Motogp, Honda

Marquez: 'Sto meglio. Quando tornerò? Dal Qatar in poi...'

#MotoGP #Honda #Marquez: 'Ecco quando torno' #motori

22/02/2021 16.15.00
Motogp, Honda, Marquez, Motogp, Marc, Marquez, Honda, Ritorno, Dottori

MotoGP Honda Marquez : 'Ecco quando torno' motori

Lo spagnolo della Honda e la spalla operata: 'Lavoro per tornare a guidare la moto in sicurezza: ai test di Losail non vado, ma...'

Un traguardo alla volta Il traguardo del ritorno in sella non pare un'ossessione, ma un traguardo da raggiungere nelle migliori condizioni al più presto possibile."Lavorerò non in modo aggressivo, ma nel modo giusto per recuperare la muscolatura ed essere in grado di guidare la moto in modo corretto: il 100% della forma arriverà con il tempo, ma voglio ottenere quanto mi serve per stare in sella in modo appropriato, con una forma fisica generale e delle braccia accettabili per pilotare una MotoGP- dice Marc -. Io mi pongo un traguardo alla volta: ai test in Qatar non vado perché non mi sento pronto, a quel punto proverò a esserci per i GP in Qatar, ma decideranno i dottori; se non sarò ancora in condizione il traguardo sarà il GP in Portogallo e se non sarà possibile allora metterò nel mirino Jerez. A metà marzo ho un altro controllo dei medici e vediamo cosa dicono: quando mi diranno che sarò pronto, tornerò in sella: vedremo se il consolidamento dell'osso sarà al 60%, 70% o non so e pure che forza muscolare avrò. Al momento ho iniziato da poco un lavoro anche di carico, ma parliamo di 1 kg di peso, e vediamo come procede".

Migranti, Frontex: +151% arrivi nel Mediterraneo centrale nel 2021 Von der Leyen oggi a Roma consegna la 'pagella' a Draghi, Bruxelles promuove il Pnrr italiano Padova, per la prima volta una donna rettrice dell’Università - VanityFair.it

Pronti alla volataNessuna accusa Poi Marc fa un passo indietro, al suo calvario:"Le conseguenza del mio infortunio sono frutto di tante cose: tornare a Jerez è stato un errore, ma alla fine la decisione finale resta la mia - dice Marc -. Però se io, la Honda e il team riceviamo un buon feeling dai dottori ci fidiamo: in passato i medici hanno fatto belle cose e abbiamo detto che avevano fatto dei miracoli, adesso non mi sento di puntare il dito su di loro. Non so se prenderei rischi simili in futuro, ma devo guardare solo avanti".

LEGGI ANCHESettembre nero Nel suo calvario Marquez individua chiaramente il momento peggiore:"Mentalmente è stato un periodo molto duro specialmente quello fra settembre e ottobre, quando ogni settimana non c'erano progressi del braccio, pur facendo molta terapia. Poi sono arrivate l'operazione, l'infezione e dopo la terza operazione è stata dura perché sono stato a lungo in ospedale, ma cerco di essere sempre ottimista - analizza Marc -. Il nervo radiale è stato sempre bene, il problema è la preudoartosi emersa dopo la seconda operazione e l'infiammazione che ne è nata: non si vedeva bene e non aiutava il recupero dell'osso, ma ora va meglio. In sella il primo obiettivo sarà di divertirmi, ma poi di tornare gradualmente il Marc di prima, aggressivo come sempre. Mir mi indica come favorito al titolo? Che i rivali ti vedano come il primo rivale è bello, ma serve calma e credo che il favorito sia lui che è il campione in carica". headtopics.com

Pol Espargaro in tuta HondaPol Espargaro Il nuovo compagno, Pol Espargaro ha le idee chiare:"La prima cosa sarà di essere calmi, avere tutto sotto controllo per quanto possibile, stare concentrato sul mio lavoro e rendere al meglio - dice lo spagnolo proveniente dalla Ktm -. Vedermi nella tuta arancio-rossa della Honda è stato emozionante, è lì che ho realizzato dove ero approdato e quanto prestigioso sia correre per il team Honda Hrc. Marquez? Eravamo bimbi quando ci incontrammo la prima volta in pista, me lo ricordo: abbiamo fatto belle battaglie in Moto2 e averlo al fianco è speciale. Abbiamo un buon rapporto, ma è il mio primo rivale: lui è miglior pilota al mondo e lottare con lui sarà difficile".

LEGGI ANCHEIl limite della moto  Leggi di più: LaGazzettadelloSport »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Massimo D’Alema ha il Covid: «Sto bene, sono asintomatico»Anche Massimo D’Alema è positivo al Covid. A dirlo è lui stesso, contattato telefonicamente dell’Ansa per commentare le condanne cancellate all’ex... E te pareva. Toccamose li cojo’ Ce ne faremo una ragione Aiaiaiaiai... poraccio... dopo lo sdeng del uomo meno popolare in Italia che manda a casa il più popolare, si becca anche lo sdeng della malattia. Auguri di pronta guarigione

Gabry Ponte: «Sto per diventare papà» - VanityFair.itAttraverso i suoi profili social, Gabry Ponte fa sapere, 3 mesi dopo l'intervento al cuore a cui è stato sottoposto per una malattia congenita, che diventerà presto papà a 47 anni

«Volevano farmi fuori, sotto scacco non ci sto»: la scelta di Zingaretti (e cosa succede ora)Il segretario: «Non smetterò di fare politica, non ci pensino proprio» Con le dimissioni ha anticipato l'uscita da segretario. Bravo Zingaretti, hai dato una bella mazzata ai tuoi compagni di partito che ti volevano farti fuori. Complimenti, ogni tanto dimostri di aver un po' di cervello. Ora darioFRANCE-SCHINI si prenda le proprie responsabilità. Ricordiamo che per quelli lì AndreaOrlandosp non può fare il ministro e il vice Segretario... Zingaretti come Fiorello non è Bersani

“Io sto con Speranza, attacchi vili e orribili” - Il Fatto QuotidianoCerte volte si ha la fortuna di poter guardare le cose da un altro punto di vista. Sono le situazioni in cui ci si accorge di ragionare per pregiudizi, di essere tutt’altro che obiettivi e sereni come invece si immaginava, che certe opinioni che si credevano frutto di raffinati e spassionati ragionamenti erano invece grossolane … In galera a vita deve andare insieme a tutti quelli che lo hanno sostenuto, giornalisti, virologi e venduti vari. icompagni in rolex e no stannocon speranza perche credevano che figliolo draghi ecc non riuscissero a vaccinare tante persone primo paese ue cosi poi daranno il merito a speranza facendo passaregli altri da coglioni. un comunista che ah lavorato una vita Anch'io. Mi sembra uno dei pochi migliori di questo nuovo governo che trasmette confusione. Ma ..il recovery Plan? È sparito assieme al virus?

Io sto con le lumache: come cambiare vita e ritmi ai tempi della pandemia - VanityFair.itLa nuova vita di Martino Crespi, creatore di grandi eventi internazionali e ora anche allevatore di chiocciole che propone ai grandi chef per inventare nuove ricette