Marciapiedi extralarge, ciclabile e «corridoi» verdi: effetto M4 sull’asse Ovest

Marciapiedi extralarge, ciclabile e «corridoi» verdi: effetto M4 sull’asse Ovest

28/10/2019 11.19.00

Marciapiedi extralarge, ciclabile e «corridoi» verdi: effetto M4 sull’asse Ovest

Mentre sottoterra procedono i cantieri per la linea «blu» della metropolitana in superficie si pensa ai piani di riqualificazione. Il Municipio 6: «Più posti auto interrati»

EmailUna connessione tra l’area verde di via Dezza e il parco Solari, un’unica ciclabile che da Ronchetto arriva a Cadorna, marciapiedi più larghi. Mentre sottoterra procedono i cantieri per la linea «blu» della metropolitana (interamente aperta nel 2023), in superficie si pensa a come ridisegnare gli spazi corrispondenti alle future fermate. Le prime idee per la tratta Ovest, che va da Solari a San Cristoforo, sono appena state presentate dall’amministrazione ad associazioni e comitati. Il 6 novembre è previsto invece l’incontro con i cittadini, per raccogliere suggerimenti e opinioni. Fil rouge del progetto è favorire gli spazi pedonali e la mobilità dolce. Così, per esempio, si pensa di «avvicinare» i giardinetti di via Dezza al parco Solari. Come? Riconquistando spazi verdi e realizzando attraversamenti rialzati, per creare un’unica passeggiata. All’altezza della stazione di Tolstoj, poi, saranno piantati alberi e allargati i marciapiedi, in previsione del maggior via vai di persone una volta che sarà attiva la M4. Lo spazio sarà rubato alla sosta delle auto, ma l’amministrazione propone di recuperare gli stalli perduti nella vicina via Romagnoli, rendendola a senso unico. Anche la chiesetta di San Protaso, che i comitati di quartiere temevano potesse subire danni per il passaggio delle macchine scavatrici, è contemplata nel restyling.

Euro 2020, malore per Eriksen durante Danimarca-Finlandia Eriksen si accascia: è a terra privo di sensi, compagni in lacrime. Diversi massaggi cardiaci Il doppio livello di Matteo Salvini: il sostegno al premier e le accuse in stile No vax

Lo spazio di fronte all’edificioverrà riqualificato e collegato al parco attraverso nuovi passaggi pedonali. Lungo l’asse occidentale della «blu» è prevista poi la creazione di un unico percorso ciclabile di 5,5 chilometri, tra tratti nuovi e altri già esistenti. Ronchetto verrà collegata con piazza Tirana attraverso la passerella su Naviglio e ferrovia. Il tracciato per le bici proseguirà poi attraverso la riqualificazione stradale del quadrilatero attorno a via Segneri, la ciclabile di largo Giambellino, Scalabrini, Vespri siciliani fino a piazza Napoli, e poi ancora lungo via Foppa fino al Parco Solari. Da qui si concluderà passando da via Olona per arrivare a Sant’Ambrogio e infine a Cadorna. Il progetto «è una decisa rivisitazione delle aree rispetto alla situazione precedente — dice Santo Minniti, presidente del Municipio 6 —. Rimane qualche criticità sul tema della sosta in zona Solari-Tortona-Savona. Ho chiesto all’assessore alla Mobilità Marco Granelli di valutare l’ipotesi di parcheggi interrati per i residenti, in modo da liberare stalli in superficie». Granelli ha anche assicurato che rimarrà attiva la linea 50 Atm, che sostanzialmente ricalca il tracciato M4. Su questo punto esprime perplessità Orietta Colacicco del comitato Foppa-Dezza-Solari. «Servirà ancora il bus quando sarà in funzione la blu? Vorrei capire costi e flussi». Se il progetto nel complesso le sembra positivo, chiede che siano tenute in considerazioni le esigenze dei commercianti, penalizzati in questi anni dall’impatto dei cantieri. «E ci piacerebbe vedere anche come saranno le stazioni all’interno».

Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Basket A2, Pinkins guida la Reale alla vittoria - La StampaLa Reale Mutua torna alla vittoria e si conferma in testa al girone Ovest.

L’impatto del voto in Umbria sul governo: comincia il logoramento del Conte bisDavanti alle dimensioni della sconfitta in Umbria della coalizione che sostiene il Conte II, è inevitabile che gli effetti si sentiranno sul Governo ..e del 5stelle Stampa e Tv della casta politica mafiosa di pd fi fdi e lega sono contro i5s solo che molti cittadini non hanno ancora capito che è solo propaganda ma per gli interessi della casta non del paese Cominciano a sparire i caproni dei 5 stelle. Conte e solo un burattino

Labbra rifatte prima e dopo: 9 star pre e postLe labbra rifatte vanno di moda ad Hollywood: dalle sorelle Jenner (Kylie e Kendall) fino a Christina Aguilera, ecco 9 star prima e dopo filler and Co.

Regionali Umbria, Di Maio sotto accusa blocca le intese locali. I ribelli M5S alzano il tiro: intervenga GrilloRegionali Umbria, Di Maio sotto accusa blocca le intese locali. I ribelli M5S alzano il tiro: intervenga Grillo. Dall’area del capo critiche all’«effetto Conte». La linea Maginot del Movimento in Umbria ha un numero ben preciso: quel 10%, la doppia cifra, che serve a decretare se la sconfitta Game Over beppegrillo e’ impegnato a seguire il figlio indagato 😁 m5s Il bimbo dimayo chiama papà Grillo. Ma che razza di leader sei?

Tragedia nel Salernitano: a 15 anni si toglie la vita tre mesi dopo il suicidio del fidanzato - La StampaSi è uccisa lanciandosi sotto un treno, a 15 anni, tre mesi dopo il suicidio del giovane di cui era innamorata. Il gesto disperato della ragazza è avvenuto ieri nella stazione di Agropoli (Salerno): è stata vista vagare sui marciapiedi, e poco prima delle 16 si è lasciata cadere sui binari. A raccontare la vicenda oggi Il Mattino. Il 20 luglio scorso il fidanzato della 15enne, uno studente universitario di 22 anni, si era tolto la vita nel poligono di Eboli, dove spesso si esercitava nel tiro a segno. Un gesto inatteso che aveva segnato profondamente la vita della ragazza: da allora i suoi post su Instagram erano malinconici e rivolti alla memoria dell'amore perduto. «Certo che mi rivedrai, gli addii non sono per sempre», aveva scritto. Il tempo non era servito a lenire il dolore: la giovane sembrava condurre una vita normale, frequentando il liceo scientifico e i soliti amici. Anche ieri mattina doveva recarsi a scuola, invece all'insaputa di tutti aveva scelto di entrare nella stazione di Agropoli. Nessuno dei passanti che ha incrociato ha intuito quali fossero le sue intenzioni, fino all'ultimo tragico momento. Così molto triste Che Dio li possa far ritrovare in paradiso Il tessuto sociale è disgregato, vicini alla famiglia 15 anni lenire un dolore così non si può ma si deve. Dopo il suicidio del fidanzato intorno a sé il vuoto?! Povera