Mattarella e l’impegno dei cattolici. La politica non sia disumana

Mattarella e l’impegno dei cattolici: «La politica non sia disumana»

06/11/2019 01.35.00

Mattarella e l’impegno dei cattolici: «La politica non sia disumana»

Mattarella e l’impegno dei cattolici. La politica non sia disumana. Le parole del presidente della Repubblica (dopo quelle del cardinale Camillo Ruini). Elogio di una tradizione da Sturzo a Moro

Giudizio «irrilevante»Com’è ovvio, il presidente della Repubblica non entra nei botta e risposta sulla politica di giornata, anche se a parlarne sono le alte gerarchie vaticane, in carica o scadute. Di sicuro però il suo discorso di ieri a Ravenna ha il sapore di una doppia puntualizzazione, storica e culturale. Ed è un inedito assoluto il fatto che rivendichi — da capo dello Stato — il diritto di intervenire: «Io rappresento tutte le opinioni, le ideologie, le correnti, le posizioni, le convinzioni del nostro Paese. Questo non mi impedisce di sottolineare, per ciascuna di esse, i loro caratteri». Insomma: certe cose sente di doverle dirle. Il primo chiarimento balza evidente mettendo a confronto il giudizio dell’ex presidente della Cei sul ruolo dei cattolici democratici, definito «irrilevante», mentre Mattarella si preoccupa — guarda caso — di elencare in quella tradizione alcune «figure esemplari» e decisive nella vita nazionale, «da Sturzo a De Gasperi a Moro». Il secondo chiarimento emerge quando il presule indica un presunto ed esclusivo ancoraggio «a sinistra» di quella tradizione politica, attribuendola appunto alla sola sinistra del partito e dimenticando che nella nozione stessa di cattolicesimo democratico si riconosceva l’intera Democrazia cristiana fin dalle origini, in quanto antifascista.

Covid Uk, Johnson: 'Riapertura totale rinviata al 19 luglio' 'Altrimenti ci arrabbiamo', il remake: trama e poster del film Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano

«Ricerca del bene comune»Due pagine di storia su cui Mattarella è sensibile, perché coincidono con la sua stessa biografia. E che lega a Zaccagnini, al quale rende onore come già ha fatto con il liberale Einaudi o il socialdemocratico Saragat, entrambi antifascisti. Il presidente rammenta tante cose della sua frequentazione con l’amico romagnolo. Gli viene per esempio in mente «il giorno in cui al congresso della Dc fu riconfermato segretario e al momento della proclamazione non c’era… Era partito velocemente per Ravenna perché era morto un suo amico. Questo rifletteva il senso di umanità profonda che lo muoveva. Perché la politica non può essere disumana… ma deve semmai mirare alla ricerca del bene comune, al di là dei confini di ideologie, opinioni e fedi». E qui, sull’eclissi degli ideali e sulla disumanità dei nostri tempi evocate da Mattarella, ciascuno può cogliere i riferimenti che crede, secondo le proprie nostalgie. Le cronache politiche parlano da sole.

5 novembre 2019 (modifica il 5 novembre 2019 | 21:52) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Farebbe meglio di valutare il suo operato che manda il paese contro un muro avendo permesso un governo di incapaci e negando al paese il diritto di esprimersi! Si dovrebbe vergognare!

Le auto autonome rovineranno le città? - La StampaPromettono più sicurezza e sostenibilità, ma il futuro delle metropoli rischia di essere molto diverso

4 Novembre: Mattarella a Napoli per celebrare la Giornata dell'Unità nazionale e delle Forze armateAlla parata sul lungomare Caracciolo 500 militari, tra uomini e donne di Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri e Guardia di Finanza. Il ministro Guerini: 'La storia ci insegna che occorre rimanere vigili'. Il sindaco de Magistris: 'Grazie per la grande attenzione alla nostra città'. A fare la guerra.

Dietro la Ferrante, la lezione di Calvino.Lagioia: “Concilia bene complessità e leggibilità” - La StampaLo scrittore e direttore del Salone del libro guiderà domani a Torino la serata dedicata al nuovo libro dell’autrice misteriosa, in uscita giovedì

A Torino la prima carrozzella intelligente che migliora l’autonomia di chi la usa - La StampaTORINO. Si chiama A.L.B.A. ed è la prima carrozzella intelligente che migliora l’autonomia di quanti ne fanno uso: oggi la presentazione presso il presidio San Camillo di Torino, centro convenzionato specializzato nella riabilitazione. Parliamo di un sistema a supporto degli spostamenti del paziente che integra le migliori tecnologie provenienti dal mondo delle macchine a guida autonoma e della robotica. Dove per pazienti si intendono non solo i grandi disabili ma anche gli anziani, ormai una costante in una regione e in un Paese che invecchiano rapidamente. Tecnologia applicata Non a caso, la carrozzina di nuova concezione nasce dalla collaborazione tra aziende leader nei rispettivi settori: Presidio Sanitario San Camillo Moschini, Teoresi, Amazon Alexa, STMicroelectronics, United Technologies Research Center, OTIS, Torino Wireless, R.Zenti, TwinPixel. Nuova frontiera Grazie al nuovo apparecchio il paziente può muoversi in maniera convenzionale oppure autonoma sfruttando strumenti evoluti come i comandi vocali o da remoto. Non solo: A.L.B.A. interagisce con le infrastrutture e può spostarsi tra i piani dell’edificio comunicando direttamente con gli ascensori. Insomma: un sistema in grado di rivoluzionare la vita del paziente.

Alessandria, la testimonianza del pompiere: «Le bombole erano messe apposta, c’erano degli inneschi»L’audio di un vigile del fuoco che racconta come è avvenuta la dinamica dell’esplosione Maledetti luridi bastardi assassino! ERGASTOLO!

Armani e Ferrari, al via la partnership tra le icone made in ItalyIl gruppo Armani produrrà capi e accessori a marchio Ferrari. Un accordo a lungo termine che è, in primis, un modo per celebrare il “fatto in Italia” puntando ad elevare gli standard di eccellenza.