Medico lascia l’ospedale di Alzano: «Già il 15 febbraio un collega disse: questa è Sars-Cov»

Medico lascia l’ospedale di Alzano: «Già il 15 febbraio un collega disse: questa è Sars-Cov»

05/07/2020 12.14.00

Medico lascia l’ospedale di Alzano: «Già il 15 febbraio un collega disse: questa è Sars-Cov»

Cinque giorni prima del paziente 1 a Codogno il parere su una radiografia a Franco Orlandi, il primo deceduto di Nembro. Si dimette per un mancato accordo con l’azienda: «Voglio andare in Israele a trovare mia madre, contagiata»

Lo snodo decisivo dell’inizio dell’emergenza sta in questa storia e in altre simili. Non si facevano i tamponi, secondo la direzione dell’Asst,perché le circolari del ministero dicevano di non farli in assenza di contatti o rapporti del paziente con la Cina. «Il coraggio di violare i protocolli», come l’ha definito il presidente della Regione Attilio Fontana, aprì le finestre sull’epidemia già in corso grazie all’anestesista di Codogno, il 20 febbraio, rompendo gli argini per tutti.

Il Fatto di Domani del 15 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Bari, è gravissimo il quadro clinico del 54enne in Rianimazione: ischemia dopo il vaccino J&J - Il Fatto Quotidiano Alberto Sordi, nuovo omaggio a 'Il marchese del Grillo': il murale nel quartiere di Roma Garbatella

«Non c’era neanche la preparazione per affrontare tutto, però — racconta Abu Siam —.Il 23 febbraio dovevo fare il turno di notte, fino a lunedì mattina.Alle 17 ero stato chiamato e mi avevano detto “siamo chiusi, non venire nemmeno”. Alle 19, un’altra telefonata, per dirmi di andare al lavoro. Avevano già riaperto. Appena entrato nessuno sapeva cosa fare, il flusso di pazienti era ancora fermo. Fino a quel momento non avevamo mai usato mascherine in modo generalizzato e in tutto avevamo 10 tamponi. Li abbiamo usati sul nostro personale perché si iniziavano a notare anche sintomi tra medici e infermieri: l’ho fatto io al caposala, che poi è stato seriamente colpito dal virus. Per sentito dire, in un altro reparto ce n’erano anche meno quel giorno, di tamponi, i medici se li contendevano».

Dal lunedì 24, iniziarono ad arrivare altri pazienti, martedì i contagiati con residenza a Nembro risultavano già 8, in buona parte già ricoverati ad Alzano da prima di domenica. «Sì ma quei numeri lì erano già indietro rispetto alla realtà — dice Abu Siam —. Dipendevano dai pochi tamponi che potevamo fare, spesso bisognava aspettare che arrivasse il fattorino da Seriate a portarli». headtopics.com

Ciò che gli resta di quell’esperienza, sono soprattutto«pazienti soli, ma anche medici e infermieri se posso dirlo, anche noi lo eravamo.Io ho sentito distanti le varie direzioni, ma può anche essere stata una mia impressione. Quando si è ammalato il caposala, la sua vice ha fatto tutto da sola per separare un minimo le diverse situazioni, il direttore del ps Paolo Longhi, che ringrazierò per sempre per ciò che mi ha insegnato, si ammalò anche lui, ricoverato anche in Terapia intensiva. Abbiamo fatto da soli, uno per uno, tutto ciò che potevamo. Con un paziente di Villa di Serio positivo ma non nelle condizioni di essere ricoverato, abbiamo concordato che l’avrei seguito per telefono. Mi chiamava quando voleva sul cellulare. È guarito, ho provato a non perdere di vista mai nessuno». La famiglia ha poi portato un regalo, a Nadeem.

