di chi avrebbe detto cose simili, ed è anche a questo episodio che la Regina si riferiva quando parlava di «ricostruzioni divergenti». È risaputa da tempo, fanno notare gli esperti di cose reali, la volontà di Carlo di

«ridimensionare»la famiglia reale e la proliferazioni di titoli, così come aveva fatto 100 anni il suo antenato Giorgio V.2) LA SICUREZZA NEGATA AL PICCOLO ARCHIEQuando le viene chiesto se avere un figlio principe sia così importante per lei, Meghan risponde no. La sua vera preoccupazione, dice, è che Archie – senza il titolo – non avrebbe ricevuto la sicurezza riservata tradizionalmente ai reali. headtopics.com

I due fatti,, non sono necessariamente collegati. L’assegnazione di un apparato di sicurezza non deriva automaticamente dal possesso del titolo reale. Non viene decisa della famiglia reale (visto che la scorta è pagata con i soldi pubblici), «ma

dal Ministero dell’Interno inglese e da Scotland Yard. Diversi membri minori della famiglia reale, come le principesse Eugenia di York e Beatrice, per esempio, non hanno da tempo alcuna guardia del corpo pagata con i contributi pubblici».3) LE CONVERSAZIONI SULLA PELLE DI ARCHIE

Meghan dice che poco prima della nascita di Archie ci sarebbero state «preoccupazioni e conversazioni sul colore della pelle che avrebbe avuto mio figlio». Le conversazioni sarebbero state ascoltate solo da Harry, che però ha preferito non fare i nomi dei protagonisti.

Le «preoccupazioni» rappresentano forse l’accusa più pesante sulla monarchia, e sicuramente il punto su cui le «ricostruzioni» potranno divergere di più. Il punto, per i funzionari della monarchia sarà proprio quello di ricostruire chi ha detto esattamente cosa (Carlo? William?), e cercare per quanto possibile di ricostruirne le sue parole esatte. Per Antonio Caprarica, storico corrispondente da Londra per il Tg1, le «conversazioni» attorno a Archie headtopics.com

Eriksen, la foto dall'ospedale: 'Grazie a tutti, sto bene' M5s, voto e partecipazione online saranno gestiti da due piattaforme diverse In Edicola sul Fatto Quotidiano del 16 Giugno: Mix vaccini i dottori di famiglia: “vaghezze inaccettabili” - Il Fatto Quotidiano

: «La questione del colore della pelle era ciò di cui tutti parlavano. Sarebbe stato magnifico se fosse nato un principino dalla pelle nera, se nella famiglia reale dei Windsor, baluardo del razzismo bianco, fosse nato un principino di colore: sarebbe stata una cosa clamorosa. Da questo ad arrivare alle accuse di razzismo ce ne corre».

4) LA RICHIESTA DI AIUTO DI MEGHANMeghan racconta di aver avuto pensieri suicidi e di essersi rivolta a un funzionario dell’«institution»: «Ma mi hanno negato assistenza. Avrebbe avuto un impatto negativo sull’immagine della casa reale».

L’accusa è gravissima, e lascerebbe quasi configurare un reato: quello di violenza privata, per aver impedito a una persona le cure necessarie. Durante l’intervista sia Meghan chenon offrono elementi per approfondire il presunto episodio e verificare l’identità del funzionario che avrebbe rifiutato di prestare soccorso. Probabile che la monarchia concentrerà le proprie energie nelle prossime settimane per avviare

un’inchiesta internae fare luce sui fatti.Unsondaggio di Yougovfatto condotto subito dopo l’intervista, ha rilevato che gli inglesi sono perfettamente divisi tra la coppia volata a Los Angeles e la Regina. In media ogni tre cittadini uno crede che la coppia sia stata «trattata ingiustamente»; un altro «Non sa»; un altro, infine crede che le accuse lanciate non siano vere. La spaccatura è anche generazionale: ad appoggiare Harry e Meghan sono soprattutto i giovani sotto i 24 anni (il 48%), mentre a schierarsi a favore della Regina sono soprattutto gli ultra65enni (55%). Opinioni «divergenti» anche nel paese reale. headtopics.com

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

«Ora di Punta», arriva su Instagram la nuova rubrica di Vanity Fair - VanityFair.itUn appuntamento quotidiano, per discutere con giornalisti della redazione e ospiti sempre diversi i temi caldi di attualità, cultura e spettacolo. Il nuovo spazio social di Vanity Fair vuole essere un'occasione di confronto e crescita, declinata via social

«Il potere dell’alleanza»: il nuovo Vanity Stage dedicato alla sensibilizzazione contro il tumore ovarico - VanityFair.itInformazione, ricerca e condivisione sono le armi per combattere una delle neoplasie femminili più aggressive. L’incontro virtuale è in programma stasera alle ore 18:30, sulla piattaforma dedicata e sui canali social di Vanity Fair Italia

«En Plein Air», il servizio moda di Vanity Fair in edicola - VanityFair.itVoglie di campagna, gite in barca e passeggiate lungo il fiume. In compagnia di giacche antivento e maglie marinare, sahariane e galoche in gomma, borse di paglia e tanto cotone. Aspettando la zona bianca

Vanity Fair Green: il programma completo - VanityFair.itTanti gli ospiti che interverranno sul palco virtuale di «Vanity Fair Green – From challenge to change», l’evento digitale di Vanity Fair, in calendario il 15 aprile e aperto a tutti, dedicato alla sostenibilità. Ecco il calendario completo

«United for Progress», il nuovo evento digitale di Vanity Fair e Audi - VanityFair.itIn programma il 21 aprile alle ore 18:00, l'evento è dedicato all'innovazione e al progresso, e a chi condivide valori di autentica avanguardia per ispirare una nuova rinascita. Tanti gli ospiti che intervengono

Harry e Meghan Markle, con Joe Biden al concerto per la vaccinazione anti-Covid - VanityFair.itI Sussex parteciperanno insieme al presidente degli Stati Uniti (e a tanti altri super ospiti) al Vax Live, l’evento in sostegno di Covax, il programma internazionale che ha come obiettivo l’accesso equo ai vaccini: «Non possiamo lasciare indietro nessuno»