Marco e il ritorno in moto: «Vivrò con una mano bionica»

Marco e il ritorno in moto: «Vivrò con una mano bionica»

22/05/2020 01.41.00

Marco e il ritorno in moto: «Vivrò con una mano bionica»

Ivrea, l’incidente sul lavoro tre anni fa. I 12 movimenti controllati dal cervello. «Sono pronto a ripartire. Il mio motto? L’unico tuo limite è l’immaginazione»

EmailL a felicità per Marco è svuotare la lavastoviglie nella sua casa di Piverone, nel silenzio, spezzato dal frinire dei grilli, delle colline che abbracciano Ivrea. E, mentre lo racconta, sorride, quasi si vergogna. «Con due mani si fa più in fretta». Da più di tre anni era abituato ad averne solo una, per giunta la sinistra, con cui ha reimparato a compiere ogni gesto. Per un po’, anche a lavorare nella macelleria di un agriturismo dove era impiegato da anni e ha perso la mano destra, distrutta da un tritacarne.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Per Germania-Ungheria l'Allianz potrebbe tingersi di arcobaleno

L’incidente«Come sia successo non so. Forse mi sentivo sicuro perché era un movimento ormai banale per me, anche se indossavo tutti i dispositivi di protezione. E poi, i miei titolari, una seconda famiglia, sono sempre stati fiscali sul rispetto delle regole di sicurezza. Un incidente pareva impossibile e invece è accaduto». Ma Marco, che di cognome fa Bucci, è rimasto un entusiasta della vita. E, adesso, sta riscoprendo la normalità dimenticata di avere due mani. Un’azienda di Torino, l’Officina ortopedica Maria Adelaide, gli ha applicato una protesi bionica parziale multiarticolata, dal valore di 40mila euro, pagati dall’Inail. Lo strumento restituisce a Marco le quattro dita perdute durante l’incidente — i medici dell’ospedale Maria Vittoria di Torino sono riusciti a salvargli solo il pollice — e gli consente di compiere 12 movimenti diversi. La presa si adatta alla forma dell’oggetto e un dispositivo di stretta automatica impedisce a questi ultimi di cadere, oltre a poter utilizzare schermi touch con l’indice della protesi.

Passione per le due ruoteE così questo ragazzo di 33 anni è tornato anche a stringere la mano agli altri, afferrare il cellulare e una tazzina del caffè e, dopo un periodo di allenamento, Marco spera anche di tornare a guidare la sua Kawasaki Ninja nera e sempre lucidissima. È una delle sue «bambine» a due ruote. «Sono metà toscano e metà emiliano, i miei genitori si sono trasferiti a Ivrea per lavorare all’Olivetti, al calcio preferisco le moto». E già adesso poterla di nuovo cingere, piegare il busto in avanti come se fosse in pista a quasi 300 chilometri orari e tornare con la mente a una delle tante gare vinte, è una sensazione che confida di non sapere descrivere a parole. headtopics.com

Nuova vita«ln sella — racconta — divento di nuovo bambino. Guido da quando avevo 14 anni, poi otto anni fa ho iniziato a correre su pista, a livello amatoriale, ma dopo tanto tempo ero arrivato a una categoria interessante. Dopo l’incidente ho smesso. Penso che questa sia l’unica cosa che amavo e ho dovuto abbandonare. Ma ora, grazie a questa protesi e a un’altra, che l’Officina mi sta costruendo, specifica per la moto, sono pronto a ripartire da capo». E, mentre Marco parla, ci si accorge che molte sue frasi cominciano con «grazie all’incidente». Perché proprio quell’evento gli ha dato la spinta per cambiare la sua vita. A partire dal lavoro. Ora lavora in proprio; si occupa di marketing, personalizza con loghi aziendali qualunque oggetto ci venga in mente. Il suo motto è: «L’unico tuo limite è l’immaginazione». Ma cambiare non è stata un’esigenza fisica. Finito il periodo di recupero, era tornato in agriturismo, in cucina. L’idea è maturata da altro. «Prima ero sempre impegnato, non c’era mai il tempo per un pranzo con mia madre, poi ho capito che da un giorno all’altro potrebbe non esserci più l’occasione di condividere certi momenti. Voglio apprezzare ogni singolo momento della vita, che è bella ma può volare via in un attimo».

21 maggio 2020 (modifica il 21 maggio 2020 | 23:18) Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Marco e la sfida di tornare in moto: «Vivrò con una mano bionica»Ivrea, l’incidente sul lavoro tre anni fa. I 12 movimenti controllati dal cervello. «Sono pronto a ripartire. Il mio motto? L’unico tuo limite è l’immaginazione»

Marco e la sfida di tornare in moto: «Vivrò con una mano bionica»Ivrea, l’incidente sul lavoro tre anni fa. I 12 movimenti controllati dal cervello. «Sono pronto a ripartire. Il mio motto? L’unico tuo limite è l’immaginazione»

Leclerc attore a Montecarlo per il sequel del film scandalo di LelouchDomenica il maestro francese realizzerà il seguito di «C’etait un rendez vous». Con il giovane pilota su una Rossa stradale

Pronto a riaprire il ristorante «Lorenzo» di Forte dei MarmiIl rinomato locale della Versilia, da una stella Michelin, si organizza con il 30% dei posti in meno, sperando di allargare il dehor Una marchetta? E chi sarà mai?

Intimissimi: il nuovo spot con Bruna MarquezineIntimissimi introduce il nuovo Cotone Ultrafresh Supima con una linea di maglieria e una campagna pubblicitaria che ha per protagonista Bruna Marquezine bea_cena intimissimi BruMarquezine 👑👑😍 intimissimi 😍😍😍😍😍 intimissimi 😍😍😍😍

Renzo Pasolini, sigarette, alcool donne e balera: così 47 anni fa moriva in pista a Monza il Best delle motoDivenne celebre per il suo stile alternativo e per i duelli con Giacomo Agostini. Scomparve a 34 anni nell’incidente in cui perse la vita anche Saarinen La Ducati 'Paso' un omaggio significativo.