«In quel periodo anche le solite divisioni tra medici e infermieri non c’erano più — ricorda —.Ivan Mastroianni, il caposala, quando è tornato dopo essere guarito, ha fatto di tutto, ci ha messo l’anima.Si è parlato tanto dell’esercito presente ad Alzano, ma io non ho visto grandissimi interventi. E anche la tenda per il triage separato non l’ho mai vista funzionare, anche se è ancora lì». Si affastellano ricordi e nomi, nella testa di questo padre, giovane medico, con la casa piena di valigie per andarsene. «Proverò a fare il medico là, in Palestina. L’Italia mi ha regalato una moglie e una famiglia, ad Alzano e in questa emergenza ho imparato tanto: me ne vado portandomi dietro questo Paese e tutti i miei colleghi».

Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Indagate e scoprire la Verità per Tutti i Morti Assolutamente 😡😡😡😡😡😡😡😡 pisto_gol La smettessero i dirigenti di avere potere sulle risorse umane. Dovrebbero avere potere sulle scelte di business. Punto. 😳😳 Febbraio? Casomai Novembre 😉 MeryQ12 Qualcuno dovrà pagare prima o poi... Il primo febbraio, perché dichiararono lo stato di emergenza ? Per chiedere scusa ai cinesi !

Azz🤔

L’indice Rt Regione per Regione: sopra l’1 Lazio, Veneto ed Emilia «Dati positivi ma virus c’è ancora»«Il quadro generale della trasmissione e dell’impatto dell’infezione da SARS-CoV-2 in Italia Moriremo tutti!!!!!! Vaccinateci!!!!!!! Falsi, codardi, corrotti. Pagherete caro. Chiudiamo la Lombardia agli Emiliani!!! 😃

Superati gli 11 milioni di casi nel mondo: nuovo record negli Usa, Brasile il più colpitoIn Italia, dall’inizio della pandemia, almeno 241.184 hanno contratto il virus Sars-CoV-2: di queste, 34.833 sono decedute ( E certo saccheggiare e buttare giù statue non li rende mica immuni... 63 mil mortos!!! 👉 E o presidente minimizando a pandemia!😡 👉 E apoiando toda a manifestação contra a quarentena , pró golpe militar e que pede fechamento do STF_oficial e do Congresso!😡 👉 E VETANDO A OBRIGATORIEDADE DE USO DE MÁSCARAS! 😡 StopBolsonaro ForaBolsonaro

Zingaretti: i contagi stanno aumentando perché molti non rispettano le regoleIn Italia, dall’inizio della pandemia, almeno 241.184 hanno contratto il virus Sars-CoV-2: di queste, 34.833 sono decedute ( O perché quei luoghi non sono sanati. Fate voi i reclusi. Programmate la prevenzione, utile a tutti.

Regioniamo senza fretta sul lavoro a distanzaOccorre avere le idee chiare: in questa fase il pericolo è quello di legiferare a casaccio | Editoriale di Dario Di Vico per il Corriere Che dobbiamo ragionare? C'è chi ce l'ha e chi non ce l'ha.. E' esattamente come il lavoro tradizionale! dariodivico nessuno gli ha mai detto che intesa unicredit axa danone allianz generali ubi bnl hanno lo smart già DA ANNI 3/2 volte a settimana e tt funziona perfettamente? Ragioniamo se mai su tt gli altri Ad di aziende banche assicurazioni e finanziarie che lo negano (segue) dariodivico volutamente pur potendolo concedere.... Perché fermi al paleolitico... Ragioniamo.. Ma velocemente non lentamente... Al fine di nn concederlo mai più.......

Dagli Usa all’Europa è boom di licenziamenti: ecco i settori più colpitiNegli Stati Uniti il problema è già dilagato. In Europa l'impatto è stato finora contenuto dall'entrata in gioco di ammortizzatori

Cuba, musica e rum - VanityFair.itStavolta non è il bartender a ballare a ritmo di musica, ma il sound di un cocktail che ispira un brano: ecco “A Beat of Rum”, di Havana Club 💃