Foibe, Mattarella

Mattarella: “Le Foibe una sciagura nazionale, no al negazionismo” - La Stampa

Mattarella: “Le Foibe una sciagura nazionale, no al negazionismo”

09/02/2020 15.09.00
Foibe, Mattarella, Quirinale

Mattarella : “Le Foibe una sciagura nazionale, no al negazionismo”

Il presidente della Repubblica: «Oggi il vero avversario da battere è l'indifferenza»

12:02ROMA. "Una sciagura nazionale alla quale i contemporanei non attribuirono - per superficialità o per calcolo - il dovuto rilievo". Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione del Giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle Foibe. "Esistono ancora piccole sacche di deprecabile negazionismo militante", sottolinea il Capo dello Stato secondo il quale "oggi il vero avversario da battere, più forte e più insidioso, è quello dell'indifferenza, del disinteresse, della noncuranza, che si nutrono spesso della mancata conoscenza della storia e dei suoi eventi". 

La seconda vita della verdura imperfetta Austria: come gioca l'avversaria dell'Italia agli ottavi La classifica marcatori 'per club' agli Europei

"Il "giorno del Ricordo", istituito con larghissima maggioranza dal Parlamento nel 2004, contribuisce - si legge in una dichiarazione del Capo dello Stato - a farci rivivere una pagina tragica della nostra storia recente, per molti anni ignorata, rimossa o addirittura negata: le terribili sofferenze che gli italiani d'Istria, Dalmazia e Venezia Giulia furono costretti a subire sotto l'occupazione dei comunisti jugoslavi. Queste terre, con i loro abitanti, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, conobbero la triste e dura sorte di passare, senza interruzioni, dalla dittatura del nazifascismo a quella del comunismo. Quest'ultima scatenò, in quelle regioni di confine, una persecuzione contro gli italiani, mascherata talvolta da rappresaglia per le angherie fasciste, ma che si risolse in vera e propria pulizia etnica, che colpì in modo feroce e generalizzato una popolazione inerme e incolpevole. La persecuzione, gli eccidi efferati di massa - culminati, ma non esauriti, nella cupa tragedia delle Foibe - l'esodo forzato degli italiani dell'Istria della Venezia Giulia e della Dalmazia fanno parte a pieno titolo della storia del nostro Paese e dell'Europa".

"Si trattò di una sciagura nazionale - afferma Mattarella - alla quale i contemporanei non attribuirono - per superficialità o per calcolo - il dovuto rilievo. Questa penosa circostanza pesò ancor più sulle spalle dei profughi che conobbero nella loro Madrepatria, accanto a grandi solidarietà, anche comportamenti non isolati di incomprensione, indifferenza e persino di odiosa ostilità. Si deve soprattutto alla lotta strenua degli esuli e dei loro discendenti se oggi, sia pure con lentezza e fatica, il triste capitolo delle Foibe e dell'esodo è uscito dal cono d'ombra ed è entrato a far parte della storia nazionale, accettata e condivisa. Conquistando, doverosamente, la dignità della memoria. Esistono ancora piccole sacche di deprecabile negazionismo militante. Ma oggi il vero avversario da battere, più forte e più insidioso, è quello dell'indifferenza, del disinteresse, della noncuranza, che si nutrono spesso della mancata conoscenza della storia e dei suoi eventi. Questi ci insegnano che l'odio la vendetta, la discriminazione, a qualunque titolo esercitati, germinano solo altro odio e violenza. Alle vittime di quella persecuzione, ai profughi, ai loro discendenti, rivolgo un pensiero commosso e partecipe. La loro angoscia e le loro sofferenze non dovranno essere mai dimenticate. Esse restano un monito perenne contro le ideologie e i regimi totalitari che, in nome della superiorità dello Stato, del partito o di un presunto e malinteso ideale, opprimono i cittadini, schiacciano le minoranze e negano i diritti fondamentali della persona. E ci rafforzano nei nostri propositi di difendere e rafforzare gli istituti della democrazia e di promuovere la pace e la collaborazione internazionale, che si fondano sul dialogo tra gli Stati e l'amicizia tra i popoli. In quelle stesse zone che furono, nella prima metà del Novecento, teatro di guerre e di fosche tragedie, oggi condividiamo, con i nostri vicini di Slovenia e Croazia, pace, amicizia e collaborazione, con il futuro in comune in Europa e nella comunità internazionale", conclude il Capo dello Stato. headtopics.com

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Presidente, non è un po’ in ritardo? Si vergogni. Finalmente un pò di onestà Il negazionismo è quello dell’Anpi caro presidente Mattarella lo dica chiaramente. CaterinaDoglio Alors tu peux admettre que chacun de nous doit fermer sa gueule. Certo ❤️

A Casale scritte contro Forza Nuova vicino alla lapide per le vittime delle foibe - La StampaRaid nella notte in vista della manifestazione in programma nel pomeriggio.

Calendario Serie A, le partite e gli orari di oggi: la 23^ giornata | Sky SportLeggi su Sky Sport l'articolo Calendario Serie A, le partite e gli orari di oggi: la 23^ giornata

Juve, Sarri prepara il tridente per Verona: “Ronaldo ha riposato le ore giuste” - La StampaSabato sera i bianconeri giocano sul campo della rivelazione del campionato e il tecnico scalda Dybala: «Sono bipolare, a volte prendo decisioni e mi dimentico di essere l’allenatore»

Sanremo, partite le canzoni dei 24 big, ora Tiziano Ferro: la diretta&171;C&8217;&232; del bacismo&187;&44; ha commentato lo showman siciliano&46; E Tiziano&44; rivolgendosi al marito&58; &171;Avevamo detto ad un centimetro&44; scusa Victor&33;&187;&46; esticazzi!!! fncl a voi ed a tutti i cglni che guardano sanscemo

Come gestire la rabbia nella coppia: (non le solite) istruzioni per l'uso - VanityFair.itCapita di infuriarsi con il partner, ma non è bene esserlo sempre, altrimenti si tratta di risentimento. Ecco come imparare a gestirlo per portare nella relazione solo armonia e amore

Sanremo 2020: Le Vibrazioni, “Dov’è” - La StampaSanremo2020, salgono ora sul palco LeVibrazioni per cantare 'Dov'è': ecco il testo del brano in gara a Sanremo70 levibrazioni 🎶